Home Neurologia Malattie neuromuscolari: lo studio dei vermi nello spazio per trovare una cura

Malattie neuromuscolari: lo studio dei vermi nello spazio per trovare una cura

261
0
Neuronal deterioration of worm during ageing. Copyright ESA

Mantenersi in forma e mantenere la forza muscolare è abbastanza difficile sulla Terra, ma per gli astronauti nello spazio è ancora più importante. Mentre galleggiano intorno alla Stazione Spaziale Internazionale lavorando su esperimenti, i loro muscoli e le loro ossa svolgono un minor allenamento di quello che farebbero se stessero camminando e sollevando oggetti sulla Terra.

Il Molecular Muscle Experiment è impostato per indagare a livello molecolare su come i muscoli reagiscono al volo spaziale nel verme di C. Elegans. Migliaia di vermi saranno spediti nello spazio in speciali sacche poste in un’incubatrice che permetterà loro di crescere e riprodursi. In meno di una settimana, i vermi diventeranno maturi. Saranno quindi congelati nei congelatori della Stazione Spaziale per l’analisi nei laboratori una volta tornati sulla Terra.

adv

Il metabolismo energetico degli astronauti

La perdita di massa e funzione muscolare è uno degli adattamenti più marcati e coerentemente osservati al volo spaziale. Precedenti studi sulla Stazione Spaziale Internazionale con Caenorhabditis elegans hanno dimostrato che questi vermi esprimono geni e cambiamenti strutturali simili al modo in cui nello spazio la forza muscolare e il metabolismo energetico degli astronauti sono interrotti. I ricercatori vogliono saperne di più e uno studio di follow-up è stato lanciato nei giorni scorsi all’interno del veicolo spaziale Dragon.

Tim Etheridge, docente presso l’Università di Exeter spiega “I vermi sono, forse sorprendentemente, un buon modello per i muscoli umani. A livello molecolare sono simili agli umani e offrono vantaggi per la

Il Molecular Muscle Experiment

Questo esperimento si concentrerà sui cambiamenti muscolari più osservati nello spazio, i segnali di insulina e sull’attaccamento cellulare (che causa la distrofia muscolare) e li studieranno per produrre contromisure efficaci.

Scoprire di più sul perché i muscoli cambiano nello spazio e su come contrastare questi effetti aiuterà non solo i futuri astronauti, ma anche le persone sulla Terra che soffrono di malattie muscolari.

Poiché questo esperimento coinvolge organismi viventi, la preparazione è fondamentale e la squadra di scienziati ha nutrito le larve per settimane prima di inserirle nelle loro “tute di volo”.

Il caricamento nella navicella Dragon è stato fatto il più tardi possibile, in quanto, una volta usciti dal laboratorio, i vermi devono trovarsi nell’incubatore europeo Kubik della Stazione spaziale entro 160 ore, altrimenti i moriranno prematuramente e i risultati dell’esperimento saranno compromessi.

Nel frattempo, altri due set di vermi verranno coltivati ​​in condizioni simili sulla Terra come riferimento per confrontare i dati. Un gruppo crescerà nelle stesse identiche condizioni sperimentate dei fratelli astronauti, senza la microgravità.

 

 

 

Articolo precedenteI nuovi anticoagulanti orali e le loro differenze nel rischio emorragico gastrointestinale
Articolo successivoDal COP24 di Katowice un richiamo a politiche efficaci per ridurre l’inquinamento atmosferico
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui