Home Astronomia Non va a buon fine il primo carotaggio di Perseverance sulla superficie...

Non va a buon fine il primo carotaggio di Perseverance sulla superficie di Marte

393
0
This image taken by one the hazard cameras aboard NASA’s Perseverance rover on Aug. 6, 2021, shows the hole drilled in what the rover’s science team calls a “paver rock” in preparation for the mission’s first attempt to collect a sample from Mars. Credits: NASA/JPL-Caltech

I dati inviati sulla Terra dal rover Perseverance della NASA dopo il suo primo tentativo di raccogliere un campione di roccia su Marte, e sigillarlo in un tubo campione, indicano che non è stata raccolta roccia durante l’attività di campionamento iniziale.

Il rover trasporta 43 provette per campioni in titanio e sta esplorando il cratere Jezero, dove raccoglierà campioni di roccia e regolite (roccia rotta e polvere) per future analisi sulla Terra.

“Anche se questo non è il ‘hole in one’ che speravamo, c’è sempre il rischio di aprire nuovi orizzonti”, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della direzione della missione scientifica della NASA a Washington. “Sono fiducioso che abbiamo la squadra giusta che lavora su questo e persevereremo verso una soluzione per garantire il successo futuro”.

Il sistema di campionamento e memorizzazione nella cache di Perseverance utilizza una punta di carotaggio cavo e un trapano a percussione all’estremità del suo braccio robotico lungo 2 metri per estrarre i campioni. La telemetria del rover indica che durante il suo primo tentativo di carotaggio, la punta e la punta sono state impegnate come previsto, e dopo il carotaggio la provetta del campione è stata elaborata come previsto.

Che fine ha fatto il campione?

“Il processo di campionamento è autonomo dall’inizio alla fine”, ha affermato Jessica Samuels, responsabile della missione di superficie per Perseverance, presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, nel sud della California. “Uno dei passaggi che si verifica dopo aver posizionato una sonda nel tubo di raccolta è misurare il volume del campione. La sonda non ha incontrato la resistenza prevista che ci sarebbe se un campione fosse all’interno del tubo”.

La missione Perseverance sta mettendo insieme un gruppo di risposta per analizzare i dati. Un primo passo sarà l’utilizzo dell’imager WATSON (sensore topografico grandangolare per operazioni e ingegneria), situato all’estremità del braccio robotico, per scattare foto ravvicinate del pozzo. Una volta che la squadra avrà compreso meglio cosa è successo, sarà in grado di accertare quando programmare il prossimo tentativo di raccolta del campione.

“Il pensiero iniziale è che il tubo vuoto è più probabilmente il risultato del fatto che il bersaglio roccioso non reagisce nel modo previsto durante il carotaggio e meno probabilmente un problema hardware con il sistema di campionamento e memorizzazione nella cache”, ha affermato Jennifer Trosper, project manager per Perseverance presso JPL. “Nei prossimi giorni, il team dedicherà più tempo all’analisi dei dati in nostro possesso e all’acquisizione di alcuni dati diagnostici aggiuntivi per supportare la comprensione della causa principale del tubo vuoto”.

Sorprendenti proprietà delle rocce

Anche le precedenti missioni della NASA su Marte hanno riscontrato sorprendenti proprietà di rocce e regolite durante la raccolta dei campioni e altre attività. Nel 2008, la missione Phoenix ha campionato il terreno che era “appiccicoso” e difficile da spostare negli strumenti scientifici di bordo, con conseguenti molteplici tentativi prima di raggiungere il successo. Couriosity ha perforato rocce che si sono rivelate più dure e fragili del previsto. Più di recente, la sonda termica sul lander InSight, nota come “talpa”, non è stata in grado di penetrare la superficie marziana come previsto.

“Sono stato in ogni missione del rover su Marte sin dall’inizio e questo pianeta ci insegna sempre ciò che non sappiamo al riguardo”, ha detto Trosper. “Una cosa che ho scoperto è che non è insolito avere complicazioni durante le attività complesse e per la prima volta”.

Perseverance sta attualmente esplorando due unità geologiche contenenti gli strati più profondi e più antichi del substrato roccioso esposto del cratere Jezero e altre intriganti caratteristiche geologiche. La prima unità, denominata “Crater Floor Fractured Rough”, è il pavimento di Jezero. Anche l’unità adiacente, chiamata “Séítah” (che significa “tra la sabbia” in lingua Navajo), ha il substrato roccioso di Marte ed è sede di creste, rocce stratificate e dune di sabbia.

individuare aree di potenziale interesse scientifico con il drone

Di recente, il gruppo scientifico di Perseverance ha iniziato a utilizzare le immagini a colori del drone Ingenuity Mars per aiutare a individuare aree di potenziale interesse scientifico e per individuare potenziali pericoli. Ingenuity ha completato il suo undicesimo volo mercoledì 4 agosto, viaggiando a circa 1.250 piedi (380 metri) di distanza dalla sua posizione attuale in modo da poter fornire il progetto di ricognizione aerea dell’area meridionale di Séítah.

L’incursione scientifica iniziale del rover, che copre centinaia di sol (o giorni marziani), sarà completa quando Perseverance tornerà al suo sito di atterraggio. A quel punto, Perseverance avrà viaggiato tra 2,5 e 5 chilometri e potrebbe aver riempito fino a otto dei suoi tubi campione.

Successivamente, Perseverance viaggerà a nord, poi a ovest, verso il luogo della sua seconda campagna scientifica: la regione del delta del cratere Jezero. Il delta è quanto rimane della confluenza di un antico fiume e un lago all’interno del cratere Jezero. La regione può essere particolarmente ricca di minerali di carbonato. Sulla Terra, tali minerali possono preservare i segni fossili dell’antica vita microscopica e sono associati a processi biologici.

 

 

Articolo precedenteUna nuova tecnica ottica per immagini ad alta risoluzione del cervello
Articolo successivoLe limitazioni agli spostamenti durante la pandemia hanno avuto scarsi effetti sull’inquinamento
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

12 − nove =