Home Astronomia Deep impact: nel 2022 il primo esperimento per tentare di deviare la...

Deep impact: nel 2022 il primo esperimento per tentare di deviare la traiettoria degli asteroidi

937
0
Asteroidi a confronto per dimensioni. Copyright Ian Carnelli adapting Planetary Society – E. Lakdawalla image.

La missione Hera di difesa del pianeta stabilirà un nuovo record nello spazio. L’investigatore di asteroidi non sarà solo il primo veicolo spaziale ad esplorare un sistema di asteroidi binari – la coppia Didymos – ma il più piccolo di questi due mondi, di dimensioni paragonabili alla Grande Piramide egiziana di Giza, diventerà l’asteroide più piccolo mai visitato.

Asteroidi e comete

Da lontano, un asteroide sembra molto simile all’altro. Controllando la nota tabella delle scale preparata dalla Società Planetaria di tutti gli asteroidi e le comete finora rilevate dalle navicelle spaziali, l’asteroide più grande di Didymos rappresenterebbe un punto modesto.

Didymos stesso ha soli 780 m di diametro. Ciò fa sì che la lunetta orbitante di Didymos “Didymoon” sia il più piccolo di tutti gli asteroidi programmati per l’ispezione robotica, con soli 160 m di diametro.

“Le dimensioni minuscole di Didymoon diventano davvero chiare quando si guardano gli altri asteroidi”, commenta Patrick Michel, direttore dello studio di Hera, direttore della ricerca dell’osservatorio della Costa Azzurra francese.

Patrick è anche co-investigatore e scienziato interdisciplinare sulla missione giapponese Hayabusa2 sull’asteroide Ryugu, che ha un diametro di circa 1 km: “Le immagini di Hayabusa2 mostrano un grosso masso vicino al polo nord di Ryugu. Quel singolo masso ha circa la stessa dimensione come Didymoon nella sua interezza.”

La deviazione degli asterolidi

La sua taglia minuta è stata la ragione per cui Didymoon è stata scelta per un esperimento pionieristico di difesa planetaria. Nel 2022, la navicella spaziale DART della NASA avrà un impatto su Didymoon nel tentativo di cambiare la sua orbita attorno al suo gemello più grande, per testare la fattibilità della deviazione degli asteroidi.

“Questo non è il primo impatto di un veicolo spaziale in un corpo planetario”, aggiunge Patrick, “Il Deep Impact della NASA si schiantò contro la cometa Tempel 1 nel 2005, ma non per cercare di deviarlo, ma per esporre il materiale sottosuolo. I 6 km di diametro del corpo erano troppo grandi. Ma Didymoon è abbastanza piccolo e in un’orbita di 12 ore abbastanza stretta attorno al suo genitore.”

Dopo l’impatto, Hera esaminerà gli asteroidi Didymos nel 2026 per raccogliere informazioni chiave che non saranno disponibili dalle osservazioni terrestri, tra cui la massa di Didymoon, le sue proprietà superficiali e la forma del cratere di DART.

Missioni di deflessione

“Questo esperimento ci fornirà una buona stima del trasferimento del momento dell’impatto e quindi della sua efficienza come tecnica di deflessione”, spiega Michael Küppers, scienziato del progetto Hera dell’ESA. “Questi sono parametri fondamentali per consentire la convalida dei modelli di impatto numerico, necessari per progettare le future missioni di deflessione. Comprenderemo meglio se questa tecnica può essere utilizzata anche per asteroidi più grandi, dandoci la certezza di poter proteggere il nostro pianeta se necessario.”

Didymoon è molto importante per questo tipo di test in quanto è nella classe più rischiosa degli asteroidi vicini alla Terra a causa delle sue dimensioni: corpi più grandi possono essere più facilmente rintracciati, corpi più piccoli bruciano o danno limitati. Un impattore di dimensioni Didymoon potrebbe devastare un’intera regione del nostro pianeta.

Il sistema Didymos

Il sistema Didymos è interessante anche in altri termini, offrendo informazioni sulla formazione degli asteroidi binari che costituiscono circa il 15% degli asteroidi conosciuti.

“Didymos sta girando molto velocemente, ruotando una volta ogni due ore”, dice Patrick. “Intorno al suo equatore, la sua debole attrazione gravitazionale potrebbe essere superata dalla forza centrifuga, che potenzialmente potrebbe portare alla risalita del materiale dalla superficie. La principale teoria su come si sia formato Didymoon. Quindi atterrare sull’equatore sarebbe impossibile; dovresti invece arrivare vicino ai suoi poli.”

“Il piano è quello di sbarcare almeno un CubeSat su Didymoon, anche se richiederà una navigazione precisa per raggiungere l’obiettivo. L’asteroide avrà qualcosa come un milionesimo della gravità terrestre, con una velocità di fuga stimata di soli 6 cm al secondo, quindi potrebbe rimbalzare nello spazio.”

La missione Hera

Hera è attualmente in fase di studio per essere presentata per l’approvazione nella riunione del Consiglio Spazio19 + dell’ESA dei ministri spaziali europei. Il lancio è previsto nel 2023.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui