Home Neuropsichiatria Il trattamento dell’ADHD: un utilizzo dei farmaci molto differente a livello globale

Il trattamento dell’ADHD: un utilizzo dei farmaci molto differente a livello globale

514
0

Tra il 2001 e il 2015 c’è stato un aumento nell’uso di farmaci per il trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) sia negli adulti che nei bambini. Sono queste le conclusioni cui è giunto un importante studio osservazionale che ha coinvolto oltre 154 milioni di individui provenienti da 14 paesi in Europa, Nord America, Asia e Australasia, e pubblicato su The Lancet Psychiatry. Lo studio fornisce l’analisi completa delle tendenze nell’uso di farmaci ADHD.

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività

Stime globali suggeriscono che l’ADHD colpisce dal 5% al ​​7% dei bambini e circa il 2,5% degli adulti. Mentre l’uso di farmaci per l’ADHD in bambini e adolescenti (3-18 anni) è aumentato in tutti i paesi, il numero di persone che assumono farmaci varia dallo 0,3% in Francia al 6,7% tra i beneficiari di Medicaid negli Stati Uniti, nel 2010. Negli adulti, l’uso di questi farmaci è meno comune, variando dallo 0,003% del Giappone all’1,5% tra gli individui statunitensi assicurati privatamente.

adv

I risultati evidenziano che i tassi di prescrizione sono ancora molto al di sotto dei tassi di diagnosi in molti paesi. Inoltre, le ampie e persistenti disparità nell’uso di questi farmaci tra paesi e regioni, suggeriscono differenze marcate nell’approccio clinico al trattamento dell’ADHD, sottolineando la necessità di linee guida basate sull’evidenza da seguire coerentemente nella pratica clinica.

Il trattamento dell’ADHD

L’ADHD è uno dei disturbi neurosviluppo più comuni nei bambini. Tuttavia, può essere una condizione permanente e almeno due terzi dei bambini continuano a mostrare i sintomi in età adulta. Un altro recente studio pubblicato su The Lancet Psychiatry ha dimostrato che i farmaci ADHD possono essere opzioni di trattamento efficaci e sicure per bambini, adolescenti e adulti.

“Ciò che è particolarmente importante è la nostra scoperta che le tariffe e il tipo di trattamento prescritto sembrano dipendere in gran parte da dove vivi”, afferma il professor Ian Wong dell’Università di Hong Kong, che ha co-diretto lo studio.

“Riteniamo che l’aumento della prescrizione di farmaci per l’ADHD rifletta una maggiore consapevolezza dell’ADHD e il riconoscimento dell’importanza di un trattamento efficace per evitare problemi a lungo termine. Tuttavia, nella maggior parte dei paesi questi tassi sono considerevolmente inferiori alle stime di prevalenza dell’ADHD, indicando che molti casi di ADHD potrebbero non essere diagnosticati e non trattati, specialmente nelle nazioni dell’Asia dove l’uso è basso. Tuttavia, negli Stati Uniti dove i tassi di prescrizione in molti stati già superano la prevalenza della condizione, non possiamo escludere la possibilità che l’ADHD sia sovradiagnosticato e trattata quando non è indispensabile. È necessario monitorare la sicurezza e l’efficacia dei farmaci nelle popolazioni esposte, in particolare negli adulti. “

ADHD e i suoi trattamenti: lo studio

Nonostante le preoccupazioni per il crescente uso di farmaci per l’ADHD e prescrizioni inappropriate, poco si sapeva sulle tendenze e i modelli di utilizzo in diverse regioni del mondo, in particolare tra gli adulti, prima di questa ultima ricerca.

Lo studio ha analizzato le cartelle cliniche elettroniche di 14 paesi dell’Europa settentrionale, dell’Europa occidentale, dell’Asia e dell’Australia e del Nord America, per confrontare l’uso di farmaci per l’ADHD in oltre 154 milioni di individui di età pari o superiore a 3 anni tra il 2001 e il 2015.

Durante il periodo di studio, una media di circa il 2% dei bambini (3-18 anni) e lo 0,4% degli adulti hanno ricevuto almeno una prescrizione per un farmaco. La prevalenza regionale era più alta in Nord America, dove il 4,5% dei bambini e l’1,4% degli adulti utilizzavano i farmaci ADHD, e più bassa nell’Europa occidentale (0,7% e 0,03% rispettivamente).

L’uso di questi farmaci in bambini e adulti è aumentato durante il periodo di studio in tutti i paesi.

L’aumento dei farmaci è stato più pronunciato tra i bambini in Canada, con aumenti medi di oltre il 45% all’anno (dallo 0,2% dei bambini che hanno assunto farmaci ADHD nel 2001 all’1,8% nel 2009). Negli adulti, la crescita in Giappone è stata più rapida che in altri paesi, con aumenti medi del 76% all’anno (lo 0,003% degli adulti nel 2010 e lo 0,5% nel 2015). Tuttavia, nonostante i forti aumenti, l’uso generale di farmaci rimane basso.

Comparativamente, negli Stati Uniti, dove l’uso di farmaci è elevato, il tasso di aumento è stato più lento rispetto ad altri paesi, sia nei bambini (circa il 3% all’anno, il 4,6% dei bambini nel 2002 al 5,6% nel 2014) sia negli adulti (circa 13 % all’anno, dallo 0,42% degli adulti nel 2001 al 2,1% nel 2014).

Le prescrizioni in Europa

In Europa, è più probabile che il trattamento venga prescritto in bambini e adulti delle regioni settentrionali, rispetto alle loro controparti occidentali. Tassi elevati di uso di farmaci per l’ADHD sono stati registrati in Islanda (5% dei bambini e 1,6% degli adulti nel 2013). Inoltre, ci sono stati aumenti medi nell’uso di farmaci del 22% all’anno in Finlandia (lo 0,2% dei bambini nel 2005 all’1% nel 2012) e del 29% in Danimarca (lo 0,03% degli adulti nel 2001 allo 0,52% nel 2013), mentre l’aumento dell’uso di farmaci tra i bambini nel Regno Unito era molto più lento (5% l’anno, 0,3% bambini nel 2001 allo 0,64% nel 2014).

Quali sono i farmaci prescritti?

Anche i tipi di farmaci prescritti variavano. Il metilfenidato era il farmaco più comunemente prescritto per l’ADHD in tutti i paesi nel 2010, da più del 90% dei pazienti di Hong Kong, Taiwan, Canada, Finlandia e Spagna a meno del 60% in Australia e al 45% dei pazienti statunitensi con assicurazione privata. Il trattamento principale per i pazienti statunitensi assicurati privatamente (MarketScan) era l’anfetamina (41%), seguita dal metilfenidato (34%) e dalla lisdexamfetamina (21%).

Differenze sostanziali nelle linee guida

Gli autori ipotizzano che la variazione nelle pratiche di prescrizione sia probabilmente dovuta a un numero di fattori, tra cui diverse pratiche diagnostiche e soglie utilizzate per iniziare il trattamento nei soggetti con ADHD, la disponibilità e il costo dei farmaci e le differenze nelle linee guida di trattamento regionali.

Ad esempio, le linee guida del National Institute for Health and Care Excellence in England and Wales (NICE) fino a poco tempo fa raccomandavano il trattamento non farmacologico come approccio di prima linea per bambini e giovani di età pari o superiore ai 6 anni. Considerando che i farmaci sono stati invece raccomandati come trattamento di prima linea dalle linee guida dell’American Academy of Pediatrics e dell’Academy of Child and Adolescent Psychiatry. “Sono necessari sforzi rinnovati per migliorare l’identificazione e il trattamento coerenti dell’ADHD in tutta la comunità internazionale e per sviluppare il consenso sul migliore pratiche e per attuare tali pratiche”, afferma il co-autore Patrick Ip, dell’Università di Hong Kong. “Sono necessarie ulteriori ricerche per dimostrare la sicurezza e l’efficacia a lungo termine dei farmaci ADHD, per sviluppare linee guida basate sull’evidenza, in particolare negli adulti.”

Gli autori indicano alcune limitazioni, tra cui il fatto che i dati riguardano solo la percentuale di individui con almeno una prescrizione in un anno. Osservano inoltre che per alcuni paesi non erano disponibili fonti di dati con copertura completa della popolazione (ad esempio, Stati Uniti, Canada e Regno Unito), e questo potrebbe aver influito sulla precisione e sulla generalizzabilità dei risultati. Infine, lo studio ha esaminato l’uso di farmaci indipendentemente da una diagnosi di ADHD, quindi non è chiaro a quale proporzione di partecipanti sono stati prescritti farmaci per i sintomi di ADHD o iperattività, in presenza di altri disturbi, come l’autismo.

 

 

Articolo precedenteDal marchio Jeep: la nuova Cherokee
Articolo successivoEpidemia di febbre gialla nella Repubblica del Congo
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui