Home Cardiologia Insufficienza cardiaca: la solitudine come importante fattore di rischio

Insufficienza cardiaca: la solitudine come importante fattore di rischio

884
0

Differenti studi hanno dimostrato che l’isolamento sociale e la solitudine sono importanti fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, ma si sa meno della loro connessione specifica con l’insufficienza cardiaca. Un nuovo studio, pubblicato recentemente sulla rivista JACC: Heart Failure, mostra che sia l’isolamento sociale che la solitudine sono associati a tassi più elevati di insufficienza cardiaca. E’ però interessante notare che se una persona semplicemente si sente sola è comunque importante nel determinare il rischio, al di là del fatto che questa persona sia effettivamente sola.

Connessioni sociali poco frequenti

La disconnessione sociale può essere classificata in due componenti diverse, ma connesse. “Isolamento sociale” si riferisce all’essere oggettivamente soli o avere connessioni sociali poco frequenti, mentre la “solitudine” è definita come una sensazione dolorosa causata da un livello effettivo di interazione sociale inferiore a quello che si vorrebbe.

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati dello studio UK Biobank, che ha seguito la salute della popolazione per 12 anni e ha valutato i fattori psicosociali, come l’isolamento sociale e la solitudine, attraverso questionari auto-segnalati. I ricercatori hanno esaminato i risultati sulla salute di una popolazione di oltre 400.000 adulti di mezza età e anziani.

Studi precedenti sono stati inconcludenti, con risultati incoerenti e hanno utilizzato misurazioni diverse per valutare l’isolamento sociale e la solitudine, ha affermato Jihui Zhang, ricercatore presso la Guangzhou Medical University di Guangzhou, in Cina, e autore senior dello studio.

Isolamento sociale e solitudine

I ricercatori hanno scoperto che sia l’isolamento sociale che la solitudine fanno aumentare il rischio di ospedalizzazione o morte per insufficienza cardiaca dal 15% al 20%. Tuttavia, hanno anche scoperto che l’isolamento sociale era solo un fattore di rischio quando non era presente anche la solitudine. In altre parole, se una persona era socialmente isolata e si sentiva sola, la solitudine era più importante. Anche la solitudine aumentava il rischio, anche se la persona non era socialmente isolata.

La solitudine e l’isolamento sociale erano più comuni negli uomini ed erano anche associati a comportamenti e condizioni di salute avverse, come l’uso del tabacco e l’obesità.

Uno dei motivi di questi risultati potrebbe essere perché le persone possono sentirsi sole anche quando sono in relazione o interagiscono con gli altri, ha detto Zhang. «Questi risultati indicano che l’impatto della solitudine soggettiva era più importante di quello dell’isolamento sociale oggettivo», ha affermato. «Questi risultati suggeriscono che quando è presente la solitudine, l’isolamento sociale non è più importante nel collegamento con l’insufficienza cardiaca. La solitudine è probabilmente un fattore di stress psicologico più forte dell’isolamento sociale, perché la solitudine è comune negli individui che sono ostili o hanno relazioni sociali stressanti.»

La pandemia di COVID-19

Zhang ha affermato che lo studio ha indicato la necessità di strumenti efficaci per lo screening dell’isolamento sociale e della solitudine nelle cure cliniche di routine e una spinta più ampia per fornire un maggiore supporto sociale. Indica anche l’importanza di distinguere tra questi due fattori.

«Presteremo maggiore attenzione a quelle persone che si sentono sole per l’intervento. Per le persone che non si sentono sole, faremo uno screening per l’isolamento sociale», ha continuato.

Ha affermato che i risultati sono particolarmente rilevanti in quanto la pandemia di COVID-19 ha evidenziato gli impatti dell’isolamento sociale e della solitudine su un’ampia gamma di esiti di salute.

In un commento editoriale correlato, Sarah J. Goodlin, ricercatrice presso Patient-Centered Education and Research, e Sheldon Gottlieb, professore associato di medicina presso la Johns Hopkins University School of Medicine, hanno affermato che l’isolamento sociale e la solitudine sono spesso influenzati da una condizione socioeconomica dell’individuo.

«Il rapporto con l’isolamento sociale e la solitudine è probabilmente più forte nelle persone agli estremi dell’isolamento sociale e della solitudine e aggravato da un basso status socioeconomico», hanno detto Goodlin e Gottlieb. «Poiché i determinanti sociali della salute sono sempre più riconosciuti come componenti importanti dell’assistenza sanitaria incentrata sul paziente, potrebbe essere appropriato incorporare interventi specifici, come la ‘prescrizione sociale’ nell’assistenza».

Per gli studi futuri, i ricercatori hanno in programma di studiare gli impatti dell’isolamento sociale e della solitudine sui principali esiti di salute nelle popolazioni vulnerabili, compresi i pazienti con diabete di tipo 2. Stanno inoltre lavorando a studi sperimentali per comprendere meglio i meccanismi attraverso i quali l’isolamento sociale e la solitudine influiscono sulle malattie cardiovascolari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui