Home Medicina In molti paesi oltre la metà dei tumori infantili non vengono diagnosticati

In molti paesi oltre la metà dei tumori infantili non vengono diagnosticati

8
0

Uno studio di modellistica pubblicato sulla rivista The Lancet Oncology stima che ci sono quasi 400.000 nuovi casi di cancro infantile ogni anno, mentre i record attuali ne contano solo circa 200.000.

Il nuovo modello fa previsioni per 200 paesi e stima che i casi non diagnosticati potrebbero rappresentare oltre la metà del totale in Africa, Asia centro-meridionale e Isole del Pacifico. Al contrario, nel Nord America e in Europa solo il 3% dei casi non viene diagnosticato. Gli autori dello studio stimano che, se non vengono apportati miglioramenti, circa tre milioni di ulteriori casi saranno persi tra il 2015 e il 2030.

“Il nostro modello suggerisce che quasi un bambino su due con cancro non viene mai diagnosticato e può morire senza trattamento”, dice l’autore dello studio Zachary Ward dell’Harvard T.H. Chan School of Public Health, USA. “Le stime accurate dell’incidenza del cancro infantile sono fondamentali per i responsabili politici, per aiutarli a stabilire le priorità sanitarie e pianificare una diagnosi e un trattamento efficaci per tutti i bambini affetti da cancro.”

I limiti dei registri sanitari

Le stime precedenti sull’incidenza totale del cancro infantile globale si sono basate sui dati dei registri dei tumori, che identificano i casi in popolazioni definite. Tuttavia, il 60% dei paesi in tutto il mondo non dispone di tali registri o coprono solo una piccola parte della popolazione complessiva. Molti pazienti non vengono diagnosticati e pertanto non vengono registrati. Ciò può verificarsi a causa della mancanza di accesso alle cure primarie, con i pazienti che muoiono non diagnosticati a casa, o a causa di una diagnosi errata.

La microsimulazione

Il nuovo modello sviluppato per questo studio, il modello di microsimulazione del cancro infantile globale, incorpora i dati dei registri dei tumori nei paesi in cui esistono, combinandolo con i dati dell’Osservatorio globale della salute dell’Organizzazione mondiale della sanità, le indagini demografiche sulla salute e le indagini condotte dall’Unicef. Il modello è stato calibrato sui dati dei registri pubblici e si adatta alla sottodiagnosi a causa di carenze nei sistemi sanitari nazionali.

Gli autori dello studio forniscono stime di sotto-diagnosi per ciascuno dei 200 paesi. Stimano che nel 2015 ci sono stati 397.000 casi di cancro infantile a livello globale, rispetto ai 224.000 registrati come diagnosticati. Ciò suggerisce che il 43% (172.000 casi) di casi di cancro infantile globale non sono stati diagnosticati. Vi sono state sostanziali variazioni regionali, che vanno dal 3% in Europa occidentale (120 casi non diagnosticati su 4.300 casi nuovi totali) e Nord America (300 su 10.900 casi) al 57% (43.000 di 76.000 nuovi casi) nell’Africa occidentale.

Nella maggior parte delle regioni del mondo, il numero di nuovi casi di cancro infantile è in declino o stabile. Tuttavia, gli autori stimano che il 92% di tutti i nuovi casi si verificano nei paesi a basso e medio reddito, una percentuale maggiore di quanto si pensasse in precedenza.

I tumori più frequenti

Il tumore infantile più comune nella maggior parte delle regioni del mondo nel 2015 è risultato essere la leucemia linfoblastica acuta, con la notevole eccezione dell’Africa sub-sahariana. Ci sono stati circa 75.000 nuovi casi a livello globale, inclusi quasi 700 nel Nord Europa, oltre 1.500 nell’Africa occidentale, oltre 3.500 nell’Africa orientale e quasi 30.000 nell’Asia centro-meridionale. Nell’Africa orientale e occidentale, il linfoma di Burkitt era più comune, con oltre 4.000 casi nell’Africa orientale e oltre 10.000 nell’Africa occidentale. Ad esempio, ci sono stati circa 1.000 casi nella Repubblica Democratica del Congo e in Etiopia, mentre solo nel Regno Unito circa 20.

“I sistemi sanitari nei paesi a basso reddito e a medio reddito chiaramente non riescono a soddisfare i bisogni dei bambini malati di cancro. La copertura sanitaria universale, obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, deve includere il cancro nei bambini come priorità per prevenire morti inutili”, afferma il professor Rifat Atun, Università di Harvard, USA.

I nuovi casi

Prendendo in considerazione la crescita della popolazione, gli autori stimano che tra il 2015 e il 2030 ci saranno 6,7 milioni di nuovi casi di cancro infantile in tutto il mondo. Di questi, 2,9 milioni di casi saranno persi se le prestazioni dei sistemi sanitari non miglioreranno. Gli autori sperano che le loro scoperte aiuteranno a guidare nuove politiche nei sistemi sanitari per migliorare la diagnosi e la gestione dei tumori infantili.

Gli autori hanno scoperto che le barriere all’accesso e al rinvio nei sistemi sanitari determinano una notevole sotto-diagnosi del cancro infantile in molti paesi. Sostengono che gli attuali modelli di assistenza sanitaria, che concentrano il trattamento in alcuni ospedali specializzati, non sono sufficienti. Rafforzando i sistemi sanitari in modo più ampio, potrebbero svilupparsi reti di assistenza sanitaria ben funzionanti, riducendo il numero di bambini con cancro non diagnosticati.

“Poiché l’incidenza nascosta del cancro infantile inizia a farsi sentire, sono necessari sistemi di salute più forti per la diagnosi tempestiva, il riferimento e il trattamento”, afferma Ward. “L’espansione della registrazione del cancro sarà importante in modo che i progressi possano essere monitorati.”

 

 

Articolo precedenteil Rapporto 2018 del CNR sulle economie del Mediterraneo
Articolo successivoTumore della prostata: l’aspirina non sembra migliorare la sopravvivenza
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

uno × cinque =