Home Geriatria La malattia delle piccole vie aeree nella BPCO

La malattia delle piccole vie aeree nella BPCO

773
0

Da ormai molto tempo è stato stabilito con chiarezza come l’ostruzione delle piccole vie aeree, sia principale sito di ostruzione del flusso ventilatorio nella broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Un nuovo studio, pubblicato su The Lancet Respiratory Medicine, ha voluto però valutare la progressione fisiopatologica della malattia, analizzando le fasi temporali del coinvolgimento dei differenti distretti respiratori.

adv

Per fare questo, è stata utilizzato un protocollo con tomografia computerizzata multirisoluzione, che ha consentito di ottenere, attraverso un campionamento uniforme, esemplari di tessuto rappresentativi dell’intero polmone o di lobi. La metodica è stata impiegata in distinte popolazioni: fumatori con funzione polmonare normale; pazienti con BPCO lieve, moderata o molto grave. I pazienti che hanno composto i quattro gruppi non sono stati molti, rispettivamente 10, 10, 8 e 6.

I pazienti con BPCO lieve o moderata e i fumatori con funzione polmonare normale erano stati sottoposti a lobectomia e pneumonectomia, mentre i pazienti con BPCO molto grave avevano subito un trapianto di polmone.

Campioni di tessuto polmonare sono stati utilizzati per la valutazione stereologica del numero e della morfologia dei bronchioli terminali e transizionali, della dimensione dello spazio aereo e dell’area della superficie alveolare.

Nei confronti del gruppo composto da fumatori, considerato come braccio di controllo, il numero di bronchioli terminali è risultato diminuito del 40% nei pazienti con BPCO lieve e del 43% nei pazienti con BPCO moderata. A sua volta il numero di bronchioli di transizione è diminuito del 56% nei pazienti con BPCO lieve e del 59% nei pazienti con malattia moderata. Per quanto riguarda l’area superficiale alveolare, questa è risultata diminuita del 33% nei pazienti con BPCO lieve e del 45% nei pazienti con BPCO moderata.

Lo studio ha inoltre dimostrato la presenza di una significativa perdita di bronchioli terminali e transizionali nei campioni polmonari da pazienti con BPCO lieve o moderata che presentavano una normale superficie alveolare. Le restanti piccole vie aeree hanno evidenziato pareti ispessite e lumi ristretti, con un’ostruzione che progrediva in relazione all’aumento della gravità della malattia.

I ricercatori sono così riusciti a confermare come la malattia delle piccole vie aeree rappresenti una caratteristica patologica nella BPCO lieve e moderata.

Dal punto di vista clinico, quanto emerge da questa sperimentazione potrebbe avvalorare l’importanza di un trattamento precoce della BPCO, al fine di intervenire sulle prime modificazioni patologiche delle vie aeree e contrastare così la progressione della malattia.

 

Cover image volume 6, Issue 7

 

Hyun-Kyoung Koo, et al. Small airways disease in mild and moderate chronic obstructive pulmonary disease: a cross-sectional study. The Lancet Respiratory Medicine, Published: 04 July 2018.

 

 

 

 

Articolo precedenteBrexit: da Land Rover una netta e forte richiesta di chiarezza al governo britannico
Articolo successivoLa nuova Jeep Wrangler
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

sedici − dieci =