Home Cardiologia Semaglutide: riduce gli eventi cardiovascolari anche nei soggetti non diabetici, con obesità...

Semaglutide: riduce gli eventi cardiovascolari anche nei soggetti non diabetici, con obesità o sovrappeso

379
0

In un ampio studio clinico internazionale, lo studio SELECT, le persone con obesità o sovrappeso che assumevano semaglutide per più di 3 anni, ma che non avevano un diabete, hanno evidenziato un rischio inferiore del 20% di infarto, ictus o morte a causa di malattie cardiovascolari e perdevano in media il 9,4% del loro peso corporeo.

Semaglutide è un farmaco agonista del recettore del GLP-1, simile al glucagone, simula le funzioni degli ormoni incretinici naturali del corpo, che aiutano ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue dopo un pasto. La regolazione di questi livelli ormonali induce anche una sensazione di sazietà, riducendo così l’apporto calorico giornaliero e una conseguente perdita di peso.

Semaglutide è stato approvato per la prima volta dalla FDA per il trattamento del diabete di tipo 2 e, nel 2021, è stato approvato per la gestione cronica del peso negli adulti con obesità.

Una notizia incoraggiante per le persone in sovrappeso o obese

Questi risultati sono stati presentati in una sessione scientifica del congresso 2023 dell’American Heart Association. L’incontro, tenutosi dall’11 al 13 novembre a Filadelfia, è stato un’importante occasione di scambio globale degli ultimi progressi scientifici in campo cardiovascolare. Lo studio è stato pubblicato contemporaneamente sul New England Journal of Medicine.

“Questa notizia è molto incoraggiante per le persone in sovrappeso o obese perché nessun trattamento specificamente diretto alla gestione dell’obesità e del sovrappeso nelle persone senza diabete di tipo 1 o di tipo 2 è stato testato in uno studio randomizzato e non ha dimostrato di influenzare gli esiti cardiovascolari”, hanno affermato l’autore principale dello studio A. Michael Lincoff, e Suzanne Tomsich cardiologo interventista presso il Sydell and Arnold Miller Family Heart, Vascular & Thoracic Institute della Cleveland Clinic.

Mentre ricerche precedenti avevano confermato i benefici di semaglutide nella gestione della glicemia, nella diminuzione degli eventi di malattie cardiovascolari e nella riduzione del peso nelle persone con diabete di tipo 2, questo studio ha studiato specificamente il potenziale impatto di semaglutide sulle malattie cardiovascolari nelle persone in sovrappeso o obese e con malattie cardiovascolari che non aveva né il diabete di tipo 1 né di tipo 2.

Somministrazione settimanale

I partecipanti allo studio sono stati assegnati in modo casuale a prendere 2,4 milligrammi di semaglutide (la dose di semaglutide approvata dalla FDA per la gestione del peso) o un placebo, una volta alla settimana. Si tratta di una dose superiore al limite approvato dalla FDA per il diabete di tipo 2 di 2,0 mg/settimana.

Ogni persona nello studio ha utilizzato una “penna” per iniettare il medicinale o il placebo in una piega cutanea dello stomaco, della coscia o della parte superiore del braccio ogni settimana lo stesso giorno e la dose è iniziata con 0,24 mg ed è aumentata gradualmente ogni quattro settimane fino a 2,4 mg. Il follow-up medio per tutti i partecipanti è stato di 40 mesi.

Nessuno coinvolto nello studio – né i partecipanti, né gli operatori sanitari o i ricercatori dello studio – sapeva chi tra i partecipanti stavano ricevendo semaglutide o placebo.

Oltre ad assumere semaglutide o placebo per lo studio, tutti i partecipanti hanno ricevuto anche trattamenti standard per le malattie cardiovascolari, come farmaci che modificano il colesterolo, terapie antipiastriniche, beta bloccanti o altri trattamenti.

Gli autori notano che le diagnosi di malattie cardiache variavano tra i partecipanti, pertanto, il trattamento è stato adattato per soddisfare la diagnosi e le esigenze di ciascun individuo, nonché le linee guida terapeutiche nel paese di residenza.

Una riduzione del 20% del rischio di infarto miocardico, ictus o morte

Lo studio si è svolto da ottobre 2018 a giugno 2023 e i risultati hanno evidenziato una riduzione del 20% del rischio di infarto miocardico, ictus o morte dovuta a malattie cardiovascolari nei partecipanti che hanno assunto semaglutide, rispetto ai partecipanti del gruppo placebo.

Nel gruppo che aveva assunto semaglutide, il peso corporeo dei partecipanti si è ridotto, in media, del 9,4% rispetto a una riduzione dello 0,9% tra gli adulti del gruppo placebo.

Nello studio non sono emersi nuovi problemi di sicurezza, il che, secondo i ricercatori, è incoraggiante poiché lo studio SELECT è lo studio più ampio e lungo (4,5 anni) su semaglutide negli adulti senza diabete di tipo 1 o di tipo 2.

Il numero di eventi avversi gravi è stato inferiore nel gruppo semaglutide. Precedenti studi sui farmaci della classe degli agonisti del recettore GLP-1 hanno mostrato un’associazione con disturbi della colecisti. Nello studio SELECT è stato osservato un tasso leggermente più elevato di disturbi della colecisti nel gruppo semaglutide rispetto al gruppo placebo (rispettivamente 2,8% vs 2,3%).

Semaglutide è stato sospeso più frequentemente rispetto al placebo per intolleranza gastrointestinale, un noto effetto collaterale di questa classe di farmaci. Tuttavia, non è stato riscontrato un tasso più elevato di eventi gastrointestinali gravi.

I ricercatori hanno notato che questo farmaco non ha portato ad un aumento del tasso di pancreatite, che costituiva un problema con i precedenti farmaci di questo tipo.

Ridurre significativamente il rischio di un evento cardiovascolare

Da notare che altri farmaci dimagranti, che non sono agonisti del recettore del GLP-1, sono stati associati ad un aumento del rischio di disturbi psichiatrici o cancro. Questi rischi non sono risultati elevati nei pazienti che assumevano semaglutide nello studio SELECT.

“È stato stimato che entro circa dieci anni, oltre la metà della popolazione mondiale sarà sovrappeso o obesa”, ha affermato il dottor Lincoff. “E mentre i farmaci GLP-1 sono spesso prescritti a pazienti con malattie vascolari e diabete di tipo 2, esiste un numero significativo di persone che non hanno il diabete di tipo 1 o di tipo 2 ma hanno malattie vascolari e hanno problemi di diabete. Persone in sovrappeso o obese per le quali questi farmaci spesso non sono disponibili a causa di problemi di accesso alle cure, copertura assicurativa o altri fattori. Questa popolazione potrebbe ora potenzialmente trarre beneficio da semaglutide e, cosa importante, i nostri risultati indicano che l’entità della riduzione del rischio cardiovascolare con semaglutide tra le persone senza diabete di tipo 1 o di tipo 2 è la stessa che abbiamo osservato nelle persone con diabete di tipo 2. I nostri risultati ampliano l’opportunità di trattare pazienti in sovrappeso o obesi e con malattie cardiache esistenti senza diabete di tipo 1 o di tipo 2, e abbiamo la possibilità di ridurre significativamente il rischio di un evento cardiovascolare secondario inclusa la morte”.

I limiti dello studio

Lo studio presentava alcune limitazioni. Lo studio ha incluso solo adulti con pregressa malattia cardiovascolare, pertanto non ha studiato la prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari (persone senza storia di infarto, ictus e/o malattia delle arterie periferiche). Inoltre, il 28% dei partecipanti allo studio erano donne, un dato non proporzionale al numero di donne con malattie cardiovascolari e sovrappeso o obese nella popolazione generale.

Gli autori dello studio sottolineano che sono previste ulteriori analisi dei risultati, compresi studi volti a identificare i mediatori del beneficio cardiovascolare, per determinare in che misura i risultati sono stati guidati dalla riduzione del grasso corporeo metabolicamente dannoso, dagli impatti positivi sull’infiammazione o sulla glicemia, dagli effetti diretti del farmaco stesso sull’accumulo di placca nelle arterie o su una combinazione di una o più variabili.

Lo studio internazionale ha arruolato complessivamente oltre 17.500 persone, 72% erano uomini adulti che vivevano in 41 paesi. Tutti i partecipanti avevano 45 anni o più con un indice di massa corporea (BMI) di 27 kg/m2 o superiore e oltre il 70% aveva un BMI pari o superiore a 30.

Tutti gli arruolati nello studio avevano una storia di malattie cardiovascolari: un precedente infarto, ictus o malattia delle arterie periferiche. Anche se nessuno dei partecipanti aveva il diabete di tipo 1 o di tipo 2 quando sono stati inclusi nello studio, circa due terzi dei partecipanti avevano un livello di A1C (la percentuale di emoglobina nei globuli rossi a cui è legato glucosio o zucchero) tra il 5,7% e il 6,4%, che soddisfa i criteri per una diagnosi di prediabete, il precursore del diabete di tipo 2.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui