Scompenso cardiaco: l’uso di un diuretico a lungo termine si associa a una prognosi peggiore

La terapia farmacologica per i pazienti con insufficienza cardiaca stabile può essere semplificata interrompendo i diuretici. Questa interessante considerazione emerge da uno studio presentato nei giorni scorsi al congresso Heart Failure 2019.

“I pazienti con insufficienza cardiaca hanno molte pillole da assumere per lo scompenso cardiaco e per comorbidità come il diabete e l’ipertensione”, ha detto il ricercatore principale, il dott. Luis E. Rohde, dell’Università Federale di Rio Grande do Sul, Porto Alegre, in Brasile. “Sospendere un farmaco quando non è più necessario dovrebbe rendere più facile prendere quelli necessari”.

“Ai pazienti non piace usare i diuretici perché sentono che devono stare a casa per usare il bagno e hanno i crampi”, ha aggiunto. “I pazienti sarebbero felici di poter smettere questo farmaco”.

I diuretici nell’insufficienza cardiaca

I diuretici sono comunemente prescritti per la riduzione dei sintomi nei pazienti con insufficienza cardiaca. I farmaci eliminano i liquidi in eccesso che causano mancanza di respiro, gambe gonfie, tosse e aumento di peso. Una volta risolti i sintomi, i pazienti vengono mantenuti con basse dosi di questi farmaci a causa di timori che i sintomi possano ritornare. La ricerca osservazionale ha dimostrato che l’uso diuretico a lungo termine è associato a una prognosi peggiore.

Lo studio ReBIC-1 ha esaminato la sicurezza e la tollerabilità alla sospensione della furosemide in pazienti ambulatoriali con insufficienza cardiaca cronica stabile. Il trial è stato condotto dalla Brazilian Research Network in Heart Failure (ReBIC), che comprende 11 ospedali universitari per l’assistenza terziaria in Brasile.

I criteri di inclusione erano: assenza di sintomi o sintomi miti, definiti come una classe funzionale New York Heart Association da I a II), ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra (45% o inferiore), nessun ricovero ospedaliero correlato allo scompenso cardiaco negli ultimi sei mesi e basso dosaggio di furosemide (da 40 a 80 mg al giorno) per almeno sei mesi.

I due gruppi di trattamento

Un totale di 188 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al mantenimento o alla sospensione della furosemide. I pazienti nel gruppo di sospensione hanno ricevuto una pillola placebo. Il trattamento era in doppio cieco. Lo studio ha considerato due endpoint: la dispnea riferita dal paziente, usando una scala analogica visiva, e la proporzione di pazienti mantenuta senza diuretici aggiuntivi durante il follow-up di 90 giorni.

I risultati

Non c’è stata differenza tra i gruppi nell’autopercezione della dispnea durante il periodo di follow-up di 90 giorni. Inoltre, 72 pazienti (75,3%) nel gruppo che aveva sospeso il farmaco e 78 pazienti (83,9%) nel gruppo di mantenimento erano liberi dal riutilizzo di furosemide durante il follow-up (p = 0,16).

L’autrice senior Andréia Biolo, dell’Università federale del Rio Grande do Sul, che ha presentato i risultati ad Atene, ha dichiarato: “I risultati mostrano che i pazienti con insufficienza cardiaca stabile che smettono i diuretici non hanno più dispnea rispetto a quelli che continuano a prendere il farmaco. La sospensione non porta ad un aumento del riutilizzo dei diuretici: circa il 20% dei pazienti in entrambi i gruppi necessitava di una ripresa dei farmaci, presumibilmente per l’eliminazione dei sintomi. ”

I diuretici possono essere sospesi

Il dott. Rohde ha detto che i risultati indicano che i diuretici possono essere tranquillamente sospesi nei pazienti con insufficienza cardiaca che soddisfano i criteri di ammissibilità. “La maggior parte dei pazienti che vediamo nella clinica ambulatoriale per lo scompenso cardiaco soddisfa i criteri di prova e potrebbe beneficiare di questa strategia”, ha affermato.

Non è necessario alcun ulteriore follow-up per i pazienti che hanno smesso di assumere diuretici, ha osservato il dott. Biolo. “I pazienti possono essere seguiti nel solito modo”, ha detto. “E, come facciamo ora, i pazienti dovrebbero essere educati a cercare aiuto medico se diventano dispnoici, hanno edemi, o hanno un improvviso aumento di peso che indica la ritenzione di liquidi”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 4 =