Home Neuropsichiatria Il dolore che può portare al suicidio

Il dolore che può portare al suicidio

310
0

Il dolore cronico può essere un importante fattore che porta al suicidio. Quasi il 9% delle persone decedute per suicidio in 18 stati dal 2003 al 2014 avevano riportato un dolore cronico. Questa conclusione emerge dai risultati del National Violent Death Reporting System (NVDRS), pubblicati recentemente su Annals of Internal Medicine.

Più di 25 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno un certo livello di dolore giornaliero e 10,5 milioni hanno dolori considerevoli ogni giorno. Il dolore cronico è stato associato a fattori di rischio per il suicidio, ma studi precedenti hanno esaminato principalmente i comportamenti suicidari non fatali, piuttosto che i suicidi con decesso associati al dolore cronico o le caratteristiche di tali decessi.

adv

Il suicidio: lo studio 

I ricercatori Division of Violence Prevention, National Center for Injury Prevention and Control, Centers for Disease Control and Prevention, hanno analizzato i dati di 18 stati partecipanti al NVDRS per almeno un anno dal 2003 al 2014. Il NVDRS descrive le caratteristiche dei decessi violenti, incluso il suicidio, e le circostanze identificate come direttamente responsabili della morte. I ricercatori hanno scoperto che di 123.181 deceduti suicidi inclusi nello studio, 10.789 (8,8%) avevano un dolore cronico, e la percentuale è aumentata dal 7,4% nel 2003 al 10,2% nel 2014. Più della metà (53,6%) dei suicidi con dolore cronico è morto a causa di lesioni correlate ad armi da fuoco e il 16,2 percento per overdose da oppioidi. Anche se non si escludono a vicenda, il mal di schiena, il dolore da cancro e l’artrite rappresentano una gran parte delle condizioni dolorose nelle persone morte per suicidio. Allo stesso modo, l’ansia e la depressione sono state diagnosticate più spesso nei deceduti per suicidio con dolore, rispetto a quelli che non presentavano queste condizioni.

I ricercatori hanno dimostrato che tra i deceduti per suicidio con dolore cronico per i quali erano disponibili risultati tossicologici, era molto più probabile che gli oppioidi fossero presenti al momento della morte rispetto a quelli senza dolore. L’autore di un editoriale di accompagnamento suggerisce che il ruolo degli oppioidi nel rischio di suicidio dovrebbe essere esplorato e che la prevenzione del suicidio dovrebbe essere una componente di cura per coloro che soffrono di dolore cronico.

 

 

Emiko Petrosky, et al. Chronic Pain Among Suicide Decedents, 2003 to 2014: Findings From the National Violent Death Reporting System. Ann Intern Med. 2018.

 

 

 

Articolo precedentePrimi sguardi alla nuova serie 8 di BMW
Articolo successivoL’importanza di mantenere sotto controllo l’acqua della Terra
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui