Home In Evidenza Preoccupanti correlazioni tra infezioni respiratorie nei bambini e la loro salute in...

Preoccupanti correlazioni tra infezioni respiratorie nei bambini e la loro salute in età adulta

1065
0
copyright American Heart Association

Le infezioni respiratorie contratte durante la prima infanzia sembrano essere associate a un aumento del rischio di morte per malattie respiratorie tra i 26 e i 73 anni. Questa relazione è stata messa in luce in un recente studio, pubblicato sulla rivista The Lancet.

Questo studio, unico nel suo genere, copre otto decenni e suggerisce che, sebbene il numero complessivo di morti premature per malattie respiratorie fosse piccolo, le persone che avevano avuto un’infezione del tratto respiratorio inferiore, come bronchite o polmonite, all’età di due anni avevano il 93% di probabilità in più di morire prematuramente per malattie respiratorie da adulti. Questo, indipendentemente dal background socioeconomico o dallo stato di fumatore.

Ciò potrebbe potenzialmente rappresentare una morte prematura su cinque, per malattie respiratorie in Inghilterra e Galles tra il 1972 e il 2019 (179.188 decessi su 878.951).

Un grave problema di salute pubblica

Le malattie respiratorie croniche rappresentano un grave problema di salute pubblica, con una stima di 3,9 milioni di decessi nel 2017, pari al 7% di tutti i decessi in tutto il mondo. La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) ha causato la maggior parte di questi decessi.

È stato dimostrato che le infezioni del tratto respiratorio inferiore infantili sono collegati a una compromissione della funzionalità polmonare dell’adulto, asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva, ma in precedenza non era chiaro se esistesse un legame con la morte prematura in età adulta. Questa nuova ricerca è il primo studio a vita su questo argomento e fornisce le più solide evidenze finora ottenute che suggeriscono come la salute respiratoria nei primi anni di vita abbia un impatto rilevante sulla mortalità in età adulta.

“Le attuali misure preventive per le malattie respiratorie degli adulti si concentrano principalmente sui fattori di rischio dello stile di vita degli adulti, come il fumo. Il collegamento di uno su cinque dei decessi respiratori degli adulti a infezioni comuni molti decenni prima, nell’infanzia, mostra la necessità di affrontare il rischio ben prima dell’età adulta. Per prevenire il perpetuarsi delle esistenti disuguaglianze nella salute degli adulti, dobbiamo ottimizzare la salute dell’infanzia, non da ultimo affrontando la povertà infantile. Le prove che suggeriscono l’origine precoce delle malattie croniche degli adulti aiutano anche a sfidare lo stigma secondo cui tutti i decessi per malattie come la BPCO sono correlati a fattori dello stile di vita”, afferma il dott. James Allinson, dell’Imperial College di Londra, nel Regno Unito, autore principale dello studio.

Il 93% di probabilità in più di morire prematuramente

La ricerca utilizza i dati di una coorte britannica a livello nazionale (The National Survey of Health and Development), che ha reclutato individui alla nascita, nel 1946, ed esamina i dati sanitari e di morte fino all’anno 2019. Dei 3.589 partecipanti allo studio, il 25% aveva contratto una infezione del tratto respiratorio inferiore prima dei due anni di vita. Alla fine del 2019, il 19% dei partecipanti era morto prima dei 73 anni. Tra queste 674 morti premature adulte, l’8% dei partecipanti è deceduto per malattie respiratorie, principalmente BPCO.

L’analisi aggiustata per il retroterra socioeconomico durante l’infanzia e il fumo, suggerisce che i bambini che avevano avuto una infezione del tratto respiratorio inferiore all’età di due anni avevano il 93% di probabilità in più di morire prematuramente da adulti per malattie respiratorie, rispetto ai bambini che non avevano avuto questa malattia alla stessa età. Ciò equivale a un tasso del 2,1% di morte prematura degli adulti per malattie respiratorie, tra coloro che avevano avuto una infezione del tratto respiratorio inferiore nella prima infanzia, rispetto all’1,1% tra coloro che non l’avevano avuta.

Questo rischio rappresenta in pratica uno su cinque (20,4%) dei decessi prematuri per cause respiratorie negli adulti, corrispondenti a 179.188 decessi in eccesso per malattie respiratorie in Inghilterra e Galles tra il 1972 e il 2019. In confronto, i decessi per cause respiratorie negli adulti attribuibili al fumo rappresentano tre su cinque dei decessi (57,7%) per malattie respiratorie in Inghilterra e Galles nello stesso periodo (507.223 su 878.951 decessi).

Malattie infantili ampiamente prevenibili

Avere un’infezione delle vie respiratorie inferiori prima dei due anni era associato solo a un aumento del rischio di morte prematura per malattie respiratorie e non per altre malattie, come malattie cardiache o tumori.

“I risultati del nostro studio suggeriscono che gli sforzi per ridurre le infezioni respiratorie infantili potrebbero avere un impatto sull’affrontare la mortalità prematura per malattie respiratorie più avanti nella vita. Ci auguriamo che questo studio aiuti a guidare le strategie delle organizzazioni sanitarie internazionali nell’affrontare questo problema”, afferma la professoressa Rebecca Hardy, della Loughborough University e University College di Londra, nel Regno Unito.

Gli autori riconoscono alcune limitazioni dello studio. Sebbene il background socioeconomico e il fumo siano stati corretti nell’analisi, potrebbero esserci stati altri fattori non riportati, come il fumo dei genitori e la nascita prematura. Durante questo studio nell’arco della vita, il cambiamento dello status socioeconomico potrebbe anche aver determinato cambiamenti nella funzione polmonare delle coorti successive, alterando i risultati. Lo studio non è stato in grado di indagare quali batteri o virus abbiano causato le infezioni del tratto respiratorio inferiore nei bambini.

Scrivendo in un commento collegato, Heather Zar, dell’Università di Città del Capo, in Sud Africa, che non è stata coinvolta in questa ricerca, ha dichiarato: delineare gli effetti a lungo termine delle infezioni del tratto respiratorio inferiore è importante per capire le origini della malattia in età adulta e per rafforzare gli interventi preventivi. Gli attuali sforzi globali per ridurre la mortalità prematura degli adulti si concentrano principalmente sull’esposizione degli adulti. Lo studio di Allinson e colleghi si aggiunge alle prove che gli adulti cui la malattia polmonare cronica è stata attribuita agli effetti legati al fumo e potrebbero avere malattie anche derivanti da esposizioni infantili, che sono ampiamente prevenibili.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui