Abuso e uso improprio degli antibiotici nel mondo: un rapporto dell’OMS

Nuovi dati pubblicati oggi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità rivelano ampie differenze nel consumo di antibiotici tra i diversi paesi. Per la prima volta, l’OMS ha raccolto dati sul consumo di antibiotici per l’assistenza sanitaria di 65 paesi e aree.

Discrepanze per opposte ragioni

Il rapporto trova ampie discrepanze nei tassi di consumo tra i paesi, che vanno da circa 4 dosi giornaliere (DDD) definite / 1000 abitanti al giorno a più di 64 DDD. La grande differenza nell’uso di antibiotici in tutto il mondo indica che alcuni paesi stanno probabilmente sfruttando troppo gli antibiotici, mentre altri paesi potrebbero non avere un accesso sufficiente a questi medicinali salvavita.

La Regione Europea dell’OMS, che ha fornito i dati più completi per la relazione, ha avuto un consumo medio di 17,9 DDD / 1000 abitanti al giorno con una differenza di quasi 4 volte tra il paese più povero e quello con il più alto consumo nella regione.

“L’abuso e il cattivo uso di antibiotici sono le principali cause di resistenza antimicrobica. Senza antibiotici efficaci e altri antimicrobici, perderemo la nostra capacità di trattare infezioni comuni come la polmonite”, afferma Dr Suzanne Hill, direttore del Dipartimento di farmaci essenziali e prodotti sanitari dell’OMS. “I risultati di questo rapporto confermano la necessità di intraprendere azioni urgenti, come l’applicazione di politiche di sola prescrizione, per ridurre l’uso non necessario di antibiotici”.

Tipi di antibiotici usati

Il rapporto rileva che amoxicillina e amoxicillina con acido clavulanico sono gli antibiotici più frequentemente utilizzati in tutto il mondo. Questi farmaci sono raccomandati dall’OMS come trattamento di prima o seconda linea per le infezioni comuni e appartengono alla categoria ” Access” dell’elenco dei modelli di farmaci essenziali dell’OMS. In 49 paesi, la categoria Access rappresenta oltre il 50% del consumo di antibiotici.

Gli antibiotici ad ampio spettro, come cefalosporine di terza generazione, chinoloni e carbapenemici, sono classificati come antibiotici “Watch” che dovrebbero essere usati con cautela a causa del loro elevato potenziale di causare resistenza antimicrobica e/o per i loro effetti collaterali. Questo rapporto mostra un’ampia gamma di consumo di antibiotici nella categoria Watch, da meno del 20% del consumo totale di antibiotici in alcuni paesi a oltre il 50% in altri.

Gli antibiotici di gruppo ” Reserve”, che dovrebbero essere usati come antibiotici di ultima istanza per il trattamento di infezioni specifiche, causate da batteri resistenti a più farmaci, rappresentano meno del 2% del consumo totale di antibiotici nella maggior parte dei Paesi ad alto reddito e non sono segnalati dalla maggior parte paesi a basso e medio reddito. Ciò potrebbe indicare che alcuni paesi potrebbero non avere accesso a questi farmaci che sono necessari per il trattamento di complicate infezioni multiresistenti.

Dati essenziali per i paesi

Dati affidabili sul consumo di antibiotici sono essenziali per aiutare i paesi a sensibilizzare all’uso appropriato di antimicrobici, per cambiamenti informati sulle politiche e normativi, per ottimizzare l’uso, identificare aree di miglioramento e monitorare l’impatto degli interventi e migliorare l’approvvigionamento e l’offerta di medicinali.

Nella raccolta dei dati per questo rapporto, l’autorità sanitaria della Costa d’Avorio ha rilevato debolezze nella gestione dell’offerta di medicinali. Di conseguenza, ha introdotto un sistema per assegnare codici univoci ai prodotti medici autorizzati per migliorare il monitoraggio dei farmaci. Ha anche contribuito ad accelerare lo sviluppo di un piano d’azione nazionale per combattere la resistenza antimicrobica.

Altri paesi, come il Bangladesh, prevedono di utilizzare i dati sul consumo per migliorare la garanzia della qualità dei farmaci, dando la priorità ai controlli di qualità per i prodotti e i pacchetti più venduti.

Alcuni paesi, come il Burkina Faso, hanno ampliato i propri sistemi di sorveglianza per includere dati provenienti da strutture sanitarie.

Migliorare i dati sull’uso degli antibiotici

I dati presentati in questo primo rapporto variano ampiamente in termini di qualità e completezza. Mentre la Regione Europea e alcuni paesi con risorse adeguate hanno raccolto dati sull’uso degli antibiotici per molti anni, diversi paesi affrontano sfide importanti, inclusa la mancanza di fondi e di personale qualificato, nella raccolta di dati affidabili.

Dal 2016, l’OMS ha sostenuto 57 paesi a basso e medio reddito per istituire sistemi standardizzati per monitorare il consumo di antibiotici. Sedici di questi paesi hanno contribuito a questa prima relazione e molti altri dovrebbero contribuire ai dati globali nei prossimi anni.

A partire dal 2019, i dati sul consumo di antimicrobici verranno integrati nella piattaforma IT GLOB (Global Antimicrobial Resistance Surveillance System) per fornire un unico spazio per i dati relativi al consumo e alla resistenza.

La metodologia dell’OMS è stata sviluppata per allinearsi alla banca dati globale dell’OIE (World Organization for Animal Health) sull’uso di antimicrobici negli animali. Questo allineamento consentirà in futuro di confrontare il consumo di antibiotici tra il settore umano e quello animale.

Accesso limitato agli antibiotici

Le infezioni resistenti ai farmaci possono anche derivare da uno scarso accesso agli antimicrobici. Molti paesi a basso e medio reddito hanno alti tassi di mortalità per malattie infettive e bassi tassi di utilizzo di antibiotici.

La resistenza si verifica quando le persone non possono permettersi un ciclo completo di trattamento o hanno solo accesso a medicinali scadenti o contraffatti. Bassi livelli di consumo in alcuni paesi possono indicare che le persone hanno un accesso limitato a questi farmaci ma possono anche indicare sistemi deboli per la fornitura di antibiotici.

In molti paesi, la mancanza di accesso ad antibiotici sicuri di qualità, spinge le persone ad acquistare antibiotici senza prescrizione medica sul mercato informale, che al momento non viene catturato dal sistema di sorveglianza. Le vendite non regolamentate di antibiotici contribuiscono all’abuso e all’uso improprio di questi medicinali.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × due =