Home Angiologia Chi dorme meno di cinque ore a notte ha maggiori probabilità di...

Chi dorme meno di cinque ore a notte ha maggiori probabilità di sviluppare una arteriopatia periferica

1040
0

Dormire meno di cinque ore a notte si associa a una probabilità maggiore del 74% di sviluppare una malattia delle arterie periferiche rispetto al dormire sette-otto ore. È quanto ha evidenziato un recente studio pubblicato sulla rivista European Heart Journal – Open.

«Il nostro studio suggerisce che dormire dalle sette alle otto ore a notte è una buona abitudine per ridurre il rischio di arteriopatia periferica», ha affermato l’autore dello studio, il dott. Shuai Yuan del Karolinska Institute di Stoccolma, in Svezia.

Sonno notturno insufficiente e i sonnellini diurni

Più di 200 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di arteriopatia periferica, una malattia in cui le arterie degli arti inferiori si ostruiscono a causa dello sviluppo di placche aterosclerotiche. Una condizione che limita il flusso di sangue ai muscoli delle gambe, causando dolore camminando, e che si associa ad una aumentato rischio per l’ictus e l’infarto.

Il dottor Yuan ha dichiarato: «Il sonno notturno insufficiente e i sonnellini diurni sono stati precedentemente associati a un aumento del rischio di malattia coronarica che, come l’arteriopatia periferica, è causata da arterie ostruite. Inoltre, i disturbi del sonno sono tra i disturbi più apprezzati nei pazienti affetti da arteriopatia periferica. Ci sono dati limitati sull’impatto delle abitudini del sonno sull’arteriopatia periferica e viceversa, e il nostro studio mirava a colmare questa lacuna».

Lo studio ha incluso più di 650.000 partecipanti ed è stato condotto in due parti. In primo luogo, i ricercatori hanno analizzato le associazioni tra durata del sonno e sonnellini diurni con il rischio di arteriopatia periferica. Nella seconda parte, i ricercatori hanno utilizzato i dati genetici per eseguire studi controllati, randomizzati, in modo naturale – chiamati randomizzazione mendeliana – per esaminare la causalità delle associazioni.

Un rischio quasi doppio

Il Dr. Yuan ha aggiunto: «Le analisi osservazionali sono limitate dalla causalità inversa, il che significa che se viene trovata un’associazione tra le abitudini del sonno e l’arteriopatia periferica, non possiamo essere certi se le abitudini del sonno abbiano causato l’arteriopatia periferica o se l’arteriopatia periferica abbia causato le abitudini del sonno. La randomizzazione mendeliana è un metodo robusto per valutare la causalità e fornisce maggiore certezza sui risultati.

Nel loro insieme, la prova più forte era per il sonno breve, dove la relazione con l’arteriopatia periferica andava in entrambe le direzioni. In un’analisi osservazionale di 53.416 adulti, dormire meno di cinque ore a notte era associato a un rischio quasi raddoppiato di arteriopatia periferica rispetto al dormire sette-otto ore (rapporto di rischio 1,74).

Questa scoperta è stata supportata da ulteriori analisi in 156.582 e 452.028 individui. Negli studi causali, il sonno breve era associato a un aumentato rischio di arteriopatia periferica e, inoltre, l’arteriopatia periferica era associata a una maggiore probabilità di sonno breve. Il dottor Yuan ha detto: «I risultati indicano che un sonno breve notturno può aumentare la possibilità di sviluppare l’arteriopatia periferica e che avere una arteriopatia periferica aumenta il rischio di non dormire a sufficienza».

Anche il sonno troppo lungo è rischioso?

Per quanto riguarda il sonno lungo, in un’analisi osservazionale di 53.416 adulti, dormire otto ore o più a notte era associato a un rischio di arteriopatia periferica superiore del 24% rispetto al dormire sette-otto ore (HR 1,24). Questa scoperta è stata supportata da analisi in due popolazioni più ampie di 156.582 e 452.028 individui. Tuttavia, non sono state trovate relazioni causali tra sonno lungo e arteriopatia periferica.

Risultati simili sono stati riportati per i sonnellini, dove i pisolini diurni si associano ad un rischio di arteriopatia periferica superiore del 32% rispetto a quelli che non facevano il pisolino (HR 1,32) ma non sono stati trovati collegamenti causali.

«Sono necessari ulteriori studi sulle relazioni tra il lungo sonno notturno, i sonnellini diurni e la PAD», ha affermato il dott. Yuan. «Sebbene abbiamo trovato associazioni negli studi osservazionali, non siamo riusciti a confermare la causalità».

Ha concluso: «Sono necessarie ulteriori ricerche su come interrompere il legame bidirezionale tra sonno breve e arteriopatia periferica. I cambiamenti dello stile di vita che aiutano le persone a dormire di più, come essere fisicamente attivi, possono ridurre il rischio di sviluppare una arteriopatia periferica. Per i pazienti con arteriopatia periferica, l’ottimizzazione della gestione del dolore potrebbe consentire loro di dormire bene la notte».

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui