Home Igiene Consumo di alcolici: i giovani sono i più esposti ai rischi per...

Consumo di alcolici: i giovani sono i più esposti ai rischi per la salute

390
0
Percentuale della popolazione che ha consumato quantità nocive di alcol, per sesso e fascia di età, nel 2020.

Continua l’infinito dibattito sugli effetti sulla salute del consumo di alcolici. Dopo raccomandazioni radicali, secondo cui non esiste una quantità minima di alcol priva di rischi, e altre più tolleranti, che attribuiscono addirittura effetti benefici ad un consumo di modeste quantità, arriva ora un nuovo studio con nuove informazioni.

In questa nuova analisi, pubblicata sulla rivista The Lancet, sono i giovani ad avere i maggiori rischi per la salute legati al consumo di alcol rispetto agli anziani. Ma il vero punto di forza di questa ricerca è che ha valutato i rischi legati al consumo di alcol in base alla regione di residenza, all’età e al genere, fornendo così stime molto precise e personalizzate.

adv

Basandosi sui risultati ottenuti, gli autori suggeriscono che le raccomandazioni sul consumo di alcolici dovrebbero essere più specifiche, basate sull’età e sul luogo di residenza, con le linee guida più rigorose rivolte ai maschi di età compresa tra 15 e 39 anni, che sono a maggior rischio.

D’altra parte però la ricerca indica anche che gli adulti di età pari o superiore a 40 anni, senza malattie, possono vedere alcuni benefici da un piccolo consumo di alcol (tra una e due bevande standard al giorno), incluso un rischio ridotto di malattie cardiovascolari, ictus e diabete.

Il consumo di alcol in 204 paesi

Utilizzando le stime del consumo di alcol in 204 paesi, i ricercatori hanno calcolato che 1,34 miliardi di persone hanno consumato quantità dannose nel 2020. In ogni regione, il segmento più ampio della popolazione che beveva quantità pericolose di alcol era costituito da maschi di età compresa tra 15 e 39 anni. Per questa fascia di età gli alcolici non sembrano fornire alcun beneficio per la salute, al contrario presentano molti rischi per la salute. Ben il 60% delle problematiche di salute legate all’alcol si verificano tra le persone in questa fascia di età, inclusi incidenti automobilistici, suicidi e omicidi.

“Il nostro messaggio è semplice: i giovani non dovrebbero bere, ma gli anziani possono trarre beneficio dal bere piccole quantità. Anche se potrebbe non essere realistico pensare che i giovani adulti si astengano dal bere, riteniamo che sia importante comunicare le prove più recenti in modo che tutti possano prendere decisioni informate sulla propria salute”, afferma l’autrice senior Dr Emmanuela Gakidou, Professore di Scienze della metrica della salute presso l’Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) presso la School of Medicine dell’Università di Washington.

Quanto bere prima che il rischio salga?

I ricercatori hanno esaminato il rischio di consumo di alcol su 22 esiti sanitari, tra cui lesioni, malattie cardiovascolari e tumori, utilizzando i dati del 2020 sull’incidenza globale delle malattie per maschi e femmine di età compresa tra 15 e 95 anni, tra il 1990 e il 2020, in 204 paesi e territori. Da ciò, i ricercatori sono stati in grado di stimare l’assunzione media giornaliera di alcol che riduce al minimo il rischio per una popolazione. Lo studio stima anche un’altra quantità critica: la quantità di alcol che una persona può bere prima di assumere un rischio eccessivo per la propria salute rispetto a chi non beve alcolici.

La quantità raccomandata di alcol per le persone di età compresa tra 15 e 39 anni, prima di rischiare la perdita della salute, è risultata di 0,136 bevande standard al giorno (poco più di un decimo di una bevanda standard). Tale importo era leggermente superiore per le donne di età compresa tra 15 e 39 anni a 0,273 drink (circa un quarto di un drink standard al giorno). Una bevanda standard è definita come 10 grammi di alcol puro, che equivale a un bicchierino di vino rosso (100 ml) al 13% di alcol, una lattina o bottiglia di birra (375 ml) al 3,5% di alcol in volume, o un bicchierino di whisky o altri alcolici (30 ml) al 40% di alcol.

Gli effetti positivi

L’analisi suggerisce anche che per gli adulti di età pari o superiore a 40 anni senza alcuna condizione di salute sottostante, bere una piccola quantità di alcol può fornire alcuni benefici, come la riduzione del rischio di cardiopatia ischemica, ictus e diabete. In generale, per le persone di età compresa tra 40 e 64 anni nel 2020, i livelli di consumo sicuro di alcol variavano da circa la metà di una bevanda standard al giorno (0,527 bevande per i maschi e 0,562 per le femmine) a quasi due bevande standard (1,69 bevande standard per giorno per i maschi e 1,82 per le femmine). Per le persone con più di 65 anni nel 2020, i rischi di perdita di salute dovuti al consumo di alcol sono stati raggiunti dopo aver consumato poco più di tre drink standard al giorno (3,19 drink per i maschi e 3,51 per le femmine). Le stime suggeriscono che piccole quantità di consumo di alcol nelle popolazioni sopra i 40 anni senza condizioni sottostanti possono essere associate a migliori risultati sulla salute, in particolare nelle popolazioni che affrontano prevalentemente un carico maggiore di malattie cardiovascolari.

Un’analisi geografica

La distribuzione del carico di malattia per una data fascia di età variava sostanzialmente tra le regioni analizzate, determinando variazioni nei rischi derivanti dal consumo di alcol, in particolare negli individui di età pari o superiore a 40 anni. Ad esempio, tra le persone di età compresa tra 55 e 59 anni in Nord Africa e Medio Oriente, il 30,7% dei rischi per la salute legati all’alcol era dovuto a malattie cardiovascolari, il 12,6% a tumori e meno dell’1% a tubercolosi. Al contrario, in questa stessa fascia di età nell’Africa subsahariana centrale, il 20% dei rischi per la salute legati all’alcol era dovuto a malattie cardiovascolari, il 9,8% a tumori e il 10,1% a tubercolosi. Di conseguenza, i livelli di consumo per questa fascia di età prima di rischiare la perdita della salute erano 0,876 drink (o quasi una bevanda standard al giorno) in Nord Africa e Medio Oriente e 0,596 drink (circa metà di una bevanda standard al giorno) nell’area subsahariana centrale Africa.

Nel complesso, l’assunzione di alcol raccomandata per gli adulti è rimasta bassa, tra 0 e 1,87 bevande standard al giorno, indipendentemente da geografia, età, sesso o anno.

“Anche se viene adottato un approccio conservativo e viene utilizzato il livello più basso di consumo sicuro per stabilire raccomandazioni politiche, ciò implica che il livello raccomandato di consumo di alcol è ancora troppo alto per le popolazioni più giovani. Le nostre stime, basate sulle prove attualmente disponibili, supportano linee guida che differiscono per età e regione. Comprendere la variazione del livello di consumo di alcol che riduce al minimo il rischio di perdita di salute per le popolazioni può aiutare a definire linee guida di consumo efficaci, sostenere le politiche di controllo dell’alcol, monitorare i progressi nella riduzione del consumo dannoso di alcol e progettare messaggi di rischio per la salute pubblica”, afferma l’autore principale Dana Bryazka, ricercatrice presso IHME.

I giovani sono maggiormente a rischio

Lo studio ha anche calcolato la proporzione della popolazione che consuma alcol in quantità superiori a queste soglie per località, età, sesso e anno, fungendo da guida per indirizzare gli sforzi di controllo dell’alcol.

Tra le persone che consumavano quantità dannose di alcol nel 2020, il 59,1% aveva un’età compresa tra 15 e 39 anni e il 76,7% erano maschi, con 1,03 miliardi di maschi e 0,312 miliardi di femmine che bevevano quantità dannose di alcol. Il consumo dannoso di alcol era particolarmente concentrato nei giovani maschi in Australasia, Europa occidentale ed Europa centrale.

“Sebbene i rischi associati al consumo di alcol siano simili per maschi e femmine, i giovani maschi si sono distinti come il gruppo con il più alto livello di consumo dannoso di alcol. Questo perché una percentuale maggiore di maschi rispetto alle femmine consuma alcol e anche il loro livello medio di consumo è significativamente più alto”, afferma il dottor Gakidou.

I limiti dello studio

Gli autori riconoscono alcune limitazioni dello studio, incluso il fatto che i modelli di consumo di alcol non sono stati esaminati. Pertanto, questa ricerca non ha distinto tra individui che di rado si dedicano a forti bevute episodiche e coloro che consumano la stessa quantità di alcol per diversi giorni. Anche il consumo di alcol è stato auto-riferito, il che potrebbe aver introdotto pregiudizi e lo studio non ha potuto includere dati sul consumo durante la pandemia di COVID-19, a causa dei ritardi legati alla raccolta di dati di routine.

Scrivendo in un commento collegato, Robyn Burton e Nick Sheron del King’s College London (che non sono stati coinvolti nello studio) affermano: “Questi risultati apparentemente contraddicono una precedente stima del GBD pubblicata su The Lancet, che sottolineava che qualsiasi consumo di alcol, indipendentemente dalla quantità, porta alla perdita di salute tra le popolazioni. Ci sono tre differenze principali tra le due pubblicazioni GBD. In primo luogo, lo studio più recente utilizza i dati del 2020 anziché del 2016. In secondo luogo, sono state aggiornate le curve di rischio relativo per cinque esiti correlati all’alcol. Tuttavia, nessuno di questi cambiamenti determina le differenze nei risultati. Invece, le differenze sono dovute al nuovo metodo di ponderazione delle curve di rischio relativo in base ai livelli di malattia sottostante, oltre al calcolo di stime più disaggregate per sesso, età e area geografica. Le cause che contribuiscono alla mortalità per tutte le cause variano tra i gruppi e questo cambia il rischio proporzionale dell’alcol sulla mortalità. Nella maggior parte delle regioni geografiche in quest’ultima analisi, gli infortuni hanno rappresentato la maggior parte dei danni alcol-correlati nei gruppi di età più giovani. Ciò ha portato a un livello di rischio minimo pari a zero, o molto vicino a zero, tra gli individui di età compresa tra 15 e 39 anni in tutte le aree geografiche. Questo è inferiore al livello stimato per gli anziani, a causa di uno spostamento del carico di malattie legate all’alcol verso malattie cardiovascolari e tumori. Ciò evidenzia la necessità di considerare i tassi di malattia esistenti in una popolazione quando si cerca di determinare il danno totale causato dall’alcol”.

Articolo precedenteGFR: evidenziate sostanziali differenze tra valori misurati e stimati della velocità di filtrazione glomerulare
Articolo successivoIpertensione arteriosa: 130 milioni di decessi prevenibili con politiche adeguate di controllo
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui