Home Gastroenterologia Sangue occulto nelle feci: soglie di positività variabili per risultati più affidabili

Sangue occulto nelle feci: soglie di positività variabili per risultati più affidabili

576
0

Il test immunochimico fecale (FIT) è un test di screening per il cancro al colon. Valuta la presenza di sangue occulto nelle feci, che può essere un segno precoce della neoplasia. Il FIT rileva solo il sangue umano derivato dall’intestino inferiore, quindi il cibo non interferisce con il test, e i risultati falsi positivi sono meno frequenti rispetto ad altri test.

Oltre ad una semplice valutazione di positività del test, adattare le soglie di questa per età e sesso può aiutare a ottimizzare i programmi di screening del cancro del colon-retto. Questo è quanto conclude un recente studio di coorte pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista Annals of Internal Medicine.

adv

Nonostante le variazioni demografiche nelle concentrazioni di emoglobina delle feci, esistono pochi dati relativi alle soglie di positività ottimali per età e sesso.

Lo studio

I ricercatori della Kaiser Permanente Division of Research, di Oakland, in California, hanno studiato i dati sanitari di oltre 640.000 adulti di età compresa tra 50 e 75 anni, per quantificare la sensibilità della FIT in diversi cicli di test, nonché il potenziale effetto di varie soglie di positività su un programma screening. I Risultati hanno evidenziato come la sensibilità programmatica per la rilevazione del cancro del colon-retto aumentava modestamente con soglie di positività decrescenti, dal 74,3 percento a 20 μg/g, al 76 percento a 15 μg/g e al 79 percento a 10 μg/g.

Il numero di risultati positivi del test per caso di cancro rilevati su 2 anni è aumentato con la diminuzione delle soglie di positività, specialmente quelle al di sotto dei 20 μg/g convenzionali. Le prestazioni della FIT variavano per età e sesso, con sensibilità e specificità programmatiche inferiori all’aumentare dell’età e maggiore sensibilità programmatica e minore specificità negli uomini rispetto alle donne.

Secondo i ricercatori, i programmi di screening che desiderano aumentare il rilevamento del cancro abbassando la soglia di positività, richiederanno una colonscopia aggiuntiva e risorse finanziarie non indifferenti.

 

 

Articolo precedenteAnche Mercedes ha la sua auto completamente elettrica: la EQC
Articolo successivoStudiare gli anelli delle piante per conoscere meglio il nostro pianeta
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui