Home Covid-19 COVID-19: le cellule T indotte da vaccini o infezione sono attive anche...

COVID-19: le cellule T indotte da vaccini o infezione sono attive anche contro la variante Omicron

310
0
Immagine del coronavirus
This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #4814.

La maggior parte delle risposte delle cellule T contro la proteina spike del virus SARS-CoV-2, indotte dalla vaccinazione o dall’infezione, viene mantenuta anche contro la variante Omicron. Lo rileva un recente studio che ha coinvolto 138 partecipanti, pubblicato sulla rivista Nature.

Tuttavia, è ancora da determinare se questa risposta efficiente e persistente delle cellule T nei confronti della nuova variante contribuisca anche alla protezione nei confronti della malattia COVID-19 grave.

adv

La capacità di riconoscere la proteina spike di Omicron

Con oltre 30 mutazioni nella proteina spike della variante omicron, è stato precedentemente documentato che questa forma del virus ha la capacità di eludere una parte sostanziale delle risposte anticorpali neutralizzanti. Tuttavia, non è chiaro fino a che punto altri componenti della risposta immunitaria, come i linfociti T, possano ancora colpire Omicron.

Catherine Riou, Wendy Burgers e colleghi hanno così esaminato le risposte delle cellule T in individui che erano stati precedentemente vaccinati o infettati con varianti precedenti di SARS-CoV-2 per determinare la loro capacità di riconoscere la proteina spike di Omicron in caso di infezione.

Gli autori hanno esaminato la risposta dei linfociti T da un totale di 40 individui che avevano ricevuto una o due dosi del vaccino Johnson & Johnson, 15 che avevano ricevuto due dosi di Pfizer-BioNTech e 15 individui non vaccinati che si erano ripresi da un precedente Infezione da SARS-CoV-2.

Un effetto limitato sulle risposte delle cellule T alla variante

Hanno scoperto che nei gruppi di studio il 70-80% delle risposte dei linfociti T CD4+ e CD8+ è stato mantenuto anche contro la proteina spike di Omicron.

Per 19 pazienti che sono stati ricoverati in ospedale con infezione dovuta alla variante Omicron in Sud Africa, gli autori hanno scoperto che questi individui avevano risposte dei linfociti T paragonabili a quelle osservate nei pazienti che erano stati ricoverati in ospedale in precedenti ondate di pandemia, in cui il ceppo ancestrale (17 individui), la variante Beta (16 individui) e le varianti Delta (16 individui) erano dominanti. Gli autori concludono che le vaste mutazioni di Omicron hanno avuto un effetto limitato sulle risposte delle cellule T alla variante, suggerendo che la maggior parte delle risposte delle cellule T specifiche della proteina spike del virus SARS-CoV-2 sono dirette verso regioni di questa proteina che sono rimaste immutate.

 

Articolo precedenteLa migliore combinazione di farmaci per il trattamento dell’insufficienza cardiaca
Articolo successivoExpert Focus: terapie innovative in oncologia. Intervista con il Prof. Paolo Marchetti – Parte 1
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

cinque + 18 =