Home Geriatria Quali sono le migliori strategie per prevenire le cadute degli anziani?

Quali sono le migliori strategie per prevenire le cadute degli anziani?

298
0

La percentuale di anziani nella società è in costante aumento, al tempo stesso lo sono gli episodi di caduta, che incrementano proporzionalmente con l’invecchiamento.  Le cadute sono un evento critico nella vita dell’anziano e possono far precipitare la sua condizione clinica, portandolo anche alla perdita dell’autosufficienza. Possono causare fratture e lesioni del tessuto molle, dolori cronici, disfunzioni funzionali e anche una maggiore mortalità. Questo evento si lega inevitabilmente anche a un aumento dei costi sanitari.

I programmi e metodi per la prevenzione delle cadute negli anziani sono molti, e molti continuano a essere proposti, ma qual è la loro reale efficacia?

adv

Lo ha analizzato una recente metanalisi pubblicata sul JAMA, che ha confrontato i risultati di 303 differenti studi, per un totale di quasi 160.000 partecipanti.

Ne è emerso come siano quattro gli interventi che esercitano effetti favorevoli sulla prevenzione delle cadute: esercizio; esercizio combinato con valutazione della visione e trattamento; combinazione di esercizio, valutazione della visione e trattamento, valutazione dell’ambiente e sue modificazioni; combinazione di strategie di miglioramento della qualità a livello clinico, valutazioni e trattamenti multifattoriali, integratori di calcio, integratori di vitamina D.

L’analisi considera anche altri endpoint clinici, quali i ricoveri, le fratture e le visite al pronto soccorso, ma senza identificare misure in grado di prevenirli un modo efficace.

 

Andrea C. Tricco, et al. Comparisons of Interventions for Preventing Falls in Older Adults A Systematic Review and Meta-analysis. JAMA. 2017;318(17):1687-1699.

 

 

Articolo precedentePresentata al salone EICMA di Milano la nuova Suzuki SV650X
Articolo successivoL’aspettativa di vita si allunga ancora. Ai primi posti Giappone e Spagna
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui