Home Covid-19 COVID in gravidanza: il virus non infetta la placenta

COVID in gravidanza: il virus non infetta la placenta

569
0
Donna in gravidanza

L’esposizione al virus SARS-CoV-2 durante la gravidanza provoca una risposta infiammatoria placentare che coinvolge sia le cellule materne che fetali, ma non infetta il tessuto placentare. E’ quanto suggerisce un nuovo studio che ha coinvolto 12 donne risultate positive al virus durante la gravidanza, pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature Communications.

Le donne in gravidanza a maggior rischio di sviluppare malattie gravi

Mentre la maggior parte delle donne incinte infettate da SARS-CoV-2 sono asintomatiche, o soffrono di sintomi lievi, alcune ricerche hanno dimostrato che le donne in gravidanza possono essere a maggior rischio di sviluppare malattie gravi. Tuttavia, si sa poco su come la malattia asintomatica o lieve influenzi l’interfaccia materno-fetale e la salute del bambino.

adv

Per comprendere l’impatto dell’infezione da SARS-CoV-2 durante la gravidanza, Nardhy Gomez-Lopez e colleghi hanno reclutato 12 donne in gravidanza risultate positive al virus SARS-CoV-2 e le hanno confrontate con 11 donne sane. Delle donne risultate positive, otto avevano infezioni asintomatiche, una mostrava sintomi lievi e tre avevano una COVID-19 grave che ha richiesto la somministrazione di ossigeno.

Nella placenta non sono stati rilevati né anticorpi fetali né il virus

Gli autori hanno osservato una caratteristica risposta immunitaria pro-infiammatoria all’esposizione al virus contratto dalla madre che ha coinvolto la placenta e il sangue sia delle madri che dei bambini. Hanno scoperto che sebbene gli anticorpi materni contro SARS-CoV-2 siano passati attraverso la placenta al bambino, nella placenta non sono stati rilevati né anticorpi fetali né il virus SARS-CoV-2. Suggeriscono che questo indichi che la placenta protegge il feto dall’infezione.

Gli autori suggeriscono che i loro risultati forniscono informazioni sulle risposte immunitarie materno-fetali nell’infezione da SARS-CoV-2 e indicano che la trasmissione verticale dalla madre al feto può essere un evento raro. Tuttavia, osservano che le loro conclusioni dovrebbero essere interpretate con cautela a causa del numero limitato di casi gravi di COVID-19 in gravidanza valutati.

 

Articolo precedentePorsche 718 Cayman GT4 RS: la superleggera da portare in pista
Articolo successivoLa resistenza agli antibiotici ha causato nel 2019 circa 1,27 milioni di decessi
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui