I casi di malaria sui riducono troppo lentamente: lanciata una nuova campagna OMS

Secondo il nuovo rapporto mondiale sulla malaria 2018, la riduzione dei casi di malaria si è bloccata dopo diversi anni di declino a livello mondiale. Per riportare in discesa il numero di casi di malattia e i decessi correlati, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ei suoi partner lanciano una campagna per aumentare la prevenzione e il trattamento e gli investimenti.

Due anni stazionari

Per il secondo anno consecutivo, il rapporto annuale prodotto dall’OMS rivela un plateauing nel numero di persone colpite dalla malaria: nel 2017, si stima che ci fossero 219 milioni di casi di malaria, rispetto ai 217 milioni dell’anno precedente. Negli anni precedenti però il numero di persone che contraevano la malaria a livello mondiale era in costante calo, da 239 milioni nel 2010 a 214 milioni nel 2015.

“Nessuno dovrebbe morire di malaria. Ma il mondo affronta una nuova realtà: mentre il progresso ristagna, rischiamo di sprecare anni di fatica, investimenti e successo nel ridurre il numero di persone che soffrono di questa malattia”, afferma il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Riconosciamo che dobbiamo fare qualcosa di diverso – ora. Quindi oggi stiamo lanciando un piano nazionale e focalizzato per intraprendere un’azione globale contro la malaria, rendendo il nostro lavoro più efficace dove conta di più – a livello locale”.

Dove la malaria sta colpendo più duramente

Nel 2017, circa il 70% di tutti i casi di malaria (151 milioni) e i decessi (274 000) erano concentrati in 11 paesi: 10 in Africa (Burkina Faso, Camerun, Repubblica Democratica del Congo, Ghana, Mali, Mozambico, Niger, Nigeria, Uganda e Repubblica Unita di Tanzania) e India. Ci sono stati 3,5 milioni di casi di malaria in più segnalati in questi 10 paesi africani nel 2017, rispetto all’anno precedente. L’India, tuttavia, ha mostrato progressi nel ridurre l’impatto della malattia.

Nonostante negli ultimi anni si siano registrati aumenti marginali nella distribuzione e nell’uso di zanzariere trattate con insetticida nell’Africa sub-sahariana, il rapporto evidenzia importanti lacune nella copertura. Nel 2017, circa la metà delle persone a rischio in Africa non ha dormito sotto una rete trattata. Inoltre, un minor numero di abitazioni utilizza insetticidi spray rispetto a prima e l’accesso alle terapie preventive che proteggono le donne incinte e i bambini rimane troppo basso.

È necessaria una risposta ad alto impatto

In linea con la visione strategica dell’OMS di potenziare le attività per proteggere la salute delle persone, è stato lanciato il nuovo piano di risposta ” High burden to high impact” per sostenere le nazioni con la maggior parte dei casi di malattia e di morte. La risposta fa seguito a una richiesta fatta dal dott. Tedros all’Assemblea mondiale della sanità, nel maggio 2018, per un nuovo approccio aggressivo nella lotta contro la malaria. Si basa su quattro pilastri:

  • Galvanizzare l’attenzione politica nazionale e globale per ridurre le morti per malaria;
  • Determinare l’impatto attraverso l’uso strategico delle informazioni;
  • Stabilire le migliori linee guida, politiche e strategie globali adatte a tutti i paesi endemici della malaria;
  • Attuazione di una risposta coordinata per paese.

Catalizzato dall’OMS e dal partenariato RBM per porre fine alla malaria, il “High burden to high impact” si basa sul principio che nessuno dovrebbe morire per una malattia che può essere facilmente prevenuta e diagnosticata e che è interamente curabile con i trattamenti disponibili.

” L’ultimo rapporto mondiale sulla malaria mostra che ulteriori progressi non sono inevitabili e che il business as usual non è più un’opzione”, ha affermato il dott. Kesete Admasu, CEO della Partnership RBM. “La nuova risposta darà il via a nuovi e aggressivi sforzi per il controllo della malaria nei paesi più gravati dalla malattia e sarà fondamentale per tornare sulla giusta strada nella lotta contro una delle sfide sanitarie più urgenti”.

Gli obiettivi fissati dalla strategia tecnica globale dell’OMS per la malaria 2016-2030, per ridurre l’incidenza dei casi di malaria e i tassi di mortalità di almeno il 40% entro il 2020, non sono sulla buona strada.

Progressi marginali

La relazione evidenzia alcuni progressi positivi. Il numero di paesi prossimi all’eliminazione continua a crescere (46 nel 2017 rispetto ai 37 del 2010). Nel frattempo, in Cina e in El Salvador, dove la malaria era stata endemica per molto tempo, nel 2017 non è stata segnalata alcuna trasmissione locale di malaria, a dimostrazione del fatto che sforzi di controllo intensivi guidati possono riuscire a ridurre il rischio.

Nel 2018, l’OMS ha certificato il Paraguay come libero dalla malaria, il primo paese delle Americhe a ricevere questo status in 45 anni. Altri tre paesi – Algeria, Argentina e Uzbekistan – hanno richiesto la certificazione ufficiale contro la malaria dall’OMS.

L’India – un paese che rappresenta il 4% dell’impatto globale della malaria – ha registrato una riduzione del 24% nei casi nel 2017 rispetto al 2016.

Anche in Rwanda, nel 2017 sono stati registrati 436.000 casi in meno rispetto al 2016. Etiopia e Pakistan hanno entrambi riportato diminuzioni marcate di più di 240.000 casi nello stesso periodo.

“Quando i paesi danno la priorità all’azione sulla malaria, vediamo i risultati in vite salvate e casi ridotti”, afferma il dott. Matshidiso Moeti, WHO Regional direttore per l’Africa. “I partner dell’OMS continueranno a sforzarsi di aiutare i governi, specialmente quelli con più casi di malattia, ad aumentare la risposta alla malaria.”

Il finanziamento locale è fondamentale

Mentre si riducono troppo lentamente i casi di malaria e le morti, i finanziamenti per la risposta globale hanno mostrato a loro volta un livellamento, con 3,1 miliardi di dollari messi a disposizione per i programmi di controllo e di eliminazione nel 2017, compresi 900 milioni di dollari (28%) da governi di paesi endemici della malaria. Gli Stati Uniti d’America rimangono il maggior donatore internazionale, contribuendo con 1,2 miliardi di dollari (39%) nel 2017. Per raggiungere gli obiettivi 2030 per la malaria, gli investimenti per la malattia dovrebbero raggiungere almeno 6,6 miliardi di dollari all’anno entro il 2020 – più di il doppio della quantità disponibile oggi.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × tre =