Home Cardiologia Menopausa: sono le alterazioni ormonali che fanno aumentare il rischio di sviluppare...

Menopausa: sono le alterazioni ormonali che fanno aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiache

212
0

I livelli di colesterolo aumentano durante la menopausa e il 10% di questo aumento è dovuto ai cambiamenti degli ormoni sessuali. È quanto emerge da una ricerca pubblicata recentemente sullo European Journal of Preventive Cardiology.

Le donne di solito vanno incontro alla menopausa all’età di 48-52 anni, con conseguente diminuzione degli estrogeni e aumento dell’ormone follicolo-stimolante. Si ritiene che la menopausa predisponga le donne alle malattie cardiache poiché in genere si sviluppano dieci anni dopo rispetto agli uomini e il rischio aumenta dopo la menopausa.

adv

La terapia ormonale sostitutiva è un’opzione

Studi precedenti hanno dimostrato che la menopausa è associata a livelli di metaboliti che promuovono le malattie cardiache, ma questo studio è il primo a collegare questo cambiamento con i cambiamenti negli ormoni sessuali femminili. Gli spostamenti dei metaboliti sono stati parzialmente migliorati con la terapia ormonale sostitutiva.

“La menopausa è inevitabile, ma è possibile che lo spostamento negativo del metabolita possa essere ridotto mangiando in modo sano ed essendo fisicamente attivi”, ha affermato l’autrice dello studio, la dott.ssa Eija K. Laakkonen dell’Università di Jyväskylä, in Finlandia. “In particolare, le donne dovrebbero prestare attenzione alla qualità dei grassi nella loro dieta e fare un esercizio sufficiente per mantenere la forma cardiorespiratoria. La terapia ormonale sostitutiva è un’opzione che le donne dovrebbero discutere con gli operatori sanitari a questo punto della loro vita”.

Perimenopausa, menopausa e postmenopausa

L’analisi ha incluso 218 donne in perimenopausa che non utilizzavano la terapia ormonale sostitutiva alla visita iniziale. I livelli di 180 metaboliti (lipidi, lipoproteine ​​e aminoacidi) e due ormoni (estradiolo e ormone follicolo-stimolante) sono stati ottenuti da campioni di sangue alla visita basale e ogni tre-sei mesi fino all’inizio della postmenopausa. Lo stato della menopausa è stato valutato utilizzando i diari mestruali e i livelli dell’ormone follicolo-stimolante nel sangue. La postmenopausa precoce è stata definita come assenza di mestruazioni per oltre sei mesi e livelli elevati dell’ormone follicolo-stimolante in almeno due occasioni consecutive. Un totale di 35 donne (15%) hanno iniziato la terapia ormonale sostitutiva durante lo studio.

Il Dr. Laakkonen ha spiegato: “Il nostro studio ha indagato se il cambiamento ormonale della menopausa modula il profilo dei metaboliti misurato nei campioni di sangue prelevati prima e dopo la menopausa. Poiché la transizione alla menopausa, ovvero il tempo con livelli ormonali variabili e mestruazioni irregolari, varia enormemente da persona a persona, i tempi per la valutazione sono stati individualizzati”.

I ricercatori hanno effettuato analisi statistiche dettagliate per determinare quali cambiamenti si verificano nei livelli di metaboliti durante la transizione della menopausa e se questi cambiamenti sono correlati allo spostamento dei livelli degli ormoni sessuali. Hanno anche testato se la traiettoria del metabolita variava tra utilizzatori e non utilizzatori di terapia ormonale sostitutiva.

Un cambiamento in 64 degli 85 metaboliti studiati

L’età media alla visita basale era di 51,7 anni e il follow-up mediano è stato di 14 mesi. La menopausa è stata associata a un cambiamento statisticamente significativo nei livelli di 85 metaboliti. Un’analisi esplorativa ha mostrato che lo spostamento ormonale della menopausa spiegava direttamente il cambiamento in 64 degli 85 metaboliti, con dimensioni dell’effetto comprese tra il 2,1% e l’11,2%. Questi includevano il colesterolo delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL), i trigliceridi, gli acidi grassi e aminoacidi. Le analisi sono state aggiustate per età al basale, durata del follow-up, livello di istruzione, stato di abitudine al fumo, consumo di alcol, attività fisica e qualità della dieta. Una seconda analisi esplorativa ha rivelato che la terapia ormonale sostitutiva era associata ad aumenti del colesterolo lipoproteico ad alta densità e a riduzioni del colesterolo LDL.

Una scelta ponderata

Il Dr. Laakkonen ha affermato: “Questo studio collega i cambiamenti ormonali durante la menopausa alle alterazioni metaboliche che promuovono le malattie cardiache. Studi precedenti non hanno confermato lo stato della menopausa con misurazioni ormonali, il che significa che non potevano differenziare gli effetti della menopausa dall’invecchiamento. I nostri risultati dovrebbero essere interpretati con cautela, dal momento che i collegamenti con gli ormoni sessuali e la terapia ormonale sostitutiva sono stati trovati in analisi esplorative e necessitano di conferme”.

Ha aggiunto: “Per quanto riguarda la terapia ormonale sostitutiva, non è possibile trarre conclusioni molto forti esclusivamente sulla base del nostro studio osservazionale, poiché il numero di donne che hanno iniziato la terapia era piccolo e il tipo di farmaco non era controllato. Tuttavia, i nostri risultati indicano che l’inizio della terapia ormonale sostitutiva all’inizio della menopausa, cioè durante la transizione della menopausa, offre il massimo effetto cardioprotettivo. Le donne che prendono in considerazione la terapia ormonale sostitutiva dovrebbero discuterne con il proprio medico, poiché ci sono numerose scelte e alcune potenziali controindicazioni, come la storia di cancro o ictus, che devono essere considerate.

 

Articolo precedenteDal congresso della Società Italiana di Pediatria: nuove prospettive per la cura del bambino
Articolo successivoUn pomodoro ricco di vitamina D, ottenuto modificando il genoma della pianta
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui