Home Epidemiologia Controtendenza: aspettativa di vita stazionaria o in calo per Regno Unito e...

Controtendenza: aspettativa di vita stazionaria o in calo per Regno Unito e Stati Uniti

176
0

Si fa un gran parlare di aspettativa di vita, non tanto per le innate mire di eternità che assillano le persone, ma piuttosto per il miraggio dei sempre più inafferrabili piani pensionistici ad essa correlati.

Mentre sembra che questa età soglia stia aumentando progressivamente, quasi senza avere un limite (vedi articolo), ci sono però paesi in cui questo incremento si sta esaurendo, fino addirittura ad invertire la tendenza. Quanto stupisce ancor di più è che questo comportamento dell’aspettativa di vita, non riguarda paesi economicamente svantaggiati, ma le più importanti economie del mondo.

adv

Aspettativa di vita: lo studio

Un recente studio ha infatti evidenziato che Regno Unito e gli Stati Uniti sembrano essere entrati in una fase di diminuzione dell’aspettativa di vita, o quantomeno di stagnazione.

L’analisi, pubblicata sul British Medical Journal, ha più complessivamente valutato se si siano verificati cali dell’aspettativa di vita nei paesi ad alto reddito durante il periodo 2014-2016. Ha inoltre cercato di identificare le cause di morte che contribuiscono a questi declini e di esaminare in che misura questi declini siano stati determinati da fattori condivisi o differenti nei 18 paesi considerati.

Aspettativa di vita: i risultati dello studio

I risultati hanno sorprendentemente dimostrato, come nella maggior parte dei paesi ad alto reddito analizzati si sia registrato un calo dell’aspettativa di vita. Più precisamente sono stati evidenziati 12 paesi con diminuzione dell’aspettativa di vita tra le donne e 11 con un calo riguardante gli uomini. La riduzione media è stata di 0,21 anni per le donne e di 0,18 anni per gli uomini.

Nella maggior parte dei paesi che hanno registrato un calo dell’aspettativa di vita, questi decrementi sono stati determinati principalmente dall’andamento della mortalità in età avanzata (≥65 anni) e dai decessi correlati a malattie respiratorie, malattie cardiovascolari, malattie del sistema nervoso e disturbi mentali. Negli Stati Uniti, la diminuzione dell’aspettativa di vita era più concentrata nelle età più giovani (0-65 anni), e l’overdose di droga e altre cause esterne di morte hanno svolto un ruolo importante nel determinare questi declini.

Ad uno sguardo complessivo, i risultati evidenziano come la maggior parte dei paesi che hanno registrato un calo dell’aspettativa di vita durante il periodo 2014-15, ha poi recuperato con forti incrementi nel periodo successivo (2015-2016). Questo ha permesso non solo di compensare la riduzione precedente, ma anche di incrementare rispetto a questa soglia.

Un’eccezione è rappresentata però da Regno Unito e Stati Uniti che sembrano attraversare una fase di stagnazione o addirittura una continua diminuzione dell’aspettativa di vita.

 

 

Jessica Y Ho, Arun S Hendi. Recent trends in life expectancy across high income countries: retrospective observational study. BMJ 2018;362:k2562.

 

Articolo precedenteLe novità tecnologiche della gamma full-size di Audi
Articolo successivoIpertensione arteriosa: la triplice associazione precostituita di farmaci è più efficace
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui