Partita la missione spaziale BepiColombo verso Mercurio, ma arriverà solo nel 2025

La missione spaziale BepiColombo diretta a Mercurio ha preso il via con il decollo su un Ariane 5 dallo Spaceport europeo a Kourou alle 01:45:28 GMT del 20 ottobre. Dovrà studiare i misteri del pianeta più interno del Sistema Solare.

I segnali della sonda spaziale, ricevuti presso il centro di controllo dell’ESA a Darmstadt, in Germania, attraverso la stazione di rilevamento di New Norcia alle 02:21 GMT, hanno confermato che il lancio è andato a buon fine.

La missione BepiColombo

BepiColombo è uno sforzo congiunto tra l’ESA e la Japan Aerospace Exploration Agency, JAXA. È la prima missione europea diretta a Mercurio, il pianeta più piccolo e meno esplorato nel Sistema Solare interno, e la prima ad inviare due veicoli spaziali per effettuare contemporaneamente misurazioni complementari del pianeta e del suo ambiente dinamico.

“Il lancio di BepiColombo è una pietra miliare per ESA e JAXA e ci saranno molti grandi successi”, afferma Jan Wörner, Direttore Generale dell’ESA.

“Oltre a completare il difficile viaggio, questa missione restituirà un’enorme generosità scientifica. È grazie alla collaborazione internazionale e ai decenni di sforzi e competenze di tutti coloro che sono coinvolti nella progettazione e nella costruzione di questa incredibile macchina, che siamo ora sulla nostra strada per indagare sui misteri del pianeta Mercurio “.

“Congratulazioni per il lancio di successo di Ariane 5 che trasporta BepiColombo, missione esplorativa Mercury congiunta ESA-JAXA”, afferma Hiroshi Yamakawa, presidente JAXA.

“Desidero esprimere la mia gratitudine per l’eccellente risultato delle operazioni di lancio. JAXA ha grandi aspettative che le successive osservazioni dettagliate sulla superficie e l’interno di Mercurio ci aiuteranno a comprendere meglio l’ambiente del pianeta e, in ultima analisi, l’origine del Sistema Solare.”

Due sonde in una

BepiColombo comprende due orbitatori scientifici: Mercury Planetary Orbiter (MPO) dell’ESA e Mercury Magnetospheric Orbiter di JAXA (MMO, o ‘Mio’). Il Mercury Transfer Module (MTM) costruito dall’ESA porterà gli orbiter a Mercurio utilizzando una combinazione di propulsione solare e assistenti gravitazionali, con un sorvolo di Terra, due a Venere e sei a Mercurio, prima di entrare in orbita a Mercurio nel 2025.

“C’è una lunga ed eccitante strada davanti a noi prima che BepiColombo inizi a raccogliere dati per la comunità scientifica”, afferma Günther Hasinger, direttore delle scienze dell’ESA.

“Gli sforzi come la missione Rosetta e le loro scoperte pionieristiche, anche a distanza di anni dal loro completamento, ci hanno già dimostrato che le complesse missioni di esplorazione scientifica meritano l’attesa”.

I due orbiter scientifici saranno anche in grado di gestire alcuni dei loro strumenti durante la fase di crociera, offrendo opportunità uniche di raccogliere dati scientificamente preziosi su Venere. Inoltre, alcuni degli strumenti progettati per studiare Mercurio possono essere utilizzati in modo completamente diverso a Venere, che ha una atmosfera spessa rispetto alla superficie esposta di Mercurio.

BepiColombo science themes
Copyright ESA

Una missione complessa

“BepiColombo è una delle missioni interplanetarie più complesse che abbiamo mai volato”, afferma Andrea Accomazzo, Flight Director dell’ESA per BepiColombo.

“Una delle maggiori sfide è l’enorme gravità del Sole, che rende difficile collocare un’astronave in un’orbita stabile attorno a Mercurio. Dobbiamo frenare costantemente per garantire una caduta controllata verso il Sole, con i propulsori ionici che forniscono la spinta necessaria per le lunghe durate della fase di crociera.”

Altre sfide includono l’ambiente con temperature estreme a cui sarà sottoposto il veicolo spaziale, che andrà da -180ºC a oltre 450ºC. Più caldo di un forno per la pizza. Molti dei meccanismi dei veicoli spaziali e dei rivestimenti esterni non erano stati precedentemente testati in tali condizioni.

Il design complessivo dei tre moduli di veicoli spaziali riflette le condizioni intense che dovranno affrontare. I grandi pannelli solari del modulo di trasferimento devono essere inclinati ad angolo retto per evitare danni da radiazioni, fornendo comunque energia sufficiente al veicolo spaziale. Sull’MPO, l’ampio radiatore consente all’astronave di rimuovere efficacemente il calore dai suoi sottosistemi, oltre a riflettere il calore e sorvolare il pianeta a quote più basse di quanto non sia mai stato raggiunto prima. Il Mio, a otto lati, ruoterà 15 volte al minuto per distribuire uniformemente il calore del Sole sui suoi pannelli solari per evitare il surriscaldamento.

“Vedere il nostro veicolo spaziale salire verso lo spazio è un momento che tutti stavamo aspettando”, dice Ulrich Reininghaus, responsabile del progetto BepiColombo dell’ESA.

“Abbiamo superato molti ostacoli nel corso degli anni, e le squadre sono felici di vedere BepiColombo sulla strada per l’intrigante pianeta Mercury.”

In orbita attorno a Mercurio

Pochi mesi prima di arrivare a Mercury, il modulo di trasferimento verrà espulso, lasciando che i due orbiter scientifici – ancora collegati l’uno all’altro – siano catturati dalla gravità di Mercurio. La loro altitudine sarà regolata usando i propulsori di MPO fino a raggiungere l’orbita polare ellittica desiderata da MMO.

Quindi MPO si separerà e scenderà alla propria orbita usando i propulsori. Insieme, gli orbiter effettueranno misurazioni che riveleranno la struttura interna del pianeta, la natura della superficie e l’evoluzione delle caratteristiche geologiche – compreso il ghiaccio nei crateri ombreggiati del pianeta – e l’interazione tra il pianeta e il vento solare.

“Un aspetto unico di questa missione è avere due veicoli spaziali che monitorano il pianeta da due diverse località contemporaneamente: questa è davvero la chiave per capire i processi legati all’impatto del vento solare sulla superficie di Mercurio e il suo ambiente magnetico”, aggiunge Johannes Benkhoff, scienziato del progetto BepiColombo.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × tre =