Rientrato sulla Terra il materiale raccolto sull’asteroide Ryugu

Dopo 3,2 miliardi di km percorsi viaggiando nello spazio, sabato 5 dicembre la capsula di rientro di Hayabusa2 si è paracadutata nella remota area desertica australiana di Woomera Prohibited.

All’interno della capsula era presente materiale raccolto dall’asteroide Ryugu, recentemente passato vicino alla Terra, durante due operazioni di campionamento. Un primo campionamento è stato raccolto nel corso dell’atterraggio avvenuto nel febbraio 2019. Il secondo è avvenuto nel luglio dello stesso anno, con una raccolta di campioni sotterranei, ottenuti sparando un proiettile di rame da 2,5 kg contro la superficie dell’asteroide.

Risultati rilevanti per la difesa planetaria

Patrick Michel, direttore della ricerca CNRS dell’Osservatorio francese della Costa Azzurra, è co-investigatore e scienziato interdisciplinare nella missione giapponese e come ricercatore principale su Hera dell’ESA commenta:

“I campioni di Hayabusa2 dovrebbero darci una straordinaria opportunità di misurare con elevata precisione la composizione e le altre proprietà del materiale del suo bersaglio. Il Ryugu di 900 m di diametro ha una forma a trottola; la sua densità è molto bassa e in base ai risultati dell’esperimento di impatto Small Carry-on Impactor (SCI) condotto nell’aprile 2019, la sua superficie appare priva di coesione. Questi risultati sono estremamente rilevanti per la difesa planetaria, che è l’obiettivo principale della missione Hera”.

Hera non restituirà alcun campione sulla Terra, ma seguirà l’approccio di Hayabusa2. Quando arriverà al suo sistema di asteroidi bersaglio, Didymos, alla fine del 2026, la navicella spaziale delle dimensioni di un tavolo esaminerà in modo simile il materiale sotterraneo, questa volta scavato da un impatto esplosivo molto più potente. Un impatto provocato dalla sonda DART della NASA che si lancerà contro il più piccolo dei due asteroidi Didymos, nel 2022, tentando di spostare l’orbita dell’asteroide in modo misurabile.

Per dare un’idea, Hayabusa2 ha sparato un proiettile di rame da 2,5 kg sulla superficie dell’asteroide Ryugu, di 900 m di diametro, a una velocità di circa 2 km al secondo. Il DART della NASA avrà una massa di 550 kg e colpirà Didymoon a 6 km/s.

Misurazioni ravvicinate della massa, della composizione e del sottosuolo

Patrick Michel aggiunge:

“L’impatto di Hayabusa2 rappresenta un primo punto dati cruciale, in previsione dell’impatto di DART, che colpisce un asteroide cinque volte più piccolo con un oggetto più di 200 volte più grande mentre si muove tre volte più velocemente, per spostare la sua orbita”.

Hera, insieme a un paio di CubeSat dispiegati nello spazio profondo, si concentrerà sul cratere lasciato dall’impatto, insieme a misurazioni ravvicinate della massa, della composizione e del sottosuolo e delle proprietà interne dell’asteroide bersaglio. In tal modo Hera contribuirà a trasformare l’esperimento di deflessione su larga scala di DART in una tecnica di difesa planetaria, con il potenziale di essere riutilizzata secondo necessità per salvaguardare la Terra da eventuali asteroidi in arrivo.

L’asteroide genitore Didymos condivide la stessa forma di trottola con Ryugu, oltre ad essere sostanzialmente paragonabile per dimensioni, con 780 m di diametro.

“Hera esaminerà da vicino Didymos e Dimorphos. Come si confronteranno le loro superfici con quella di Ryugu? Saranno anche loro prive di coesione? L’osservazione dei crateri naturali e le misurazioni del cratere di DART dovrebbero consentirci di rispondere a questa domanda e quindi di determinare se la diversità di composizione della popolazione di asteroidi si accompagna alla diversità meccanica. Questo è estremamente importante non solo per la nostra comprensione scientifica, ma anche per progettare missioni di difesa planetaria, perché le proprietà meccaniche hanno un’elevata influenza sull’efficienza di deflessione”,

aggiunge Patrick Michel.

Più avanti nella vita di Hera, il gruppo avrà la possibilità di lasciare la propria impronta sulla superficie degli asteroidi, facendo atterrare i loro due CubeSat su Dimorphos e portando la stessa Hera a Didymos alla fine della missione.

DART ed Hera insieme sono supportati dalla cooperazione internazionale a doppio veicolo spaziale Asteroid Impact & Deflection Assessment (AIDA).

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − tre =