I farmaci a base di acidi grassi omega-3 riducono i trigliceridi del 20-30%

Secondo un science advisory dell’American Heart Association, nei pazienti con ipertrigliceridemia, la somministrazione di acidi grassi omega-3 è in grado di ridurre i livelli di trigliceridi del 20-30%, nella maggior parte delle persone.

“Dalla nostra revisione su 17 studi clinici randomizzati e controllati sui livelli elevati di trigliceridi, abbiamo concluso che il trattamento con 4 grammi al giorno di una qualsiasi delle scelte di prescrizione disponibili è efficace e può essere utilizzato in sicurezza insieme a statine che abbassano il colesterolo.” Ha dichiarato Ann Skulas-Ray, autrice del nuovo science advisory.

Gli acidi grassi omega-3

Sono disponibili due farmaci per la somministrazione di acidi grassi omega-3. Uno combina due tipi di acidi grassi, l’acido eicosapentaenoico e l’acido docosaesaenoico. L’altro fornisce solo l’acido eicosapentaenoico. Poiché non sono stati effettuati confronti diretti tra le due diverse formulazioni, al momento della somministrazione della prescrizione, la consulenza non raccomandava l’una rispetto all’altra.

I trigliceridi

Alcuni studi hanno dimostrato che livelli elevati di trigliceridi (oltre 200 mg/dL) possono portare allo sviluppo di lesioni aterosclerotiche, con il conseguente aumento del rischio di sviluppare malattie quali ictus e infarto miocardico.

Oltre al rischio cardiovascolare, livelli molto elevati di trigliceridi (oltre 500 mg/dL) possono anche causare pancreatite.

I trattamenti appropriati

Skulas-Ray sottolinea che le persone con alti livelli di trigliceridi non dovrebbero provare a trattare la condizione con soli integratori generici di omega-3. “Gli integratori alimentari contenenti acidi grassi omega-3 non sono regolati dalla FDA. Non dovrebbero essere usati al posto dei farmaci per la gestione a lungo termine della ipertrigliceridemia”, ha affermato Skulas-Ray, che è professore assistente presso il Dipartimento di Scienze Nutrizionali dell’Università dell’Arizona a Tucson.

In un science advisory del 2017, l’American Heart Association ha osservato che mancano ricerche scientifiche a sostegno dell’uso clinico degli integratori di acidi grassi omega-3 per prevenire le malattie cardiache nella popolazione generale.

Una dose efficace

La dose efficace per gli acidi grassi Omega-3 prescritti è di quattro grammi al giorno assunti con il cibo. Attualmente, la FDA ha approvato la prescrizione di farmaci acidi grassi omega-3 solo per il trattamento di livelli molto elevati di trigliceridi superiori a 500 mg/dL.

Scelte di stile di vita sane, come l’attività fisica regolare, la perdita di peso, l’eliminazione di zuccheri e carboidrati raffinati, la limitazione dell’alcol e la scelta di grassi più sani, di origine vegetale, piuttosto che grassi saturi, possono aiutare a ridurre i trigliceridi.

È importante trattare o eliminare condizioni come diabete di tipo 2 scarsamente controllato, l’ipotiroidismo e l’obesità, che possono contribuire ad indurre alti livelli di trigliceridi, prima di passare ai farmaci.

Il pesce è una buona fonte di acidi grassi omega-3 e l’American Heart Association raccomanda di mangiare pesce grasso – come salmone, sgombro, aringa e tonno bianco – almeno due volte a settimana.

Gli autori hanno riscontrato che per la maggior parte delle persone con trigliceridi elevati (da 200 a 499 mg/dL), gli acidi grassi omega-3 con l’associazione acido eicosapentaenoico e acido docosaesaenoico, o con il solo acido eicosapentaenoico, possono ridurre i trigliceridi dal 20 al 30%.

Acidi grassi, colesterolo e statine

Contrariamente alla percezione comune, la formula che contiene i due acidi grassi non aumenta il colesterolo LDL nella maggior parte delle persone con alti livelli di trigliceridi (200-499 mg / dL). Tuttavia, quando il farmaco viene somministrato a persone con livelli molto alti di trigliceridi a 500 mg/dL o più, questa frazione di colesterolo può aumentare.

È stato inoltre evidenziato che i farmaci omega-3 sono efficaci nel ridurre i livelli di trigliceridi indipendentemente dal fatto che le persone siano in terapia con statine.

In un recente studio randomizzato di grandi dimensioni, controllato con placebo, chiamato REDUCE-IT, i ricercatori hanno scoperto che il solo acido eicosapentaenoico combinato con statine ha portato a una riduzione del 25% dei principali eventi cardiovascolari (infarto, ictus e morte cardiovascolare) tra le persone con trigliceridi elevati.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × cinque =