Un gel con RNA per far rinascere i miociti dei cuori infartuati

Da ormai molti anni la ricerca sta seguendo differenti strade per ottenere una rigenerazione del miocardio nei cuori infartuati, per sopperire alla mancanza di un simile processo di guarigione spontaneo.

In alcuni studi clinici sono state impiegate cellule staminali, derivate da linee mesenchimali, da mioblasti scheletrici o da cellule pluripotenti embrionali, ma i risultati sono stati contrastanti.

Un recente studio, pubblicato su Nature Biomedical Engineering, ha invece utilizzato, su un modello animale, l’iniezione di microRNA nel tessuto miocardico, incorporato in un idrogel di acido ialuronico.

Già in precedenza gli stessi autori avevano dimostrato l’efficacia di questo cluster di microRNA, il miR-302/367, che era stato in grado di indurre la proliferazione di cardiomiociti.

Per migliorarne l’uptake cellulare, questa frazione di RNA è stata modificata con una molecola di colesterolo, rendendo possibile un suo assorbimento passivo.

Il gel così preparato è stato successivamente iniettato in cuori non-infartuati di topo, nella regione laterale ed inferiore, rispetto al tratto prossimale della coronaria discendente anteriore, dimostrando di essere in grado di stimolare la proliferazione dei miociti.

I fenomeni positivi indotti dal microRNA sono stati differenti. Prima di tutto si è visto un mancato rimodellamento del cuore, con una riduzione dei volumi telesistolici e telediastolici del ventricolo sinistro. Inoltre, l’area infartuale si è ridotta in estensione, anche se il fenomeno non ha raggiunto una significatività statistica, ed è stata osservata una proliferazione dei cardiomiociti tra i sette e i quattordici giorni dall’iniezione. Infine, sono aumentati i cardiomiociti nella zona di confine con l’area infartuata e sono migliorate la frazione di eiezione e la frazione di accorciamento.

Quella che si è realizzata in questo modello murrino, sembra proprio essere una vera e stabile rigenerazione dei cardiomiociti, indotta da una frazione di RNA integrata in un particolare idrogel iniettabile. Questo esperimento apre quindi nuove e promettenti prospettive per la cura delle malattie cardiache in cui vi sia una degenerazione del tessuto miocardico. Anche se il modello utilizzato in questo studio prevedeva una lesione ischemica del miocardio, è probabile che lo stimolo riparativo possa essere indotto allo stesso modo anche su alterazioni miocardiche di origine primitiva.

Visto il successo di questa sperimentazione, c’è da attendersi che i test di questo nuovo preparato su un modello umano non tarderanno ad arrivare, così da aprire le porte successivamente alla sperimentazione clinica.

 

Volume 1 Issue 12

 

L. Wang, Y. Liu, eta al. Sustained miRNA delivery from an injectable hydrogel promotes cardiomyocyte proliferation and functional regeneration after ischaemic injury. Nat. Biomed. Eng. 1, 983–992 (2017).

 

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 5 =