Home Attualità Ufficialmente conclusa l’epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo

Ufficialmente conclusa l’epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo

196
0
This colorized transmission electron micrograph (TEM) revealed some of the ultrastructural morphology displayed by an Ebola virus virion. See PHIL 1832 for a black and white version of this image. Where is Ebola virus found in nature?

The exact origin, locations, and natural habitat (known as the "natural reservoir") of Ebola virus remain unknown. However, on the basis of available evidence and the nature of similar viruses, researchers believe that the virus is zoonotic (animal-borne) and is normally maintained in an animal host that is native to the African continent. A similar host is probably associated with Ebola-Reston which was isolated from infected cynomolgous monkeys that were imported to the United States and Italy from the Philippines. The virus is not known to be native to other continents, such as North America. Cynthia Goldsmith

Lo scorso 24 luglio l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato la fine del nono focolaio di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo, congratulandosi con il paese e tutti coloro che sono coinvolti nel porre fine all’epidemia, esortandoli a estendere questo successo alla lotta contro altre malattie nello stato africano.

Il direttore generale dell’OMS, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus e il direttore regionale per l’Africa, il dott. Matshidiso Moeti, si sono uniti al ministro della salute, il dott. Oly Ilunga, per l’annuncio a Kinshasa.

adv

“L’epidemia era contenuta a causa degli sforzi instancabili dei team locali, del supporto dei partner, della generosità dei donatori e dell’effettiva guida del Ministero della Salute. Questo tipo di leadership, forte della collaborazione tra i partner, salva vite umane”, ha affermato il dott. Tedros.

A differenza delle precedenti epidemie di Ebola nel paese, questa ha coinvolto quattro località separate, tra cui un centro urbano con collegamenti fluviali con la capitale e con i paesi limitrofi, oltre a remoti villaggi della foresta pluviale. Inizialmente vi erano forti preoccupazioni iniziali che la malattia potesse diffondersi in altre parti dello stato e nei paesi vicini.

A poche ore dall’inizio dell’epidemia, dichiarata l’8 maggio scorso, l’OMS ha deliberato 2 milioni di dollari dal Fondo per le emergenze di contingenza, ha schierato una squadra per aumentare la capacità sul campo e attivato un sistema di gestione dell’emergenza.

“L’OMS si è mossa in modo rapido ed efficiente”, ha affermato il dott. Moeti, “Abbiamo anche dimostrato la straordinaria capacità della regione africana. Più di tre quarti delle 360 ​​persone schierate per rispondere provenivano dalla regione. Decine di esperti della Guinea hanno trascorso settimane a condurre gli sforzi di vaccinazione contro l’Ebola, trasferendo competenze che consentiranno alla Repubblica Democratica del Congo di dare una risposta efficace sia nei suoi confini che oltre”.

Il dott. Tedros ha esortato il governo della Repubblica Democratica del Congo e la comunità internazionale a basarsi sullo slancio positivo generato dal rapido contenimento dell’epidemia di Ebola.

“Questa efficace risposta all’Ebola dovrebbe far sì che governo e partner siano sicuri che altri importanti focolai che colpiscono il paese, come il colera e la polio, possano essere affrontati”, ha affermato il dott. Tedros. “Dobbiamo continuare a lavorare insieme, investendo in una preparazione rafforzata e nell’accesso all’assistenza sanitaria per i più vulnerabili”.

 

Articolo precedenteFibrillazione atriale: un cerotto “elettrocardiografo” per diagnosticare l’aritmia
Articolo successivoMolti più ipertesi da trattare, adottando le linee guida ACC/AHA 2017
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui