Home Medicina Interna L’autolesionismo negli anziani come campanello d’allarme per il suicidio

L’autolesionismo negli anziani come campanello d’allarme per il suicidio

950
0

Gli adulti con 65 o più anni che presentano autolesioni hanno un rischio maggiore di morire per cause innaturali, in particolare il suicidio, rispetto ai coetanei senza una storia di autolesionismo.

Lo afferma un recente studio osservazionale sulle cure primarie nel Regno Unito, pubblicato su The Lancet Psychiatry.

adv

Autolesionismo e suicidio

Quasi il 90% degli anziani che si erano fatti del male, con un sovradosaggio di farmaci o tagliandosi, non è stato indirizzato per una valutazione specialistica della salute mentale dopo essere stato visitato dal medico generico. La probabilità di invio allo specialista era molto più bassa per le persone che vivevano nelle aree socialmente svantaggiate.

Ciò è particolarmente preoccupante in quanto l’autolesionismo non fatale è il più forte fattore di rischio per il successivo suicidio. In particolare, sono le persone anziane che hanno un maggiore intento suicidario rispetto a qualsiasi altra fascia di età.

Inoltre, contrariamente alle linee guida cliniche nazionali, a una proporzione significativa (12%) di coloro che si procuravano lesioni era stato prescritto un antidepressivo triciclico, che può essere pericoloso in caso di sovradosaggio.

La prevenzione del suicidio

Lo studio mette in evidenza l’opportunità di un precedente intervento nell’assistenza primaria per prevenire ripetuti episodi di autolesionismo e il suicidio negli anziani.

“Gli anziani spesso affrontano un declino delle capacità funzionali a causa di molteplici condizioni di comorbilità, lutto e isolamento sociale, che sono tutti fortemente legati all’autolesionismo. Con il numero di persone di età superiore a 65 anni destinato a raggiungere il 25% della popolazione del Regno Unito entro il 2046, i servizi sanitari devono essere allineati per soddisfare le esigenze di salute fisica e mentale, e per garantire che gli anziani vulnerabili siano identificati e ottengano l’aiuto e il supporto richiesto”, afferma la dott.ssa Cathy Morgan, Università di Manchester, Regno Unito, che ha guidato la ricerca.

Il numero dei suicidi è in crescita tra gli anziani

Negli ultimi anni, c’è stato un aumento delle segnalazioni di suicidio tra gli anziani. Tra il 2012 e il 2015, in Inghilterra e in Galles, i tassi di suicidio tra gli uomini, con 60 o più anni, sono aumentati da 12,3 a 14,8 per 100.000. Tassi che sono superiori a quello degli adolescenti maschi e giovani adulti (10-29 anni) che nel 2015 è stato 10,6 per 100.000.

Anche i tassi di suicidio nelle donne anziane sono aumentati negli ultimi 5 anni, convergendo verso quelli delle donne più giovani in età lavorativa (da 4,7 a 100.000 in 60-74 anni contro 5,8 in 30-44 anni nel 2010 a 5,4 vs 6,0 nel 2015). L’autolesionismo tra le persone anziane, tuttavia, ha finora ricevuto un’attenzione relativamente scarsa rispetto ai gruppi di età più giovane.

I ricercatori hanno basato le loro scoperte sugli episodi di autolesionismo registrati tra gli adulti con 65 o più anni, registrati nel Regno Unito tra il 2001 e il 2014. Hanno analizzato i dati del Dataalink di ricerca clinica, che è ampiamente rappresentativo della popolazione del Regno Unito ed è collegato con i ricoveri ospedalieri, i record di mortalità e la privazione sociale a livello di area (l’indice di deprivazione multipla). Per indagare il rischio di mortalità dopo autolesionismo, hanno confrontato i dati da 2.454 di questi pazienti con 48.921 pazienti senza una storia di autolesionismo, abbinati per età, sesso e medico di famiglia).

I risultati dello studio

Durante il periodo di studio di 13 anni, 4.124 adulti di età pari o superiore a 65 anni hanno registrato un episodio di autolesionismo nelle note dei medici di medicina generale. Oltre la metà (58%) di questi erano donne e molte (62%) avevano precedentemente ricevuto una diagnosi correlata allo stato di salute mentale.

L’overdose da farmaci era nettamente il metodo più comune di autolesionismo (81%), seguito dalle lesioni da taglio (6%).

È importante sottolineare che solo il 12% di ultrasessantacinquenni che si erano procurati lesioni era stato riferito a servizi di salute mentale entro 12 mesi dall’episodio iniziale di autolesionismo.

L’invio ad uno specialista era di un terzo meno probabile per gli anziani registrati nelle aree più svantaggiate (8%) rispetto a quelli provenienti da comunità più ricche (13%), anche se l’incidenza di autolesionismo era più alto in queste aree.

Quasi i tre quarti delle persone che si erano procurate lesioni avevano ricevuto una prescrizione per farmaci psicotropi, più comunemente antidepressivi. Contrariamente alle indicazioni del National Institute of Clinical Excellence (NICE), nel 12% degli anziani che si erano procurati lesioni è stato prescritto un antidepressivo triciclico entro un anno dall’episodio.

Uno su sette (14,4%) tra gli adulti più anziani si è auto-danneggiato nuovamente entro un anno dall’episodio iniziale.

Rispetto alla popolazione generale, gli anziani che si erano fatti del male avevano il doppio delle probabilità di avere una storia di malattia psichiatrica (1.522 / 2.454 contro 14.455 / 48.921) e il 20% in più di probabilità di sperimentare una grave malattia fisica (1.760 / 2.454 vs 29.341 / 48.921) come malattia del fegato e insufficienza cardiaca.

Gli anziani che si sono fatti del male hanno 19 volte più probabilità di morire per cause innaturali (per lo più suicidi, avvelenamenti accidentali e altri incidenti) nel primo anno dopo un episodio di autolesionismo rispetto alla popolazione generale (29/330 vs 41/2415 morti). Inoltre, hanno 145 volte più probabilità di morire di suicidio durante un follow-up di 13 anni, sebbene il suicidio sia stato raro in termini assoluti (36 vs 12 decessi per suicidio).

Il commento degli autori

Il professor Nav Kapur, Università di Manchester, Regno Unito, aggiunge: “A volte pensiamo che l’autolesionismo sia un problema nei giovani e naturalmente lo è. Ma colpisce anche gli anziani e il problema relativo è il legame con l’aumento del rischio di suicidio. Speriamo che il nostro studio metta in guardia i medici, i pianificatori di servizi e i responsabili politici sulla necessità di implementare misure preventive per questo gruppo di persone potenzialmente vulnerabili. L’invio allo specialista e la gestione delle condizioni di salute mentale sono probabilmente fondamentali.”

Il pProfessor Carolyn Chew-Graham, Professore di Medicina Generale presso la Keele University, Regno Unito dice:” Poiché l’ingestione di droga è uno dei principali metodi di autolesionismo, evidenziamo la necessità di prescrivere farmaci meno tossici negli anziani per la gestione sia delle patologie mentali che delle condizioni relative al dolore. Raccomandiamo anche un follow-up più frequente di un paziente dopo un episodio iniziale di autolesionismo.”

 

 

Articolo precedenteNuovi concetti di aerodinamica dallo studio dei semi del dente di leone
Articolo successivoVenezia, ma anche Pisa, a rischio di inondazioni a causa dell’innalzamento del livello del mare
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui