Home Astronomia Individuato e analizzato un gigantesco asteroide della fascia di Kuiper

Individuato e analizzato un gigantesco asteroide della fascia di Kuiper

579
0
This artist’s impression shows the exiled asteroid 2004 EW95, the first carbon-rich asteroid confirmed to exist in the Kuiper Belt and a relic of the primordial Solar System. This curious object likely formed in the asteroid belt between Mars and Jupiter and must have been transported billions of kilometres from its origin to its current home in the Kuiper Belt. Credit: ESO/M. Kornmesser

Un team internazionale di astronomi ha utilizzato i telescopi ESO per indagare su una reliquia del Sistema solare primordiale. Il team ha scoperto che l’insolito oggetto della fascia Kuiper 2004 EW95 è un asteroide ricco di carbonio, il primo del suo genere ad essere confermato nelle fredde zone esterne del Sistema Solare. Questo curioso oggetto probabilmente si è formato nella fascia di asteroidi tra Marte e Giove ed è stato lanciato a miliardi di chilometri dalla sua origine, alla sua attuale dimora nella fascia di Kuiper.

I primordi del nostro Sistema Solare erano tempi tempestosi. I modelli teorici di questo periodo indicano che dopo la loro formazione, i giganti gassosi hanno imperversato, espellendo piccoli corpi rocciosi dal Sistema Solare interno a orbite lontane a grandi distanze dal Sole. In particolare, questi modelli suggeriscono che la Cintura di Kuiper – una regione fredda oltre l’orbita di Nettuno – dovrebbe contenere una piccola frazione di corpi rocciosi dal Sistema Solare interno, come gli asteroidi ricchi di carbonio, indicati come asteroidi carboniosi.

adv

Ora, un recente articolo ha presentato prove del primo asteroide carbonaceo osservato in modo affidabile nella fascia di Kuiper, fornendo un forte sostegno a questi modelli teorici sulle prime fasi di sviluppo del Sistema Solare. Dopo accurate misurazioni del Very Large Telescope dell’ESO (VLT), un piccolo team di astronomi guidato da Tom Seccull della Queen’s University di Belfast, nel Regno Unito, è stato in grado di misurare la composizione dell’oggetto Kuiper Belt 2004 EW95, determinando così che si tratta di un asteroide carbonaceo. Ciò suggerisce che originariamente si formò nel Sistema Solare interno e deve essere migrato successivamente.

La natura peculiare dell’EW95 è venuta alla luce durante le osservazioni di routine con il telescopio spaziale Hubble della NASA / ESA di Wesley Fraser, un astronomo della Queen’s University di Belfast. Lo spettro di riflettanza dell’asteroide – il modello specifico delle lunghezze d’onda della luce riflesse da un oggetto – era diverso da quello degli analoghi più piccoli Kuiper Belt Objects (KBO), che in genere hanno spettri poco interessanti e privi di caratteristiche che rivelano informazioni sulla loro composizione.

“Lo spettro di riflettanza dell’EW95 2004 era chiaramente distinto dagli altri oggetti esterni del Sistema Solare osservati”, spiega l’autore principale Seccull. “Sembrava abbastanza strano per noi dare un’occhiata più da vicino.”

Il team ha osservato 2004 EW95 con gli strumenti X-Shooter e FORS2 sul VLT. La sensibilità di questi spettrografi ha permesso al team di ottenere misure più dettagliate del modello di luce riflessa dall’asteroide e quindi di inferirne la composizione.

Tuttavia, anche con l’impressionante potere di raccolta della luce del VLT, EW95 2004 era ancora difficile da osservare. Sebbene l’oggetto sia lungo 300 chilometri, è attualmente a quattro miliardi di chilometri dalla Terra, rendendo la raccolta di dati dalla sua oscura superficie ricca di carbonio una sfida scientifica davvero impegnativa.

“È come osservare una gigantesca montagna di carbone contro la tela nera come la pece del cielo notturno”, afferma il co-autore Thomas Puzia della Pontificia Università Cattolica del Cile.

“Non solo, anche il movimento di EW95 2004 è molto debole”, aggiunge Seccull. “Abbiamo dovuto utilizzare una tecnica di elaborazione dati piuttosto avanzata per ottenere il massimo possibile.”

Due caratteristiche degli spettri dell’oggetto erano particolarmente accattivanti e corrispondevano alla presenza di ossidi ferrosi e fillosilicati. La presenza di questi materiali non era mai stata confermata in un KBO e suggeriscono fortemente che l’EW95 2004 si sia formato nel Sistema Solare interno.

Seccull conclude: “Data l’attuale dimora del 2004 EW95, nelle gelide zone esterne del Sistema Solare, ciò implica che esso è stato gettato nella sua orbita attuale da un pianeta migratore nei primi giorni del Sistema Solare.”

“Anche se ci sono state precedenti segnalazioni di altri spettri” atipici “di Kuiper Belt Object, nessuno è stato confermato a questo livello di qualità”, commenta Olivier Hainaut, un astronomo dell’ESO che non faceva parte della squadra. “La scoperta di un asteroide carbonaceo nella fascia di Kuiper è una verifica chiave di una delle previsioni fondamentali dei modelli dinamici del Sistema Solare primitivo”.

Guarda il video dove è evidenziata una linea rossa che mostra l’orbita dell’EW95 2004, con le orbite di altri corpi del Sistema solare mostrate in verde per il confronto (Crediti: ESO / L. Calçada)

 

 

 

Articolo precedenteUna pressione troppo alta, o troppo bassa, fanno aumentare il rischio di demenza
Articolo successivoCome selezionare i fumatori da sottoporre a screening per il carcinoma polmonare? Modelli statunitensi a confronto
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui