Home Chirurgia Uno screening ad alta intensità riduce il rischio di cancro del colon-retto

Uno screening ad alta intensità riduce il rischio di cancro del colon-retto

66
0
Identification and removal of a pedunculated colonic polyp at colonoscopy. Gilo1969.

La colonscopia di screening ad alta intensità è efficace ed economica per la gestione dei pazienti che hanno avuto adenomi precancerosi. Lo suggerisce un’analisi costo-efficacia pubblicata sulla rivista Annals of Internal Medicine. Questi risultati supportano le attuali ma contestate linee guida statunitensi per la colonscopia di screening.

Lo screening per il cancro del colon-retto

Prove solide suggeriscono che lo screening riduce sostanzialmente la morte per cancro del colon-retto, attraverso la rimozione di adenomi precancerosi e la diagnosi precoce. Tuttavia, esistevano pochi dati sugli esiti clinici per valutare l’efficacia della gestione appropriata dei pazienti in cui gli adenomi sono stati rimossi.

adv

Uno studio costi-benefici

I ricercatori del Erasmus MC University Medical Center, Paesi Bassi e della Stanford University hanno utilizzato un registro dei tumori degli Stati Uniti, i dati sui costi e la letteratura pubblicata per sviluppare un modello di microsimulazione che confronta i benefici e i costi dello screening a bassa o alta intensità nei pazienti di 50 anni, 60 o 70 anni, con adenomi a basso rischio (LRA) o adenomi ad alto rischio (HRA) rimossi dopo screening con colonscopia o test immunochimici fecali (FIT).

I pazienti hanno seguito differenti strategie di screening: non ulteriori screening o sorveglianza, screening di routine dopo 10 anni, sorveglianza a bassa intensità (10 anni dopo la rimozione di adenoma a basso rischio e 5 anni dopo la rimozione di adenoma ad alto rischio) e sorveglianza ad alta intensità (5 anni dopo la rimozione di LRA e 3 anni dopo la rimozione di HRA).

I programmi di screening

Sulla base del modello creato al computer, l’incidenza del carcinoma del colon-retto sarebbe ridotta di circa il 40-60 percento. I programmi di sorveglianza più frequenti, ogni 3 anni anziché ogni 5 anni, per gli adenomi ad alto rischio e ogni 5 contro 10 anni per gli adenomi a basso rischio, hanno ottenuto benefici incrementali a costi accettabili (< 30.000 dollari per anno di vita adeguato alla qualità [QALY] acquisito).

 

 

Articolo precedenteAspetti neurormonali dell’ipertensione polmonare associata allo scompenso cardiaco
Articolo successivoLe nuove linee Guida 2019 dell’ESC. Parte 2: le dislipidemie
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

12 − 5 =