Lo svenimento in gravidanza può preannunciare problemi di salute per madre e bambino

Secondo una nuova ricerca, le donne incinte che durante la gravidanza svengono, specialmente nel primo trimestre, possono avere un rischio maggiore di problemi di salute per sé stesse e per i loro bambini. I risultati di questo studio, il primo ad analizzare l’incidenza e l’impatto degli svenimenti durante la gravidanza in una vasta popolazione, sono stati recentemente pubblicati sul Journal of the American Heart Association.

Gli svenimenti in gravidanza

I ricercatori hanno esaminato oltre 480.000 gravidanze in Alberta, Canada, tra il 2005 e il 2014 per le complicazioni di salute, per i neonati e le madri, che si verificano nel primo anno dopo la gravidanza tra le donne che sono svenute durante il periodo gestazionale.

L’analisi ha rivelato episodi sincopali in 4.667 donne. In quasi un terzo dei casi (32,3%) si sono verificati nel primo trimestre di gravidanza. Circa il 44% si è verificato nel secondo trimestre e il 23,6% nel terzo trimestre, mentre l’8% ha avuto più di un episodio di svenimento.

I ricercatori hanno anche evidenziato come l’incidenza di anomalie congenite tra i bambini nati da gravidanze con episodi di svenimento multiplo è stata del 4,9%. Una percentuale significativamente superiore al 2,9% rilevata tra i bambini nati da madri che avevano riportato un solo svenimento in gravidanza.

Svenimenti in gravidanza e parti prematuri

Anche i parti prematuri sono stati più frequenti nelle madri con svenimenti durante il primo trimestre. In particolare, in queste madri il tasso di parto prematuro è risultato del 18,3%, rispetto al 15,8% registrato nelle madri che erano svenute durante il secondo trimestre, al 14,2% per svenimenti nel terzo trimestre e al 15% per le gravidanze senza svenimento.

Entro un anno dopo il parto, le donne che sono svenute durante la gravidanza hanno avuto tassi più elevati di anormalità del ritmo cardiaco e altri episodi di svenimento, rispetto alle donne che non sono svenute durante la gravidanza.

Dopo un follow-up medio di 4,5-5 anni, i tassi di anomalie congenite erano del 3,1% per i bambini in gravidanza con sincope rispetto al 2,6% per quelli senza sincope.

Sempre più frequenti le sincopi in gravidanza

“Ci sono dati molto limitati sulla frequenza degli svenimenti durante la gravidanza. Nel nostro studio, lo svenimento durante la gravidanza si è verificato in circa l’1%, o 10 su 1.000 gravidanze, ma sembra aumentare del 5% ogni anno.” ha detto Padma Kaul, autore dello studio e professore di medicina presso l’Università di Alberta in Canada.

“Si è pensato che gli svenimenti durante la gravidanza seguissero un decorso relativamente benigno”, ha detto Kaul. “I risultati del nostro studio suggeriscono che il momento in cui la donna sviene nel corso della gravidanza può essere importante. Quando lo svenimento si verifica all’inizio della gravidanza o più volte durante la gravidanza, può essere associato a problemi di salute sia a breve che a lungo termine per il bambino e la madre”.

Un monitoraggio più intensivo

I dati suggeriscono che le donne che svengono durante la gravidanza dovrebbero avere un monitoraggio più intensivo e un potenziale follow-up con un cardiologo dopo il parto.

Sebbene la ricerca fornisca dati del mondo reale sullo svenimento durante la gravidanza in un’ampia popolazione, ha alcune limitazioni. Poiché lo studio è retrospettivo e osservazionale, potrebbe sottostimare la vera incidenza di sincope durante la gravidanza.

Lo studio è stato finanziato dal Cardiac Arrhythmia Network of Canada.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici − 3 =