Home Cardiologia Le morti cardiovascolari dovute al caldo estremo potrebbero più che raddoppiare

Le morti cardiovascolari dovute al caldo estremo potrebbero più che raddoppiare

1095
0

Le morti cardiovascolari dovute al caldo estremo negli Stati Uniti potrebbero più che raddoppiare entro la metà del secolo. Senza una riduzione delle emissioni di gas serra, quel numero potrebbe addirittura triplicare. Sono questi, in sintesi, le previsioni di una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Circulation.

“Il cambiamento climatico e le sue molteplici manifestazioni giocheranno un ruolo sempre più importante sulla salute delle comunità di tutto il mondo nei prossimi decenni”, ha affermato l’autore principale dello studio Sameed Khatana, assistente professore di medicina presso l’Università della Pennsylvania e cardiologo presso il Philadelphia Veterans Affairs Medical Center, entrambi a Filadelfia.

Le future emissioni di gas serra

Quanto e con quale rapidità aumenteranno le emissioni di gas serra nei prossimi decenni determinerà l’impatto sulla salute del caldo estremo. Secondo Khatana, politiche più aggressive per ridurre le emissioni di gas serra potrebbero potenzialmente ridurre il numero di persone che potrebbero sperimentare gli effetti negativi sulla salute del caldo estremo.

In precedenza, gli autori hanno esaminato i dati contea per contea negli Stati Uniti continentali, per dimostrare un legame tra un maggior numero di giorni di caldo estremo e un aumento delle morti cardiovascolari tra il 2008 e il 2017. Questi dati sono serviti come punto di riferimento per l’analisi in questo nuovo studio.

I ricercatori hanno utilizzato modelli per le future emissioni di gas serra e la futura composizione socioeconomica e demografica della popolazione degli Stati Uniti, per stimare il possibile impatto del caldo estremo sulle morti cardiovascolari negli anni centrali del secolo attuale (2036-2065).

Hanno stimato il numero in eccesso di decessi cardiovascolari associati al caldo estremo, confrontando il numero previsto di decessi per ciascuna contea se non si fosse verificato il caldo estremo, rispetto al numero previsto di giorni di caldo.

Un numero di morti cardiovascolari in aumento almeno del 162%

Tra il 2008 e il 2019, il caldo estremo è stato associato a 1.651 morti cardiovascolari in eccesso all’anno.

Anche se le riduzioni delle emissioni di gas serra attualmente proposte fossero pienamente attuate, si prevede che le morti cardiovascolari in eccesso dovute al caldo estremo saranno più alte del 162% verso la metà di questo secolo rispetto al livello di riferimento del 2008-2019.

Tuttavia, se tali politiche di riduzione delle emissioni di gas serra non venissero attuate, si prevede che le morti cardiovascolari in eccesso dovute al caldo estremo aumenteranno del 233% nei prossimi decenni.

A seconda dell’aggressività con cui vengono implementate le politiche per ridurre le emissioni di gas serra, si prevede che gli adulti di età pari o superiore a 65 anni avranno un aumento da 2,9 a 3,5 volte maggiore della morte cardiovascolare dovuta al caldo estremo, rispetto agli adulti di età compresa tra 20 e 64 anni.

Si prevede che gli adulti neri non ispanici avranno un aumento da 3,8 a 4,6 volte maggiore della morte cardiovascolare dovuta al caldo estremo, rispetto agli adulti bianchi non ispanici, a seconda del grado di attuazione delle politiche sull’effetto serra.

Gli aumenti previsti dei decessi dovuti al caldo estremo sono risultati significativamente diversi tra gli adulti di altri gruppi razziali o etnici, o tra uomini e donne.

“L’entità dell’aumento percentuale è stata sorprendente. Questo aumento spiega non solo la nota associazione tra morti cardiovascolari e caldo estremo, ma è anche influenzato dall’invecchiamento della popolazione e dall’aumento proporzionale del numero di persone di altre razze e/o etnie negli Stati Uniti”, ha detto Khatana.

Il ruolo dell’isolamento sociale

Sia i fattori medici che quelli ambientali possono influenzare il maggiore impatto del caldo estremo per le persone di questi gruppi di popolazione, ha affermato. Anche le disparità nei fattori di vicinato e ambientali sono fattori cruciali da considerare.

“Studi precedenti hanno suggerito che i residenti neri potrebbero avere meno accesso all’aria condizionata; minore copertura arborea e un grado più elevato di ‘effetto isola di calore urbano’: le aree edificate presentano un aumento della temperatura maggiore rispetto alle aree circostanti meno sviluppate”, ha affermato Khatana. “Le condizioni di vita possono anche avere un ruolo in termini di isolamento sociale, che viene vissuto da alcuni anziani e che in precedenza è stato collegato a una maggiore probabilità di morte per caldo estremo”.

I risultati purtroppo non sono sorprendenti, secondo il volontario dell’American Heart Association Robert Brook, che è coautore di numerose dichiarazioni scientifiche dell’Associazione sull’inquinamento atmosferico e non è stato coinvolto in questo studio.

“Anche nello scenario più ottimistico e moderato di questo studio, le emissioni di gas serra aumenteranno per un certo periodo prima di diminuire gradualmente”, ha affermato Brook, professore di medicina e direttore esecutivo della prevenzione cardiovascolare presso la Wayne State University School of Medicine di Detroit. “Inoltre, la maggior parte degli inquinanti persiste nell’atmosfera per numerosi anni e, come tale, la tendenza a lungo termine prevede un aumento significativo della frequenza degli eventi di caldo estremo nonostante le azioni a breve termine.

Gli infarti non fatali, gli ictus e i ricoveri per insufficienza cardiaca

“In concomitanza con la crescita delle popolazioni più sensibili e vulnerabili – l’invecchiamento e i trasferimenti delle persone in luoghi più caldi: si prevede che i decessi per malattie cardiovascolari legate al caldo aumenteranno nei prossimi decenni. Tuttavia, lo studio mostra che l’entità degli effetti avversi delle malattie cardiovascolari può essere in qualche modo mitigata adottando azioni tempestive per ridurre le emissioni di gas serra che guidano il cambiamento climatico”. Anche se le proiezioni possono sembrare allarmanti, sono probabilmente prudenti, ha osservato Brook.

“Le proiezioni di questo studio si concentrano sulle morti per malattie cardiovascolari e, pertanto, rappresentano stime prudenti degli effetti negativi sulla salute cardiovascolare dovuti al caldo estremo”, ha affermato. “Gli infarti non fatali, gli ictus e i ricoveri per insufficienza cardiaca sono più numerosi degli eventi fatali e hanno anche un’elevata probabilità di essere collegati a giornate di caldo estremo. La portata complessiva della minaccia per la salute pubblica, anche solo dovuta alla morte cardiovascolare, è probabilmente molto maggiore di quella presentata in questo studio“.

L’inquinamento atmosferico da particolato fine

Le proiezioni sollevano la questione se gli interventi infrastrutturali, come l’aumento della copertura arborea nei quartieri, possano portare a miglioramenti nel numero di persone colpite dal caldo estremo negli Stati Uniti. Alcuni risultati di ricerche europee suggeriscono che questo potrebbe essere il caso, tuttavia, studi negli Stati Uniti mancano.

Brook ha anche sottolineato il ruolo dell’inquinamento dovuto al calore eccessivo: “L’inquinamento atmosferico da particolato fine (PM2,5) provoca più di 6 milioni di morti all’anno. Questo studio aggiunge ulteriore prova che l’intera portata degli effetti dannosi posti dagli inquinanti atmosferici si estende oltre il PM2,5. Aumentando sostanzialmente i giorni di caldo estremo, gli inquinanti atmosferici a effetto serra rappresentano ulteriori minacce al nostro benessere”.

Due scenari

I ricercatori hanno confrontato le morti cardiovascolari in eccesso dovute al caldo estremo in due scenari utilizzati dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, un organismo internazionale che valuta la scienza relativa ai cambiamenti climatici causati dalle attività umane. Gli scenari erano:

  1. Attuazione efficace delle politiche di riduzione moderata delle emissioni attualmente proposte, in modo da ridurre gli aumenti delle emissioni di gas serra;
  2. Non esistono sforzi significativi per ridurre le emissioni e le emissioni di gas serra continuano ad aumentare allo stesso ritmo degli ultimi due decenni.

Come riferimento, i ricercatori hanno utilizzato i dati contea per contea del periodo 2008-2019 per i decessi avvenuti durante i mesi estivi con una causa primaria di qualsiasi condizione cardiovascolare (inclusi infarto e ictus) e dati correlati come età, sesso, razza e etnia di ogni persona morta e numero di giorni di caldo estremo (giorni con un indice di calore massimo di 32°C o superiore) durante il mese della morte.

L’indice di calore considera sia il calore che l’umidità, perché riflette il modo in cui il corpo umano sperimenta le alte temperature, con un’elevata umidità che interferisce con la capacità del corpo di rilasciare calore attraverso la sudorazione.

Questi risultati, provenienti dai dati negli Stati Uniti continentali, potrebbero non essere applicabili alle persone che vivono in altre regioni degli Stati Uniti o del mondo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui