Home Epidemiologia In Inghilterra il numero di anziani con necessità di assistenza 24 ore...

In Inghilterra il numero di anziani con necessità di assistenza 24 ore su 24 potrebbe raddoppiare entro il 2035

337
0

Nei prossimi 20 anni, in Inghilterra, il numero di adulti di età pari o superiore a 85 anni che necessiteranno di assistenza 24 ore su 24 andrà quasi a raddoppiare, a 446.000 unità. Il numero complessivo di ultrasessantacinquenni che necessiteranno di un’assistenza continuativa aumenterà di oltre un terzo, a oltre 1 milione nel 2035. Sono queste le conclusioni cui è giunto un nuovo studio di modellizzazione pubblicato su The Lancet Public Health.

Anziani indipendenti e anziani con necessità primarie

Le nuove stime si collocano nel contesto di una crescente indipendenza dell’anziano, con il numero di adulti di 65 anni e più che vivono in modo indipendente destinati a salire a 8,9 milioni nel 2035. Un aumento di oltre il 60%, dai 5,5 milioni di persone del 2015.

adv

Tuttavia, le stime prevedono per il 2035 un aumento del numero di persone con età avanzata con più malattie croniche, probabilmente due o più, e la maggioranza (80%) con demenza e necessità di cure sostanziali.

Lo studio sottolinea l’importanza di garantire che i servizi sanitari e di assistenza sociale si adattino alle esigenze senza precedenti di una popolazione anziana in aumento, con esigenze di assistenza complesse. Gli autori avvertono che affidarsi agli operatori informali, che nel Regno Unito forniscono cure per circa 57 miliardi di sterline, non è una soluzione sostenibile.

Il commento degli autori

“La sfida è considerevole”, afferma la professoressa Carol Jagger dell’Istituto universitario per l’invecchiamento di Newcastle. “Il nostro studio suggerisce che è più probabile che gli anziani coniugi vivano con le stesse disabilità, con conseguenti relazioni di assistenza reciproca, non ancora ben riconosciute dalle politiche e dalle pratiche di cura esistenti.  Oltre a prolungare l’età pensionabile della popolazione del Regno Unito è probabile che si ridurrà ulteriormente il gruppo di accompagnatori informali e non retribuiti, che tradizionalmente hanno provveduto a fornire assistenza ai familiari più anziani. Limiti che esacerberanno le pressioni sui budget di assistenza sociale già elevate.”

Sono state fatte poche ricerche su come i livelli di dipendenza potrebbero cambiare per diverse generazioni di anziani, e le previsioni delle future esigenze di assistenza rimangono scarsamente definite a causa dei limiti dei modelli precedenti, tra cui: informazioni limitate sui fattori sociodemografici e di stile di vita, condizioni croniche che influiscono sulla disabilità e dipendenza. Non riuscendo a rendere conto dell’effetto congiunto delle malattie e della complessa multi-morbilità, i numeri delle persone anziane con quattro o più malattie sono proiettati a più del doppio nei prossimi 20 anni.

Un modello di simulazione per prevedere le necessità future

Per migliorare la precisione delle previsioni delle esigenze di assistenza sociale, i ricercatori dell’Università di Newcastle e della London School of Economics and Political Science hanno sviluppato il modello di simulazione dell’invecchiamento della popolazione (PACSim). Questo tiene conto di molteplici fattori di rischio per dipendenza e disabilità, compresa una vasta gamma di fattori sociodemografici (ad esempio, livello di istruzione) e comportamenti sanitari (ad esempio, stato di fumatore, attività fisica). Inoltre, sono considerate 12 malattie croniche e condizioni geriatriche tra cui malattia coronarica, ictus, ipertensione, diabete, artrite, cancro, malattie respiratorie, malattie cognitive e depressione.

Utilizzando i dati longitudinali di tre grandi studi su adulti, rappresentativi a livello nazionale (35 anni e oltre), lo studio ha modellato le tendenze future dei bisogni di assistenza sociale per la popolazione di 65 anni in Inghilterra tra il 2015 e il 2035, a seconda dei diversi livelli di dipendenza.

Gli adulti sono stati classificati come ad alta dipendenza se hanno richiesto l’assistenza 24 ore al giorno; media dipendenza se avevano bisogno di aiuto a intervalli regolari giornalieri; bassa dipendenza se richiedevano cure inferiori a quelle giornaliere e generalmente venivano curati nella comunità; o indipendente (senza necessità di assistenza).

I risultati dello studio

Le stime suggeriscono che il numero di persone di età superiore a 65 anni aumenterà di poco meno del 50%, da 9,7 milioni nel 2015 a 14,5 milioni nel 2035, e sottolinea le esigenze di assistenza futura molto diverse tra uomini e donne.

Tra il 2015 e il 2035, l’aspettativa di vita per gli uomini di 65 anni dovrebbe aumentare di 3,5 anni andando a 22,2 anni, e il numero medio di anni trascorsi indipendente dovrebbe aumentare di 4,2 anni (da 11,1 anni a 15,2). Al contrario, sembra che il tempo trascorso con bisogno di assistenza sostanziale (media o alta dipendenza) è probabile che diminuisca.

Per le donne l’aspettativa di vita media a 65 anni aumenterà di soli 3 anni (da 21,1 a 24,1). In questo periodo, il numero medio di anni trascorsi in modo indipendente dovrebbe aumentare di meno di un anno (da 10,7 anni a 11,6). Le donne trascorreranno quasi la metà della loro vita rimanente con esigenze di bassa dipendenza, con aiuti per attività di igiene personale e shopping. Modesto è invece l’aumento negli anni con necessità di un’assistenza intensiva 24 ore su 24 (da 2 anni nel 2015 a 2,7 anni nel 2035).

L’esercito degli anziani: molte esigenze ma più indipendenti

“Nei prossimi 20 anni, sebbene le coorti di giovani-anziani di età compresa tra i 65 ei 74 anni abbiano maggiori probabilità di entrare nella vecchiaia in modo indipendente, si prevede che la proporzione con multi-morbilità aumenterà ad ogni coorte successiva. Questo risulterà in una maggiore probabilità di maggiore dipendenza con un ulteriore invecchiamento”, spiega il professor Jagger. “Tuttavia, le tendenze per uomini e donne sono probabilmente molto diverse, con donne che subiscono una dipendenza più bassa rispetto agli uomini, sottolineando l’importanza di concentrarsi sulle disabilità croniche, come l’artrite, che sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini.”

I ricercatori hanno anche analizzato come il problema della demenza con e senza altre malattie croniche cambierà le richieste di assistenza sociale nei prossimi 20 anni. Hanno scoperto che le persone anziane con bisogni di assistenza sostanziali (dipendenza moderata o elevata) sono suscettibili di cambiare marcatamente. Ad esempio, mentre il numero di ultrasessantacinquenni con demenza diminuirà di circa un terzo entro il 2035, quelli con demenza e due o più condizioni sarà più del doppio.

Il professor Jagger avverte: “Questo gruppo in espansione avrà esigenze di assistenza più complesse che difficilmente verranno soddisfatte adeguatamente senza un migliore coordinamento tra le diverse specialità e una migliore comprensione del modo in cui la demenza influenza la gestione di altre condizioni.”

 

Cover image volume 3, Issue 8

 

Andrew Kingston, et al. Forecasting the care needs of the older population in England over the next 20 years: estimates from the Population Ageing and Care Simulation (PACSim) modelling study. The Lancet Public Health, Published:August 30, 2018.

 

 

Articolo precedentePB18 e-tron: la concept car elettrica di Audi
Articolo successivoLe fasi di calibrazione del satellite Aeolus: in attesa delle prime misurazioni
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui