Home Ginecologia Sottostimata la natimortalità al di sotto delle 28 settimane di gestazione

Sottostimata la natimortalità al di sotto delle 28 settimane di gestazione

360
0

Secondo uno studio osservazionale su 2,5 milioni di bambini in 19 paesi europei, pubblicato su The Lancet, il peso della natimortalità è stato sottostimato di almeno un terzo. Questo fatto sembra legato al fatto che le raccomandazioni richiedono di riportare solo nati morti da una gestazione di 28 settimane.

I risultati sottolineano l’importanza di riportare in modo accurato e coerente le morti fetali già a 22 settimane, in modo che il vero peso della natimortalità possa essere compreso e l’impatto sulle famiglie venga riconosciuto.

adv

Criteri di registrazione

“Esistono gravi e gravi lacune nella nostra conoscenza del peso della natimortalità che avrà impatti significativi e imprevisti sulle famiglie”, afferma la dott.ssa Lucy Smith, dell’Università di Leicester, Regno Unito, che ha guidato la ricerca. “Per una madre o un padre, un bimbo nato morto al secondo trimestre di gravidanza non è meno tragico di uno avvenuto a 28 settimane di gravidanza o più tardi. Questi genitori meritano il riconoscimento della loro perdita e la segnalazione accurata della morte del loro bambino per migliorare la cura e la politica.”

Una serie di bambini nati morti, pubblicata su The Lancet nel 2016, ha rivelato che la metà dei 2,6 milioni di nati morti che si verificano ogni anno in tutto il mondo (il 98% nei paesi in via di sviluppo) potrebbe essere prevenuta e ha stimato che, nei paesi ad alto reddito, ogni 1.000 nati circa 3,5 bambini sono nati morti. Tuttavia, la vera incidenza potrebbe essere sostanzialmente più alta. L’OMS raccomanda che i confronti internazionali utilizzino un cut-off di 28 settimane di età gestazionale. Tuttavia, a livello di paese, l’OMS identifica 22 settimane di gestazione come soglia per l’identificazione della mortalità fetale, e ci sono anche notevoli differenze tra i paesi nella legislazione sulla registrazione (in parte a causa delle differenze nella percezione della vitalità dei bambini nati prematuramente), così come le diverse politiche sulla cessazione della gravidanza portano a segnalare questa come bimbi morti.

Lo studio

Gli autori hanno utilizzato dati provenienti da 19 paesi europei sui risultati della gravidanza a partire da 22 settimane di gestazione tra il 2004 e il 2015, per calcolare i tassi complessivi di natimortalità e le variazioni dei tassi tra il 2004 e il 2015 per età gestazionale e paese.

Nel 2015, più di 9.300 bambini sono nati morti da 2,5 milioni di nascite in Europa, e di questi un terzo era nato morto tra le 22 e le 28 settimane di gestazione e sarebbe quindi stato escluso dalla soglia dell’OMS per il confronto internazionale.

Tra il 2004 e il 2015, il tasso di nati morti tra 24 e meno di 28 settimane di gestazione è diminuito da circa 10 a 7 ogni 10.000 nati totali, una riduzione del 25%. Questo è simile alle cifre globali di nati morti da più di 28 settimane di gestazione, che sono diminuite del 25,5% in tutto il mondo (da 247 a 184 ogni 10.000 nascite) e del 24,5% nelle regioni sviluppate (da 45 a 34 ogni 10.000 nascite) tra il 2000 e il 2015. Questi dati suggeriscono miglioramenti consistenti nella riduzione dei nati morti da 24 settimane di gestazione nel tempo.

Ciononostante, la variazione tra i nati morti da 24 a meno di 28 settimane in Europa variava tra i 4 e gli 8 per 10.000 nati totali (escludendo le interruzioni di gravidanza), il che implica che gran parte dei nati morti sono ancora prevenibili.

Questi risultati sono coerenti con la variazione dei tassi di nati morti osservata in molti studi precedenti nei paesi ad alto reddito. Gli autori sottolineano che la coerenza nella segnalazione di questi primi nati morti suggerisce che questi decessi dovrebbero essere inclusi di routine nei confronti internazionali per aiutare a informare la pratica e la politica clinica.

La soglia delle 22 settimane di gestazione

Al contrario, il tasso complessivo di natimortalità tra 22 e meno di 24 settimane è rimasto invariato dal 2004, a circa 5 per 10.000 nascite nel 2015. Gli autori ipotizzano che questo sia probabilmente dovuto a miglioramenti nella segnalazione di decessi in queste gestazioni. Nel 2015, i tassi di natimortalità (da 22 a <24 settimane) variavano di 6 volte tra paesi, tra più di 2 per 10.000 nascite a 17 per 10.000 nascite.

Secondo il Dr Smith: “L’ampia variazione nel numero di nati morti che si verificano tra 22 settimane e 24 settimane è probabile che evidenzi le differenze nella raccolta di dati tra i paesi europei piuttosto che la variazione del rischio di morte in utero. Per garantire che la vera grandezza e il peso della natimortalità siano compresi e migliorare la raccolta di dati di routine per monitorare i risultati e la gestione di nascite estremamente pretermine a partire da 22 settimane di gestazione, la soglia dell’OMS per i confronti tra paesi ad alto reddito dovrebbe essere abbassata.”

“Solo attraverso studi internazionali, come il progetto Euro-Peristat, che raccolgono i dati con un protocollo standardizzato, è possibile fare confronti affidabili tra paesi diversi sui tassi di natimortalità. Questa standardizzazione consente pratiche di rendicontazione internazionali coerenti per le interruzioni di gravidanza e definizioni concordate per la segnalazione di feti morti e vivi”dice la prof.ssa Jennifer Zeitlin, dell’Inserm, Parigi, coordinatrice del progetto Euro-Peristat.

 

 

Articolo precedenteLa navicella lunare che può essere riutilizzata più volte
Articolo successivoDue sonde sull’asteroide Ryugu per analizzare la sua composizione
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui