La riabilitazione cardiaca nei pazienti con ictus migliora le loro capacità fisiche

Secondo una nuova ricerca, i sopravvissuti all’ictus che hanno completato un programma di riabilitazione cardiaca incentrato sull’esercizio aerobico hanno migliorato significativamente la loro capacità di passare dalla posizione seduta a quella in piedi e la distanza percorsa durante un test del cammino di sei minuti. Lo studio è stato pubblicato nei giorni scorsi nel Journal of the American Heart Association e sottolinea come l’esercizio aerobico non sia attualmente prescritto nei pazienti sopravvissuti all’ictus.

Non ricevono la quantità di esercizio raccomandata dalle linee guida

La riabilitazione cardiaca è un programma di esercizi strutturato per le persone con malattie cardiovascolari che ha dimostrato di aumentare la resistenza cardiovascolare e migliorare la qualità della vita. Nonostante molti fattori di rischio cardiovascolare simili, l’ictus non è tra le diagnosi coperte per la riabilitazione cardiaca.

L’inattività fisica è comune tra i sopravvissuti a ictus. Oltre il 75% di tutti i pazienti statunitensi che sopravvivono a un ictus non ricevono la quantità di esercizio raccomandata dalle linee guida. Queste prevederebbero 150 minuti di attività fisica con intensità moderata, o 75 minuti di attività fisica ad intensità vigorosa, a settimana. Attualmente, i programmi di riabilitazione cardiaca basati sull’esercizio fisico non sono lo standard di cura fornito ai sopravvissuti all’ictus negli Stati Uniti.

“Attraverso questo studio, speravamo di migliorare i fattori di rischio controllabili per i sopravvissuti a ictus, e potenzialmente prevenire futuri eventi di ictus ed eventi cardiaci. L’aumento dell’attività fisica è un modo importante per prevenire l’ictus e volevamo vedere se la riabilitazione che i pazienti ricevono dopo essere sopravvissuti a un infarto miocardico potrebbe avere esiti positivi simili per i pazienti che sopravvivono a un ictus”,

ha detto l’autore principale dello studio Elizabeth W. Regan, assistente professore di scienze motorie presso l’Università della Carolina del Sud, a Columbia.

Un programma di riabilitazione cardiaca per i sopravvissuti all’ictus

I ricercatori hanno avviato uno studio pilota presso un centro medico della Carolina del Nord per esaminare i vantaggi di un programma di riabilitazione cardiaca per i sopravvissuti all’ictus. In totale, 24 partecipanti, di età compresa tra 33 e 81 anni, che avevano avuto un ictus da tre mesi a 10 anni prima, sono stati arruolati in un programma di riabilitazione cardiaca che include sessioni di esercizio aerobico da 30 a 51 minuti tre volte a settimana, per tre mesi.

All’inizio del programma, i partecipanti sono stati valutati per la funzione fisica (resistenza cardiovascolare, forza funzionale e velocità di deambulazione) e altre misure di salute, con un questionario sulla salute mentale e un test di equilibrio. In una valutazione post-programma, i partecipanti hanno ripetuto queste valutazioni. A un appuntamento di follow-up di sei mesi, hanno completato gli stessi test un’ultima volta e hanno risposto ai questionari su vita ed esercizio fisico.

Percorsi 62 metri in più durante il test della camminata di sei minuti

Nella valutazione iniziale post-programma, i ricercatori hanno scoperto che rispetto all’inizio dello studio i partecipanti hanno visto un miglioramento della distanza che potevano percorrere durante un test di camminata di sei minuti. In media, ogni partecipante ha migliorato la propria distanza di 62 metri circa.

I partecipanti hanno migliorato la loro capacità di passare rapidamente da seduti a in piedi nel test “cinque volte seduto-in piedi”. I miglioramenti in questo test corrispondono a una maggiore forza delle gambe e possono corrispondere a un minor rischio di caduta dopo l’ictus.

I partecipanti allo studio hanno migliorato il loro livello metabolico equivalente del compito (MET), o il livello massimo della quantità di energia generata dalla persona media per eseguire un compito specifico, di circa 3,6. Ad esempio, un equivalente metabolico dell’attività è definito come l’energia necessaria per guardare la TV e sette sono necessari per fare jogging.

Alla visita di follow-up di sei mesi, i partecipanti avevano mantenuto questi guadagni e l’83,3% dei partecipanti ha riferito che stavano ancora facendo esercizio almeno una volta alla settimana.

“Il nostro obiettivo più importante come professionisti sanitari è aiutare i sopravvissuti a ictus a ridurre il maggior numero possibile di fattori di rischio per prevenire futuri ictus o malattie cardiovascolari. Sulla base di questi risultati preliminari, ci auguriamo che la prescrizione della riabilitazione cardiaca sarà presa in considerazione per tutti i pazienti dopo un ictus, come lo è per i pazienti dopo un infarto. Dobbiamo dare valore all’esercizio fisico come medicina. L’esercizio fisico è salute ed è importante per ogni individuo, indipendentemente dalle limitazioni fisiche o dall’età. Si spera che aumentare l’attività fisica possa essere uno dei primi passi per migliorare la salute generale dopo un ictus”,

ha detto Regan.

Questo studio includeva un piccolo campione di pazienti ed era uno studio pilota in un unico centro in un sistema sanitario multicentrico. Pertanto, sono necessari studi più ampi per confermare questi risultati preliminari.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + diciotto =