Annuncio storico dell’OMS: siamo ad un passo dalla completa eradicazione della poliomielite

In uno storico annuncio fatto in occasione della Giornata Mondiale della Polio, una commissione indipendente di esperti ha concluso che il poliovirus selvaggio di tipo 3 (WPV3) è stato eradicato in tutto il mondo. Dopo l’eradicazione del vaiolo e del poliovirus selvaggio di tipo 2, questa notizia rappresenta un risultato storico per l’umanità.

Una pietra miliare per la salute globale

“Il raggiungimento dell’eradicazione della polio sarà una pietra miliare per la salute globale. L’impegno di partner e paesi, unito all’innovazione, dei tre sierotipi della poliomielite selvatica, ne rimane solo il tipo uno”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità e presidente della Polio Global Eradication Initiative (GPEI) Consiglio di sorveglianza “Rimaniamo pienamente impegnati a garantire la disponibilità di tutte le risorse necessarie per eradicare tutti i ceppi di poliovirus. Sollecitiamo tutti gli altri soggetti interessati e partner a mantenere la rotta fino al raggiungimento del successo finale”, ha aggiunto.

I tre ceppi di poliovirus

Esistono tre ceppi di poliovirus selvatici individuali e immunologicamente distinti: poliovirus selvaggio di tipo 1 (WPV1), poliovirus selvaggio di tipo 2 (WPV2) e poliovirus selvaggio di tipo 3 (WPV3). Sintomaticamente, tutti e tre i ceppi sono identici, in quanto causano una paralisi irreversibile o addirittura la morte. Ci sono però differenze genetiche e virologiche che rendono questi tre ceppi virus separati che devono essere eradicati singolarmente.

Il WPV3 è stato il secondo ceppo del poliovirus da eliminare, in seguito alla certificazione dell’eradicazione del WPV2 nel 2015. L’ultimo caso di WPV3 è stato rilevato nel nord della Nigeria nel 2012. Da allora, la forza e la portata della sorveglianza globale del programma di eradicazione il sistema sono stati fondamentali per verificare che questa varietà sia davvero scomparsa. Gli investimenti in lavoratori qualificati, strumenti innovativi e una rete globale di laboratori hanno contribuito a determinare che nessun WPV3 esiste in qualsiasi parte del mondo, a parte gli esemplari bloccati in un contenimento sicuro.

Il certificato OMS

In occasione di un evento celebrativo presso la sede dell’Organizzazione mondiale della sanità a Ginevra, in Svizzera, il professor David Salisbury, presidente della Commissione globale indipendente per la certificazione dell’eradicazione della poliomielite, ha presentato il dott. Adhanom Ghebreyesus al certificato ufficiale di eradicazione del WPV3. “Il poliovirus selvaggio di tipo 3 viene eradicato a livello globale”, ha affermato il professor Salisbury. “Questo è un risultato significativo che dovrebbe rinvigorire il processo di eradicazione e fornire la motivazione per il passaggio finale: l’eradicazione del poliovirus selvaggio di tipo 1.

Questo virus rimane in circolazione in soli due paesi: Afghanistan e Pakistan. Non possiamo fermare i nostri sforzi ora: dobbiamo eliminare tutti i ceppi rimanenti di tutti i poliovirus. Abbiamo buone notizie dall’Africa: nessun poliovirus selvaggio di tipo 1 è stato rilevato in qualsiasi parte del continente dal 2016. Sebbene la regione sia interessata dalla circolazione dei poliovirus derivati ​​dal vaccino, che devono essere urgentemente arrestati, sembra che il continente sia libero da tutti i poliovirus selvatici, un risultato straordinario.”

Un mondo senza poliomielite

L’eradicazione del WPV3 dimostra che è possibile ottenere un mondo senza poliomielite. La chiave del successo sarà l’impegno costante della comunità di sviluppo internazionale. A tal fine, nell’ambito di una Global Health Week ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, nel novembre 2019, il Forum Reaching the Last Mile focalizzerà l’attenzione internazionale sull’eradicazione delle malattie più mortali del mondo e offrirà un’opportunità ai leader mondiali e alle organizzazioni non governative di contribuire all’ultimo miglio dell’eradicazione della polio.

Gli sforzi di eradicazione della poliomielite hanno fatto risparmiare nel mondo oltre 27 miliardi di dollari in costi sanitari dal 1988. Un mondo senza poliomielite genererà ulteriori risparmi di 14 miliardi di dollari entro il 2050, rispetto ai costi che i paesi dovrebbero sostenere per il controllo indefinito del virus.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 8 =