Home Cardiologia I grandi cambiamenti della vita possono rendere più sedentari, e peggiorare la...

I grandi cambiamenti della vita possono rendere più sedentari, e peggiorare la salute del cuore

269
0
Copyright ESA

Iniziare un nuovo lavoro, avere un bambino o andare in pensione sono eventi importanti della vita che influiscono in modo significativo sul livello di attività fisica di una persona, con effetti negativi sulla salute cardiovascolare.

Su questo tema l’American Heart Association ha recentemente pubblicato sulla rivista Circulation uno Scientific Statement, dove si raccomanda attenzione e proattività alle persone e agli operatori sanitari nei confronti di questo problema.

adv

Il comportamento sedentario è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari

La dichiarazione, intitolata “Supporting Physical Activity in Patients and Populations During Life Events and Transitions (Supporto all’attività fisica nei pazienti e nelle popolazioni durante gli eventi e le transizioni della vita)”, si concentra sulla necessità di comprendere meglio come i cambiamenti della vita influenzano i livelli di attività fisica e cosa si può fare per aiutare le persone a mantenere una buona salute del cuore in questi periodi.

I membri del gruppo che hanno scritto la dichiarazione notano che, poiché il comportamento sedentario è un fattore di rischio emergente per le malattie cardiovascolari, è importante riconoscere come i livelli di attività fisica possono influire sulla salute durante i principali eventi e transizioni della vita. La dichiarazione fornisce anche una guida agli operatori sanitari per identificare, indirizzare e promuovere l’attività fisica regolare per i pazienti che stanno vivendo cambiamenti significativi nella loro vita. Sono inoltre esplorate le opzioni per gli interventi a livello di comunità.

“Alcuni eventi e transizioni della vita possono segnare l’inizio e la fine di diverse fasi della vita di una persona e questi cambiamenti possono portare a periodi di minore attività fisica e comportamenti di vita più sedentari. L’attività fisica è importante per la salute del cuore e stare seduti troppo ed essere inattivi non fa bene”, ha affermato il presidente del gruppo di scrittura Abbi D. Lane-Cordova, assistente professore in scienze motorie presso l’Arnold School of Public Health presso la University of South Carolina, a Columbia, nel South Carolina. “Questo è un argomento particolarmente importante in questo momento perché, oltre agli altri grandi eventi della vita, la pandemia di COVID-19 è un’altra interruzione della routine quotidiana e dei livelli di attività di tutti”.

Identificare le persone che hanno più bisogno di sostegno

L’American Heart Association raccomanda alla maggior parte degli adulti di svolgere almeno 150 minuti a settimana di attività aerobica di intensità moderata o 75 minuti a settimana di attività aerobica vigorosa, o una combinazione di entrambi, preferibilmente distribuita durante la settimana. I bambini e gli adolescenti di età compresa tra 6 e 17 anni dovrebbero svolgere ogni giorno almeno 60 minuti di attività fisica di intensità da moderata a vigorosa.

Secondo l’iniziativa “Healthy People 2020” dell’Ufficio per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, solo 1 adolescente su 5 (20%) e circa 1 adulto su 4 (24%) negli Stati Uniti hanno raggiunto regolarmente il livello raccomandato di attività fisica negli ultimi anni. Sebbene questi tassi siano bassi su tutta la linea, i dati suggeriscono che questi numeri potrebbero cambiare in modo significativo durante un importante evento della vita o una transizione. Gli autori dello Statement hanno esaminato i dati su 17 diversi eventi della vita o transizioni e ha trovato prove di livelli di attività ridotti durante nove eventi: l’inizio di una nuova scuola (elementari, medie, superiori o università), un primo lavoro o un cambio di carriera, un matrimonio o un’unione civile, una gravidanza, la nascita di un figlio, la pensione o il trasferimento in una struttura di assistenza a lungo termine.

Il gruppo di scrittura del documento ha anche valutato gli effetti dei principali cambiamenti di vita su vari sottogruppi all’interno della popolazione degli Stati Uniti, per identificare le persone che hanno più bisogno di sostegno durante le transizioni della vita. Le persone più a rischio di svolgere un’attività fisica significativamente inferiore durante i cambiamenti della vita sono: gli individui con livelli di istruzione inferiore, coloro che vivevano da soli durante le chiusure per il COVID-19, coloro che non avevano accesso sicuro allo spazio esterno per l’esercizio e l’attività fisica, le donne durante la gravidanza e coloro che diventavano genitori.

La disponibilità di spazi pedonali

Il “modello socioecologico”, che comprende contributori individuali, sociali, ambientali e politici, è stato il quadro utilizzato per esaminare numerosi fattori che hanno influenzato i livelli di attività fisica. L’analisi ha rilevato che i fattori generali che influenzano i livelli di attività fisica tra i giovani (<18 anni di età) a livello individuale includono: il genere, l’età, la coordinazione motoria, il tempo passato all’aperto, le preferenze di attività fisica, l’immagine del corpo, le barriere percepite, il coinvolgimento negli sport scolastici e l’educazione fisica.

A livello interpersonale, i giovani sono stati influenzati dal loro peso, dai livelli di attività fisica e dal livello di istruzione dei loro genitori. I fattori influenzanti ambientali per i giovani includevano i tassi di criminalità del quartiere, la percezione della sicurezza, la disponibilità di spazi pedonali, la vicinanza e l’accesso ai programmi scolastici e alle strutture ricreative.

Anche le restrizioni legate al COVID-19 e le quarantene a casa sono stati correlati ai cambiamenti nell’attività fisica nei giovani e Lane-Cordova ha notato che sarà importante considerare più dati in questo settore.

L’analisi dei livelli di attività fisica per gli adulti (18+ anni) ha rilevato che i singoli fattori influenzanti includevano: i benefici per la salute dell’esercizio percepiti, storia e intenzione di svolgere attività fisica, autoefficacia/fiducia nel raggiungimento degli obiettivi, piacere nello svolgere l’attività e livelli di stress più bassi.

Le norme sociali e culturali hanno influenzato gli adulti sia negativamente che positivamente, mentre i fattori influenzanti ambientali hanno incluso la vicinanza e l’accesso alle strutture ricreative e agli spazi verdi, i trasporti, la pedonabilità del quartiere e la comodità.

La ricerca specifica sui fattori che influenzano l’attività fisica durante le transizioni della vita è meno solida, quindi la dichiarazione suggerisce sforzi futuri per identificare i fattori socioecologici che possono aiutare a supportare l’esercizio di routine. Esempi di questi fattori includono strade più sicure per pedoni e ciclisti, programmi rail-to-trails (dal treno al sentiero) e ammodernamenti dei parchi. Il gruppo di scrittura propone politiche di salute pubblica per implementare questi cambiamenti infrastrutturali che aiuterebbero a garantire il supporto per l’attività fisica durante i principali eventi della vita.

Tecnologia indossabile per monitorare i livelli e i cambiamenti di attività fisica

La dichiarazione suggerisce anche strategie pratiche per gli operatori sanitari per supportare i livelli di attività fisica di routine durante i principali eventi e transizioni della vita. Gli operatori sanitari possono valutare l’attività fisica ponendo alcune domande come parte della raccolta dei parametri vitali durante una visita sanitaria di routine. Uno strumento di screening può essere un’opzione a basso costo per valutare i livelli di attività fisica e il supporto necessario. Per il paziente, il gruppo di scrittura suggerisce una tecnologia indossabile semplice e disponibile in commercio, come pedometri o accelerometri, per monitorare i livelli e i cambiamenti di attività fisica. Semplici metriche come l’aggiunta di 1.000 passi al giorno per aumentare i livelli di attività fisica quotidiana possono portare a migliori benefici per la salute.

“È importante mantenere o migliorare l’attività fisica quando si verificano i principali eventi della vita, che è spesso un momento in cui l’esercizio è più necessario”, ha affermato Lane-Cordova. “Ci sono tanti modi in cui le persone possono farlo. Potrebbero pianificare attività familiari che comportano esercizio fisico, utilizzare video o siti Web gratuiti per esercitarsi a casa o fare pause in piedi durante il lavoro. La cosa più importante è essere consapevoli dell’impatto positivo sulla salute cardiovascolare dell’attività fisica e sforzarsi di muoversi”.

La dichiarazione suggerisce che gli operatori sanitari hanno un ruolo importante da svolgere quando si tratta di aprire la conversazione sui livelli di attività fisica con i loro pazienti. Dato che i medici di base possono non avere il tempo e le risorse necessari per il supporto di follow-up, i medici possono cercare di espandere i ruoli di altri membri del team di assistenza clinica, inclusi infermieri, assistenti medici e coach per la salute o lo stile di vita.

La consulenza comportamentale

La dichiarazione cita anche la consulenza comportamentale come un altro mezzo per fornire supporto per l’attività fisica durante le principali transizioni o eventi della vita. Ci sono numerosi benefici per la salute mentale e fisica derivanti dall’avvio e dal mantenimento di un’attività fisica regolare durante i principali eventi e transizioni della vita. Sollecitare un’attività fisica regolare insieme all’offerta di compassione ed empatia supporta la salute fisica e mentale durante i periodi difficili.

Il gruppo di redazione della dichiarazione rileva che gli operatori sanitari possono essere un’importante fonte di incoraggiamento. Fare riferimento ai risultati passati può aumentare la fiducia del paziente nella sua capacità di incorporare un’attività fisica regolare nella sua routine quotidiana. Il colloquio motivazionale può essere accolto meglio durante le transizioni e gli eventi della vita rispetto a un approccio educativo più tradizionale durante le transizioni e gli eventi della vita.

Il gruppo di scrittura ha affermato che è fondamentale “guardare oltre l’ambiente sanitario e coinvolgere organizzazioni, comunità, luoghi di lavoro, comunità religiose e strutture di vita assistita per promuovere l’attività fisica”. La dichiarazione fornisce un elenco di risorse per gli individui e gli operatori sanitari, molte delle quali sono gratuite e online.

Secondo gli autori, le future aree di ricerca dovrebbero includere migliori sforzi di sorveglianza per valutare l’attività fisica, il comportamento sedentario e la corrispondente salute e benessere generale, in particolare tra le popolazioni a rischio e meno servite. Sono inoltre necessarie maggiori informazioni per caratterizzare in modo efficace l’impatto degli eventi della vita e delle transizioni sul comportamento sedentario, soprattutto in considerazione del crescente numero di evidenze che indicano come stare troppo seduti è associato a esiti di salute peggiori. Infine, la dichiarazione evidenzia la necessità di sviluppare e testare interventi che si rivolgono specificamente agli eventi della vita e alle transizioni che portano al calo dei livelli di attività fisica.

 

Articolo precedenteLesioni classificate come cancro del colon-retto possono in realtà essere tumori a basso rischio
Articolo successivoCOVID-19: i pazienti di sesso maschile hanno forme più gravi di malattia
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

9 + sedici =