Farmaci a base di cannabidiolo per ridurre il consumo di cannabis

I farmaci a base di cannabidiolo (CBD), un metabolita della cannabis, sono sicuri per l’uso quotidiano nel trattamento del disturbo da consumo di cannabis.  Potrebbero inoltre aiutare le persone a ridurre il consumo di cannabis. Questo è quanto risulta da un recente studio, controllato e randomizzato, pubblicato sulla rivista The Lancet Psychiatry.

Lo studio è il primo a segnalare che l’uso di CBD prescritto quotidianamente per uso medico può causare una riduzione del consumo di cannabis tra le persone con disturbo da uso di questa sostanza. Lo studio però non è stato disegnato per fornire stime affidabili sull’entità o sulla durata della sua efficacia.

Cannabidiolo per ridurre il consumo di cannabis: una dose ottimale

I ricercatori hanno identificato una dose giornaliera ottimale, compresa tra 400 mg e 800 mg di CBD, che è notevolmente superiore alle concentrazioni trovate nei prodotti CBD che sono disponibili senza prescrizione medica (che in genere contengono circa 25 mg di CBD). Avvertono che tali prodotti non devono essere utilizzati a scopi medicinali.

Gli autori affermano che questi risultati sono importanti alla luce dei principali cambiamenti politici che riguardano la produzione e la vendita di prodotti a base di cannabis. Va inoltre considerato l’aumento del numero di persone che entrano in trattamento per i disturbi da uso di cannabis in tutto il mondo e l’attuale assenza di trattamenti raccomandati per questo disturbo.

Il dott. Tom Freeman, autore principale dello studio e direttore del gruppo Addiction and Mental Health presso l’Università di Bath, nel Regno Unito, ha dichiarato: “Il nostro studio fornisce le prime prove causali a supporto del cannabidiolo come trattamento per i disturbi dell’uso di cannabis. Questo è incoraggiante, poiché attualmente non esistono trattamenti farmacologici per la dipendenza da cannabis. I prodotti con CBD sono ampiamente disponibili in molti paesi, ma non consigliamo alle persone l’auto-medicazione con questi prodotti. Le persone che nutrono dubbi sul loro consumo di cannabis dovrebbero in primo luogo sempre parlare con un operatore sanitario.”

Cannabidiolo per ridurre il consumo di cannabis: ridurre i sintomi di astinenza

La dipendenza da cannabis colpisce circa 22 milioni di persone in tutto il mondo – simile alla prevalenza dei disturbi da uso di oppioidi – e la percentuale di persone in cerca di aiuto per i disturbi da uso di cannabis è aumentata in tutte le regioni del mondo, tranne l’Africa. Tuttavia, attualmente non ci sono farmaci raccomandati per il trattamento dei disturbi dell’uso di cannabis.

Il cannabidiolo è una delle oltre 80 sostanze chimiche presenti nella cannabis. Di per sé, è stato riportato che il CBD induce sensazioni di rilassamento e calma. Di conseguenza, il CBD viene venduto legalmente in molti paesi in oli, capsule, creme, tè e altri prodotti.

Precedenti studi hanno suggerito che l’assunzione di prodotti a base di CBD potrebbe aiutare a ridurre i sintomi di astinenza, nelle persone che stanno attivamente cercando di smettere di usare la cannabis. Tuttavia, non è stato possibile determinare se questi effetti fossero dovuti al CBD, poiché gli studi utilizzavano un progetto in aperto, o il CBD è stato somministrato insieme al delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), quindi non è stato possibile dire a quale sostanza chimica gli effetti fossero attribuibili.

Cannabidiolo per ridurre il consumo di cannabis: due gruppi di trattamento

In quest’ultima sperimentazione, i ricercatori hanno condotto il primo studio clinico randomizzato sul cannabidiolo utilizzato per il trattamento della dipendenza da cannabis. A tutte le 82 persone che hanno preso parte allo studio è stato diagnosticato un disturbo da uso di cannabis di gravità almeno moderata, il che significa che hanno avuto almeno quattro su 11 possibili sintomi di dipendenza. Tutti avevano espresso il desiderio di smettere entro il mese successivo e avevano tentato di smettere prima almeno in un’occasione.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale ai gruppi di trattamento e hanno assunto due capsule di CBD due volte al giorno per quattro settimane. Al gruppo placebo sono state somministrate capsule contraffatte senza CBD, mentre gli altri hanno ricevuto una dose giornaliera di 200 mg, 400 mg o 800 mg di CBD. Tutti i partecipanti hanno ricevuto sei sessioni di consulenza, progettate per aiutarli a smettere di usare la cannabis, che hanno avuto luogo prima e durante il periodo di studio.

Sono stati testati settimanalmente campioni di urina per valutare i livelli di THC, per stimare la quantità di cannabis consumata nell’ultima settimana. Ai partecipanti è stato anche chiesto di riferire quanti giorni si erano astenuti dall’usare cannabis quella settimana.

Cannabidiolo per ridurre il consumo di cannabis: un trattamento efficace

Lo studio ha utilizzato un disegno adattivo per identificare quali dosi di CBD erano efficaci o inefficaci rispetto al placebo. Nella prima fase dello studio, 12 persone per gruppo sono state assegnate a placebo, 200 mg, 400 mg o 800 mg di CBD (48 in totale). Dopo la prima fase dello studio, la dose da 200 mg è risultata inefficace e questi partecipanti sono stati rimossi dallo studio. Altre 34 persone sono state scelte nella seconda fase dello studio e assegnate casualmente a ricevere dosi giornaliere di placebo (11 persone), 400 mg di CBD (12 persone) o 800 mg di CBD (11 persone).

Dosi giornaliere di CBD di 400 mg e 800 mg sono state entrambe efficaci nel ridurre l’assunzione di cannabis dei partecipanti (riducendo i livelli di THC nelle urine di -94.21 ng / ml e -72.02 ng / ml, rispettivamente). Inoltre, l’astinenza dall’uso di cannabis è aumentata in media di 0,5 giorni alla settimana nel gruppo che ha ricevuto la dose giornaliera di 400 mg di CBD e 0,3 giorni alla settimana nel gruppo che riceveva 800 mg di CBD al giorno.

I ricercatori non hanno osservato differenze negli effetti collaterali riscontrati nel gruppo placebo e in quelli che ricevevano qualsiasi dose di CBD. Settantasette degli 82 partecipanti hanno completato il trattamento e coloro che hanno abbandonato il trattamento lo hanno fatto a causa della mancanza di visite, perdita al follow-up, mancata assunzione del farmaco in studio o per l’assunzione di ulteriori farmaci e non a causa del trattamento con CBD. Non ci sono stati eventi avversi gravi durante lo studio, suggerendo che il CBD è sicuro e ben tollerato alle dosi testate.

Cannabidiolo per ridurre il consumo di cannabis: altri studi in futuro

La professoressa Valerie Curran, autrice senior e direttrice dell’unità di psicofarmacologia clinica presso l’University College di Londra, Regno Unito, ha dichiarato: “I nostri risultati indicano che dosi di CBD che vanno da 400 mg a 800 mg al giorno hanno il potenziale per ridurre l’uso di cannabis in contesti clinici, ma dosi più elevate è improbabile portino ulteriori benefici. Sono necessari studi più ampi per determinare l’entità dei benefici del CBD quotidiano per ridurre il consumo di cannabis.”

Lo studio è stato condotto per un periodo di trattamento di quattro settimane con follow-up esteso a sei mesi. I ricercatori affermano che sono necessarie ulteriori ricerche per studiare la misura in cui i loro risultati si traducono in diverse durate del trattamento. Sono inoltre necessari studi per valutare se il CBD riduce direttamente il consumo di cannabis o se riduce altri sintomi di salute mentale che potrebbero influenzare indirettamente il consumo di cannabis, come l’ansia.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 4 =