Una nuova, piccola, galassia scoperta da Hubble

Un gruppo internazionale di astronomi ha recentemente utilizzato il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA per studiare le nane bianche all’interno dell’ammasso globulare NGC 6752. Lo scopo delle loro osservazioni era usare queste stelle per misurare l’età dell’ammasso globulare, ma nel processo è stata fatta una scoperta inaspettata.

Una raccolta compatta di stelle

Nei margini esterni dell’area osservata con Advanced Camera for Surveys di Hubble era visibile una raccolta compatta di stelle. Dopo un’attenta analisi del loro splendore e delle loro temperature, gli astronomi conclusero che queste stelle non appartenevano all’ammasso – che fa parte della Via Lattea – ma sono milioni di anni luce più distanti.

Il nostro vicino cosmico appena scoperto, soprannominato dagli astronomi Bedin 1, è una galassia di dimensioni modeste, allungata. Misura solo circa 3.000 anni luce nella sua massima estensione – una frazione delle dimensioni della Via Lattea. Non solo è minuscolo, ma è anche incredibilmente debole. Queste proprietà hanno portato gli astronomi a classificarlo come una galassia nana sferoidale.

Le galassie nane sferoidali

Le galassie nane sferoidali sono definite dalle loro piccole dimensioni, bassa luminosità, mancanza di polvere e vecchie popolazioni stellari. 36 galassie di questo tipo sono già note nel Gruppo Locale di Galassie, 22 delle quali sono galassie satellitari della Via Lattea.

Mentre le galassie nane sferoidali non sono rare, Bedin 1 ha alcune caratteristiche degne di nota. Non solo è uno dei pochi sferoidali nani che hanno una distanza ben stabilita, ma è anche estremamente isolato. Si trova a circa 30 milioni di anni luce dalla Via Lattea e a 2 milioni di anni luce dal più vicino host della galassia, NGC 6744. Questo lo rende probabilmente la galassia nana più isolata finora scoperta.

Una galassia vecchia quanto l’universo

Dalle proprietà delle sue stelle, gli astronomi sono stati in grado di dedurre che la galassia ha circa 13 miliardi di anni – quasi vecchia quanto l’universo stesso. A causa del suo isolamento – che ha provocato quasi alcuna interazione con altre galassie – e della sua età, Bedin 1 è l’equivalente astronomico di un fossile vivente del primo Universo.

La scoperta di Bedin 1 è stata una scoperta davvero fortuita. Pochissime immagini di Hubble consentono di vedere oggetti così deboli e coprono solo una piccola area del cielo. I futuri telescopi con un ampio campo visivo, come il telescopio WFIRST, avranno telecamere che coprono un’area molto più ampia del cielo e potrebbero trovare molti altri di questi vicini galattici.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 5 =