Home Gastroenterologia Più della metà degli abitanti del mondo è infetta da Helicobacter pilori

Più della metà degli abitanti del mondo è infetta da Helicobacter pilori

427
0
This scanning electron micrograph depicts a grouping of Gram-negative ”Flexispira rappini” bacteria, magnified 13,951x. Its name ”F. rappini” is considered provisional, for it was never formally proposed or accepted. Subsequently determined to be closely related to Helicobacter spp., it is referred to as Helicobacter sp. flexispira in the literature. Photo Credit: Janice Carr. Content Providers(s): CDC/ Dr. Patricia Fields, Dr. Collette Fitzgerald.

Sono queste le conclusioni cui è giunto un recente lavoro, pubblicato su Gastroenterology, dopo aver proceduto con una revisione sistematica degli studi che hanno valutato la prevalenza dell’Helicobacter pilori (HP) in differenti nazioni.

Da quando nel 1983 questo battere è stato identificato come causa dell’ulcera peptica, la terapia di questa malattia è cambiata radicalmente ed è iniziata al contempo la ricerca per identificare la metodica più semplice e affidabile per il suo isolamento.

adv

Nella maggior parte del mondo, il principale meccanismo di diffusione è la trasmissione all’interno della famiglia e la sua prevalenza è particolarmente elevata nei paesi in via di sviluppo, e correla in particolare con lo stato socioeconomico e i livelli di igiene.

L’analisi condotta in questo studio, ha fatto emergere come i paesi con una più elevata prevalenza di HP siano: Nigeria (87,7%), Portogallo (86,4%), Estonia (82,5%) e Kazakistan (79,5%). Al contrario, quelli con una minore incidenza sono risultati: Svizzera (18,9%), Danimarca (22,1%), Nuova Zelanda (24%) e Australia (24,6%).

Esaminando le variazioni di prevalenza nel tempo, si è visto come questa si sia ridotta in regioni quali Europa, Nord America e Oceania, mentre è stazionaria in Asia e in America Latina.

Questo studio evidenzia in generale come nel mondo, nel 2015, vi siano circa 4,4 miliardi di individui che sono risultati positivi per HP. Considerando che la popolazione mondiale attuale è stimata poco sotti i 7,5 miliardi, significa che quasi il 60% della popolazione mondiale è infetta da questo batterio. Se nelle regioni industrializzate la sua presenza si sta riducendo progressivamente, il continente africano sembra essere la regione più colpita da questa infezione, con una prevalenza che sfiora l’80%.

Questi dati dimostrano che c’è ancora molta strada da fare, non solo per l’eradicazione dell’HP, ma per ridurre anche l’incidenza del carcinoma gastrico, a esso strettamente correlato. Il batterio è infatti considerato come cancerogeno di gruppo I dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro.

Va peraltro sottolineato come in Africa, nonostante l’elevata prevalenza dell’HP, l’incidenza di tumore gastrico è notevolmente inferiore rispetto a regioni con una minore prevalenza del batterio. Una spiegazione a questo comportamento potrebbe essere riconducibile a diversità strutturali nei vari tipi di HP che infestano specifiche aree geografiche, e ai conseguenti differenti tipi di risposta immunitaria evocati.

 

Per visualizzare la mappa interattiva che indica la prevalenza di HP nei diversi paesi del mondo clicca su questo link.

 

Cover image volume 153, Issue 2

 

James K. Y. Hooi, et al. Global Prevalence of Helicobacter pylori Infection: Systematic Review and Meta-Analysis. Gastroenterology 2017;153:420–429.

 

Articolo precedenteUn nuovo modello, con biomarcatori, per calcolare il rischio cardiovascolare in pazienti con cardiopatia coronarica stabile
Articolo successivoDavide e Golia cosmici osservati dal telescopio Hubble
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui