L’OMS rivela le principali cause di morte e disabilità nel mondo

Secondo le stime globali sulla salute 2019 dell’OMS, le malattie non trasmissibili ora costituiscono 7 delle 10 principali cause di morte al mondo. Si tratta di un aumento, rispetto al 2000, quando erano solo 4 le malattie non trasmissibili comprese tra le 10 cause principali di mortalità. I nuovi dati coprono il periodo dal 2000 al 2019 compreso.

Le stime rivelano le tendenze negli ultimi due decenni in termini di mortalità e morbilità causate da malattie e lesioni. Sottolineano chiaramente la necessità di un’attenzione globale intensificata sulla prevenzione e il trattamento di malattie cardiovascolari, cancro, diabete e malattie respiratorie croniche, nonché sulla lotta agli infortuni, in tutte le regioni del mondo, così come stabilito nell’agenda degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

“Queste nuove stime sono un altro promemoria della necessità di intensificare rapidamente la prevenzione, la diagnosi e il trattamento delle malattie non trasmissibili. Sottolineano l’urgenza di migliorare drasticamente l’assistenza sanitaria di base in modo equo e olistico. Una forte assistenza sanitaria di base è chiaramente la base, dalla lotta alle malattie non trasmissibili alla gestione di una pandemia globale”,

ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS.

Le malattie cardiache rimangono la principale causa di morte a livello globale

Le malattie cardiache sono rimaste la principale causa di morte a livello globale negli ultimi 20 anni. Il numero di decessi per malattie cardiache è aumentato di oltre 2 milioni dal 2000, fino a quasi 9 milioni nel 2019. Queste malattie rappresentano ora il 16% dei decessi totali per tutte le cause. Più della metà dei due milioni di decessi aggiuntivi si sono verificati nella regione del Pacifico occidentale. Al contrario, la regione europea ha visto un relativo calo delle malattie cardiache, con morti in calo del 15%.

La malattia di Alzheimer e altre forme di demenza sono ora tra le prime 10 cause di morte in tutto il mondo, classificandosi al terzo posto sia nelle Americhe che in Europa nel 2019. Le donne sono colpite in modo sproporzionato: a livello globale, il 65% dei decessi per Alzheimer e altre forme di demenza sono donne.

I decessi per diabete sono aumentati del 70% a livello globale

I decessi per diabete sono aumentati del 70% a livello globale tra il 2000 e il 2019, con un aumento dell’80% dei decessi tra i maschi. Nel Mediterraneo orientale, le morti per diabete sono più che raddoppiate e rappresentano il maggior aumento percentuale di tutte le regioni dell’OMS.

Nel 2019, la polmonite e altre infezioni delle vie respiratorie inferiori sono state il gruppo più mortale di malattie trasmissibili e insieme sono state classificate come la quarta causa di morte. Tuttavia, rispetto al 2000, le infezioni delle vie respiratorie inferiori hanno causato meno vittime rispetto al passato, con il numero globale di decessi che è diminuito di quasi mezzo milione.

Questa riduzione è in linea con un calo globale generale della percentuale di decessi causati da malattie trasmissibili. Ad esempio, l’HIV / AIDS è sceso dall’ottava causa di morte nel 2000 alla 19 nel 2019, riflettendo il successo degli sforzi per prevenire l’infezione, testare il virus e curare la malattia negli ultimi due decenni. Sebbene rimanga la quarta principale causa di morte in Africa, il numero di decessi è diminuito di oltre la metà, passando da oltre 1 milione nel 2000 a 435.000 nel 2019.

Anche la tubercolosi non è più nella top 10 mondiale, passando dal settimo posto nel 2000 al tredicesimo nel 2019, con una riduzione del 30% dei decessi globali. Tuttavia, rimane tra le prime dieci cause di morte nelle regioni dell’Africa e del Sud-est asiatico, dove è rispettivamente l’ottava e la quinta causa principale. L’Africa ha visto un aumento della mortalità per tubercolosi dopo il 2000, sebbene abbia iniziato a diminuire negli ultimi anni.

Ancora in crescita la tendenza della longevità

Sei delle prime dieci cause di morte nei paesi a basso reddito sono ancora malattie trasmissibili, tra cui la malaria, la tubercolosi e l’HIV / AIDS. Nel frattempo, negli ultimi anni, i rapporti dell’OMS evidenziano un generale rallentamento o stabilizzazione dei progressi contro le malattie infettive come l’HIV, la tubercolosi e la malaria.

Le stime confermano ulteriormente la tendenza in crescita della longevità: nel 2019 le persone vivevano più di 6 anni in più rispetto al 2000, con una media globale di oltre 73 anni nel 2019 rispetto a quasi 67 nel 2000. Ma in media solo cinque dei quegli anni in più sono stati vissuti in condizioni di buona salute.

In effetti, la disabilità è in aumento. In larga misura, le malattie e le condizioni di salute che causano il maggior numero di morti sono quelle responsabili del maggior numero di anni di vita in buona salute persi. Malattie cardiache, diabete, ictus, cancro ai polmoni e broncopneumopatia cronica ostruttiva sono stati collettivamente responsabili di quasi 100 milioni di anni di vita in salute aggiuntivi persi nel 2019 rispetto al 2000.

Gli infortuni sono un’altra delle principali cause di invalidità e morte: c’è stato un aumento significativo negli incidenti stradali nella regione africana dal 2000, con un aumento di quasi il 50% sia dei decessi che degli anni di vita in buona salute persi. Aumenti simili ma leggermente inferiori (intorno al 40%) sono stati osservati anche per la regione del Mediterraneo orientale. A livello globale, i morti per incidenti stradali sono per il 75% maschi.

Nelle Americhe quasi triplicati i decessi da uso di droghe

Nelle Americhe, l’uso di droghe è emerso come un contributo significativo sia alla disabilità che alla morte. Tra il 2000 e il 2019 nelle Americhe si è registrato un aumento quasi triplicato dei decessi per disturbi da uso di droghe. Questa regione è anche l’unica per la quale il disturbo da uso di droghe è uno dei dieci principali responsabili degli anni di vita in buona salute persi a causa di morti premature e disabilità, mentre in tutte le altre regioni il consumo di droga non rientra tra i primi 25.

Le stime globali sulla salute dell’OMS presentano serie temporali complete, comparabili e trasparenti per la salute della popolazione, comprese l’aspettativa di vita, l’aspettativa di vita in buona salute, la mortalità e la morbilità e il peso della malattia a livello globale, regionale e nazionale, disaggregati per età, sesso e causa, dal 2000 in poi.

“Queste stime sono prodotte utilizzando i dati delle migliori fonti disponibili dei paesi e della comunità internazionale. Si basano su metodi scientifici robusti per l’elaborazione, la sintesi e l’analisi dei dati. Queste stime aggiornate hanno anche beneficiato dei preziosi contributi degli Stati membri dell’OMS attraverso la consultazione e il dialogo attivi a livello nazionale”,

ha affermato il dottor Bochen Cao, responsabile tecnico delle stime globali sulla salute dell’OMS.

L’impatto diretto e indiretto della pandemia

La disponibilità di servizi per prevenire, diagnosticare e curare le malattie è fondamentale per ridurre la morte e la disabilità, influenzando la classificazione delle diverse condizioni. Queste nuove stime indicano chiaramente dove sono più urgentemente necessari ulteriori investimenti nei servizi.

“Dati sanitari affidabili sono fondamentali per affrontare le disuguaglianze, dare priorità alle politiche e allocare le risorse per prevenire la disabilità e salvare vite umane. Le stime globali sulla salute dell’OMS sono un potente strumento per massimizzare la salute e l’impatto economico. Chiediamo ai governi e alle parti interessate di investire urgentemente in dati e sistemi di informazione sanitaria per supportare un processo decisionale tempestivo ed efficace”,

aggiunge la dott.ssa Samira Asma, vicedirettore generale per la divisione di dati, analisi e consegna per l’impatto presso l’OMS.

Ad oggi, COVID-19 ha tragicamente causato più di 1,5 milioni di vite. Le persone che vivono con condizioni di salute preesistenti (come malattie cardiache, diabete e condizioni respiratorie) sono a maggior rischio di complicazioni e morte a causa del COVID-19.

Le autorità sanitarie di tutto il mondo dipendono da dati tempestivi, affidabili e utilizzabili per prendere decisioni informate – questo è particolarmente vero durante una pandemia globale. Il prossimo aggiornamento di queste stime includerà una valutazione dell’impatto diretto e indiretto della pandemia COVID-19 sulla mortalità e morbilità.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 4 =