Home Igiene Epidemia di febbre gialla nella Repubblica del Congo

Epidemia di febbre gialla nella Repubblica del Congo

448
0

Il 5 luglio 2018, un uomo di 20 anni che viveva a Bissongo, nella Repubblica del Congo, ha visitato il centro di salute nel distretto di Loandjili, nella città di Pointe-Noire, con una febbre che aveva sviluppato il giorno precedente. Il 9 luglio, a causa dell’insorgenza di ittero e febbre persistente, è tornato nella stessa struttura sanitaria. Il paziente non aveva una storia di vaccinazione contro la febbre gialla o sintomi emorragici. Il paziente aveva precedentemente viaggiato nei distretti di Ngoyo e Tchiamba Nzassi due settimane prima dell’inizio dei sintomi; Tchiamba Nzassi è un distretto rurale di Pointe-Noire situato lungo il confine con l’Angola.

È stato ricoverato presso la struttura sanitaria e ha ricevuto trattamenti antimalarici e antibiotici. Poiché la febbre gialla era sospettata anche come diagnosi differenziale, il 10 luglio è stato prelevato un campione di sangue e inviato all’Institut National de Recherche Biomédicale (INRB) a Kinshasa, per essere sottoposto a test. Il 26 luglio il campione è risultato positivo alla febbre gialla mediante sierologia. Il 30 luglio l’INRB ha inviato un campione all’Institut Pasteur de Dakar per la conferma. Il 21 agosto il campione è risultato positivo alla febbre gialla mediante sieroneutralizzazione con un titolo elevato.

adv

Indagini sanitarie

Dopo la conferma diagnostica della febbre gialla, è stata condotta un’indagine nell’area interessata. Una ricerca retrospettiva su 16 centri sanitari registrati a Pointe-Noire ha riscontrato 69 casi sospetti addizionali nel corso del 2018. Di questi, 56 casi erano già stati registrati nel sistema di sorveglianza nazionale. Due dei casi sospetti hanno riferito di rimanere in Angola. I campioni sono stati raccolti da 43 di questi casi e inviati all’INRB. Tutti i campioni sono risultati negativi per la febbre gialla. Indagini entomologiche nella zona interessata hanno rivelato alte densità di vettori di zanzara (Aedes aegypti) responsabili della trasmissione della febbre gialla urbana, segnalando il potenziale di trasmissione da uomo a uomo e rapida amplificazione. I siti larvali sono stati trovati nelle case di casi sospetti e questa situazione potrebbe peggiorare con l’arrivo della stagione delle piogge.

Risposta alla salute pubblica

Il ministero della Salute e della popolazione (MoHP) ha dichiarato un’epidemia di febbre gialla a Pointe-Noire il 22 agosto 2018 e il comitato nazionale per la gestione delle epidemie è stato prontamente attivato. L’OMS è stato notificato il 23 agosto 2018 in linea con il Regolamento sanitario internazionale (IHR 2005) e sta supportando il paese nella preparazione di un piano di risposta alle emergenze, nonché le forniture per una campagna di vaccinazione di massa reattiva che si rivolge alla zona di Pointe-Noire. Quest’area ha una popolazione di circa un milione di persone.

L’OMS sostiene il MoHP nell’attuazione di attività di controllo vettoriale mirate per zanzare e larve adulte entro un perimetro di 200 metri dalle aree in cui il paziente confermato vive e lavora. L’OMS fornisce anche supporto tecnico per rafforzare la sorveglianza nei punti di ingresso, gestione dei casi e sensibilizzazione del pubblico, oltre a raccomandare l’uso di zanzariere durante il giorno.

Valutazione del rischio dell’OMS

Il rischio generale per la salute pubblica a livello nazionale è elevato a causa della conferma di un caso di febbre gialla in una città urbana densamente popolata di Pointe-Noire (1,2 milioni di abitanti), con una copertura immunitaria subottimale nella comunità colpita e il potenziale rischio di diffusione all’interno del Congo, in particolare nella capitale di Brazzaville.

Le indagini entomologiche nella zona interessata hanno rivelato un’alta densità di Aedes aegypti, responsabile della trasmissione urbana della febbre gialla, segnalando il potenziale per una rapida amplificazione. L’avvicinarsi della stagione delle piogge potrebbe potenzialmente aumentare questo rischio.

Il rischio a livello regionale è considerato moderato a causa della mancanza di informazioni per descrivere la portata e la dinamica dell’epidemia, nonché a causa di movimenti transfrontalieri, in particolare da e verso il Gabon e Cabinda in Angola. Pointe-Noire è una città portuale e un hub dell’industria petrolifera con un aeroporto internazionale e collegamenti con altre grandi città. L’Angola e la Repubblica Democratica del Congo hanno recentemente condotto campagne di vaccinazione preventiva e reattiva per la febbre gialla di massa. Tuttavia, i livelli di immunità della popolazione nella Repubblica Democratica del Congo sono bassi nelle zone non bersaglio delle campagne reattive del 2016, come le aree limitrofe a Pointe-Noire. Nessun altro caso di febbre gialla correlata all’epidemia di Pointe-Noire è stato segnalato al di fuori del paese in questa fase.

Le raccomandazioni dell’OMS

La vaccinazione è il mezzo principale per la prevenzione e il controllo della febbre gialla. In centri urbani, misure di controllo vettoriale mirate sono utili per interrompere la trasmissione. L’OMS e i partner continueranno a sostenere le autorità locali per attuare questi interventi per controllare l’attuale epidemia. WHO raccomanda la vaccinazione contro la febbre gialla per tutti i viaggiatori internazionali oltre i nove mesi di vita che vanno nella Repubblica del Congo. La Repubblica del Congo richiede anche un certificato di vaccinazione contro la febbre gialla per tutti i viaggiatori con almeno 9 mesi di età. La vaccinazione contro la febbre gialla è sicura, altamente efficace e fornisce una protezione a vita. In conformità con l’IHR (2005), la validità del certificato internazionale di vaccinazione contro la febbre gialla si estende alla vita della persona vaccinata.

 

 

Articolo precedenteIl trattamento dell’ADHD: un utilizzo dei farmaci molto differente a livello globale
Articolo successivoAuto elettriche: si moltiplicano le stazioni di ricarica della west coast
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui