La nebulosa fantasma di Cassiopea, catturata da Hubble

La costellazione di Cassiopea, dal nome di una vanitosa regina nella mitologia greca, ha la forma a “W” facilmente riconoscibile nel cielo notturno. Il punto centrale della W è segnato da una stella chiamata Gamma Cassiopeiae.

Le stelle di Cassiopea

Gamma Cassiopeiae è una stella variabile blu-bianca che è circondata da un disco gassoso. Questa stella è 19 volte più massiccia e 65.000 volte più luminosa del nostro Sole. Ruota anche alla incredibile velocità di 1,6 milioni di chilometri all’ora – oltre 200 volte più veloce della nostra stella madre. Questa rotazione frenetica le conferisce un aspetto schiacciato. La rotazione veloce causa eruzioni di massa dalla stella in un disco circostante. Questa perdita di massa è correlata alle variazioni di luminosità osservate.

La radiazione di Gamma Cassiopeiae è così potente che colpisce anche IC 63, a volte soprannominata la Nebulosa fantasma, che si trova a diversi anni luce dalla stella. IC 63 è visibile nell’immagine in evidenza, immagine ripresa dal Telescopio Spaziale Hubble della NASA / ESA.

L’idrogeno a colori

I colori nella nebulosa inquietante mostrano come la nebulosa sia influenzata dalla potente radiazione proveniente dalla stella lontana. L’idrogeno all’interno di IC 63 viene bombardato da radiazioni ultraviolette provenienti dalla Cassiopea Gamma, causando una carica di energia ai suoi elettroni che successivamente rilasciano come radiazione idrogeno-alfa, visibile in rosso.

Questa radiazione idrogeno-alfa rende IC 63 una nebulosa a emissione, ma vediamo anche la luce blu in questa immagine. Questa è la luce della Gamma Cassiopea che è stata riflessa dalle particelle di polvere nella nebulosa, il che significa che IC 63 è anche una nebulosa a riflessione.

Questa nebulosa colorata e spettrale si sta lentamente dissipando sotto l’influenza delle radiazioni ultraviolette di Gamma Cassiopeiae. Tuttavia, IC 63 non è l’unico oggetto sotto l’influenza della potente stella. Fa parte di una regione nebulosa molto più ampia che circonda Gamma Cassiopeiae che misura circa due gradi nel cielo – circa quattro volte più ampia della Luna piena.

Questa regione è vista meglio dall’emisfero settentrionale durante l’autunno e l’inverno. Anche se è alta nel cielo e visibile tutto l’anno dall’Europa, è molto debole, per cui osservarlo richiede un telescopio abbastanza grande e cieli scuri.

Dall’alto dell’atmosfera terrestre, Hubble ci offre una visione che non possiamo sperare di vedere con i nostri occhi. Questa foto è probabilmente l’immagine più dettagliata che sia mai stata scattata su IC 63 e mette anche in risalto le capacità di Hubble.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 4 =