Home Cardiologia Se si lavora troppo dopo un primo infarto, si rischia il secondo

Se si lavora troppo dopo un primo infarto, si rischia il secondo

31
0

Un recente studio ha valutato l’evoluzione del rischio cardiovascolare in pazienti reduci da un infarto del miocardio. La ricerca ha così evidenziato una differente prognosi a seconda dell’impegno lavorativo nel periodo successivo all’evento ischemico. Più precisamente, i pazienti che dopo un infarto lavorano più di 55 ore settimanali, rispetto a quelli che svolgono un lavoro medio a tempo pieno di 35-40 ore settimanali, vedono aumentare di circa il doppio le loro probabilità di avere un secondo infarto. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology.

Lunghe ore di lavoro e fattori di stress

I dati dell’Ufficio internazionale del lavoro stimano che un lavoratore su cinque nel mondo lavora più di 48 ore a settimana. Precedenti studi hanno trovato un’associazione tra il lavoro per molte ore e un aumento del rischio di malattie coronariche e ictus. Questo è il primo studio nel suo genere che esamina l’effetto di molte ore di lavoro sul rischio di sviluppare un secondo evento cardiovascolare, tra i pazienti che tornano al lavoro dopo un primo infarto.

“L’analisi delle lunghe ore di lavoro e dei fattori di stress del lavoro è stata utile per determinare quanto fosse ostile un ambiente di lavoro e a quanto stress potenziale potesse essere sottoposto a un partecipante”, ha affermato Xavier Trudel, ricercatore presso il CHU de Quebec-Universite Laval Research Center di Quebec e l’autore principale dello studio. “Una volta introdotti entrambi i fattori, c’è un notevole aumento del rischio di eventi ricorrenti di malattia coronarica”.

Lo studio ha reclutato 967 pazienti da 30 ospedali in tutto il Quebec, in Canada, tra il 1995 e il 1997. I pazienti avevano una storia di infarto, avevano meno di 60 anni, avevano un lavoro retribuito entro l’anno precedente al loro attacco cardiaco e pianificavano di ritornare lavorare. Interviste e questionari di follow-up sono stati condotti nei sei anni successivi per valutare i tassi di riammissione in ospedale, eventi di malattia coronarica e fattori di rischio legati allo stile di vita, esposizioni fisiche o chimiche sul lavoro (fumo, sostanze chimiche, inquinamento, rumore, caldo o freddo eccessivo e sforzo), l’ambiente di lavoro e il totale delle ore lavorative settimanali.

La tensione lavorativa

In base alle ore di lavoro settimanali totali, i singoli partecipanti sono stati suddivisi in quattro categorie: part-time, se lavoravano 21-34 ore alla settimana; tempo pieno, se lavoravano 35-40 ore la settimana; ore di lavoro straordinario ridotte, se lavoravano 41 -54 ore settimanali; ore di lavoro straordinario medio/alte, se lavoravano più di 55 ore settimanali.

Utilizzando un questionario di valutazione, i ricercatori hanno misurato i livelli di lavoro stressante attraverso la determinazione della “tensione lavorativa”. Se un partecipante aveva elevate esigenze psicologiche sul lavoro (quantità di lavoro, vincoli di tempo e livello di sforzo intellettuale richiesto) e basso controllo decisionale (opportunità di apprendimento, autonomia e partecipazione al processo decisionale), veniva classificato come affetto da tensione lavorativa. Inoltre, è stato misurato il sostegno sociale dentro e fuori dal lavoro.

Un aumento di circa il doppio del rischio di un secondo infarto

Durante il periodo di studio, il 21,5% dei partecipanti ha avuto un secondo infarto. Lavorare per lunghe ore era associato a un aumento di circa il doppio del rischio di un secondo infarto. Gli uomini avevano maggiori probabilità di svolgere ore di straordinario medio/alte (10,7% degli uomini contro l’1,9% delle donne), così come i lavoratori più giovani. Inoltre, quelli con fattori di rischio legati allo stile di vita peggiori (fumo, assunzione di alcol, inattività fisica) e coloro che hanno svolto un lavoro più stressante avevano anche maggiori probabilità di essere nella categoria degli straordinari medio/alti.

“Per ridurre il rischio di recidiva della malattia coronarica, gli interventi di prevenzione secondaria volti a ridurre il numero di ore di lavoro dovrebbero essere valutati in studi futuri”, ha detto Trudel. “Le lunghe ore di lavoro dovrebbero essere valutate come parte del follow-up clinico di routine precoce e successivo per migliorare la prognosi dei pazienti post-infarto”.

In un commento editoriale di accompagnamento, Jian Li, professore presso la Fielding School of Public Health e School of Nursing, presso l’Università della California, a Los Angeles, ha affermato che i risultati dello studio hanno importanti implicazioni per la pratica clinica, per la prevenzione secondaria nei pazienti con infarto.

“Lo studio fornisce una nuova prova di ricerca che i fattori legati al lavoro svolgono un ruolo importante nella prognosi della malattia coronarica”, ha detto Li. “È urgentemente necessario incorporare i servizi di salute sul lavoro nella prevenzione secondaria delle malattie cardiovascolari”.

Questo studio ha diversi limiti, tra cui una piccola dimensione del campione di donne partecipanti e una valutazione delle lunghe ore di lavoro solo al basale. Studi futuri, con campioni di dimensioni maggiori, dovrebbero essere diretti ad esaminare l’effetto dell’esposizione cumulativa.

 

 

Articolo precedenteQuasar: analizzata la sorgente di emissioni radio più distante finora conosciuta
Articolo successivoCOVID-19: le correlazioni con l’inquinamento atmosferico in Lombardia
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

tredici − otto =