Quali sono le migliori strategie per prevenire le cadute degli anziani?

La percentuale di anziani nella società è in costante aumento, al tempo stesso lo sono gli episodi di caduta, che incrementano proporzionalmente con l’invecchiamento.  Le cadute sono un evento critico nella vita dell’anziano e possono far precipitare la sua condizione clinica, portandolo anche alla perdita dell’autosufficienza. Possono causare fratture e lesioni del tessuto molle, dolori cronici, disfunzioni funzionali e anche una maggiore mortalità. Questo evento si lega inevitabilmente anche a un aumento dei costi sanitari.

I programmi e metodi per la prevenzione delle cadute negli anziani sono molti, e molti continuano a essere proposti, ma qual è la loro reale efficacia?

Lo ha analizzato una recente metanalisi pubblicata sul JAMA, che ha confrontato i risultati di 303 differenti studi, per un totale di quasi 160.000 partecipanti.

Ne è emerso come siano quattro gli interventi che esercitano effetti favorevoli sulla prevenzione delle cadute: esercizio; esercizio combinato con valutazione della visione e trattamento; combinazione di esercizio, valutazione della visione e trattamento, valutazione dell’ambiente e sue modificazioni; combinazione di strategie di miglioramento della qualità a livello clinico, valutazioni e trattamenti multifattoriali, integratori di calcio, integratori di vitamina D.

L’analisi considera anche altri endpoint clinici, quali i ricoveri, le fratture e le visite al pronto soccorso, ma senza identificare misure in grado di prevenirli un modo efficace.

 

Andrea C. Tricco, et al. Comparisons of Interventions for Preventing Falls in Older Adults A Systematic Review and Meta-analysis. JAMA. 2017;318(17):1687-1699.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 2 =