Il poliovirus è ancora lontano dall’essere debellato

Il diciannovesimo incontro del comitato di emergenza ai sensi delle norme sanitarie internazionali (2005) (IHR) sulla diffusione internazionale del poliovirus è stato convocato dal direttore generale il 27 novembre 2018 ed ha esaminato i dati sul poliovirus wild (WPV1) e sui poliovirus derivati ​​dal vaccino circolante (cVDPV).

Polio selvaggio

Il Comitato ha espresso preoccupazioni per l’aumento dei casi di WPV1 a livello mondiale nel 2018, in particolare per quanto riguarda l’aumento del numero di casi in Afghanistan. Inoltre, dopo un periodo di 10 mesi senza diffusione internazionale di poliovirus selvaggio tra i due vicini, Pakistan e Afghanistan, negli ultimi tre mesi si è verificata una diffusione transfrontaliera in entrambe le direzioni.

In Pakistan la situazione nel 2018 è ristagnata, con il numero di casi finora allo stesso livello del 2018 rispetto all’intero 2017. Inoltre, gli isolati positivi nel 2018 continuano ad essere ampiamente diffusi geograficamente indicando più aree di trasmissione.

In Afghanistan, il numero di casi di polio è quasi raddoppiato nel 2018, con 19 casi segnalati finora, rispetto ai 10 nello stesso periodo dell’anno scorso, a causa di un peggioramento della sicurezza e di una maggiore inaccessibilità e di persistenti sacche di rifiuti e bambini scomparsi.

Anche la sorveglianza ambientale sta riscontrando una percentuale maggiore di campioni positivi. La situazione della sicurezza e l’accesso avrebbero bisogno di migliorare in modo significativo gli sforzi di eradicazione per progredire, dato che attualmente 1 milione di bambini sotto i 5 anni sono inaccessibili nelle recenti campagne di immunizzazione della polio.

Sono trascorsi più di due anni dall’ultima rilevazione del WPV1 in un’area accessibile della Nigeria e da quattro anni da quando si è verificata una diffusione internazionale del WPV1 dal paese. Il Comitato ha lodato i forti sforzi per raggiungere bambini inaccessibili a Borno, in Nigeria, anche di fronte a una difficile situazione di sicurezza, e ha osservato che la popolazione inaccessibile è ora ridotta a circa 70.000 bambini, sparsi in Borno in altre piccole tasche.

Poliovirus derivato da vaccino

Le epidemie di cVDPV2 in Somalia, Kenya, Repubblica Democratica del Congo, Niger e cVDPV1 in Papua New Guinea (PNG) e cVDPV3 in Somalia continuano a destare maggiore preoccupazione, in particolare l’apparente diffusione internazionale tra Somalia e Kenya e la recente diffusione dalla Nigeria al Niger, dato che tradizionalmente i virus cVDPV si sono diffusi raramente oltre i confini. Il conflitto e il movimento della popolazione all’interno e all’esterno della Repubblica Democratica del Congo indicano un grado di rischio di diffusione.

Le grandi aree inaccessibili della Somalia rappresentano un limite significativo al raggiungimento dell’interruzione della trasmissione di cVDPV2 e cVDPV3 nell’area, esacerbata da ampi movimenti di popolazione in entrata e in uscita da queste aree.

Tuttavia, a causa dell’offerta limitata di IPV, nelle epidemie di tipo 2 di cVDPV, l’attuazione delle raccomandazioni temporanee per l’immunizzazione di frontiera dei viaggiatori in partenza può essere difficile.

Progressi e rischi residui

La commissione ha preso atto dei progressi compiuti con la cooperazione transfrontaliera tra PNG e Indonesia, ma è preoccupata del fatto che nuovi casi di cVDPV1 nelle nuove province di PNG siano stati rilevati negli ultimi tre mesi e che gli indicatori di sorveglianza nelle province indonesiane vicine a PNG non siano stati ottimali. Allo stesso modo, i paesi confinanti con la Somalia, come il Sud Sudan, l’Etiopia e Gibuti, hanno aree di sorveglianza debole. L’epidemia di cVDPV2 in Siria è stata controllata con successo senza diffusione internazionale e la Siria non è più considerata infetta, ma rimane vulnerabile.

Il comitato ha osservato che in tutti i paesi infetti l’immunizzazione di routine era debole. Le epidemie di cVDPV2 a Jigawa, e per la seconda volta a Sokoto, in Nigeria, sottolineano ancora una volta la vulnerabilità della Nigeria settentrionale alla trasmissione del poliovirus. La copertura della vaccinazione di routine rimane molto povera in molte aree del paese, sebbene la leadership politica e il programma nazionale di emergenza per rafforzare l’immunizzazione di routine stiano cominciando ad avere un impatto in alcune aree.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − sette =