Il declino cognitivo potrebbe accelerare dopo un infarto miocardico o un episodio anginoso

Secondo uno studio pubblicato nei giorni scorsi nel Journal of American College of Cardiology, gli adulti con malattia coronarica incidente sono ad alto rischio di declino cognitivo più veloce a lungo termine.

La cardiopatia coronarica è la principale causa di morte negli uomini e nelle donne.

Lo studio, uno dei più grandi studi longitudinali sulla progressione del declino cognitivo prima e dopo la diagnosi di malattia coronarica, includeva i dati di un totale di 7.888 partecipanti senza ictus tratti dall’English Longitudinal Study of Aging (ELSA), studio di coorte di adulti di 50 anni e più, dal 2002 al 2017.

I ricercatori hanno escluso le persone che avevano una storia di ictus, infarto e / o angina, una diagnosi confermata di demenza e / o di malattia di Alzheimer, o un episodio di ictus durante il follow-up.

Lo studio della funzione cognitiva

Sono stati utilizzati tre test cognitivi per valutare la funzione cognitiva dei partecipanti in un periodo di follow-up di 12 anni. Innanzitutto, la memoria verbale è stata valutata testando il richiamo immediato e ritardato di 10 parole non correlate. In secondo luogo, ai partecipanti è stato chiesto di nominare verbalmente il maggior numero possibile di animali diversi in un minuto per testare la fluenza semantica. Terzo, l’orientamento temporale è stato valutato attraverso quattro domande riguardanti la data corrente (giorno, mese, anno e giorno della settimana). Punteggi più alti indicavano una migliore funzione cognitiva.

Un declino cognitivo più rapido

Durante il periodo di studio, il 5,6% dei partecipanti ha avuto un infarto o angina. Quelli con cardiopatia coronarica hanno mostrato tassi più rapidi di declino cognitivo in tutti e tre i test. I pazienti con diagnosi di angina hanno mostrato un forte declino nell’orientamento temporale, mentre i pazienti con infarto avevano un significativo declino cognitivo nella memoria verbale e nella fluenza semantica e un peggioramento generale del declino cognitivo.

Questo studio non ha trovato alcuna associazione tra declino cognitivo e diagnosi prima dell’esordio della cardiopatia coronarica, né un declino cognitivo a breve termine dopo l’evento coronarico.

Il rischio di demenza

“Anche piccole differenze nelle funzioni cognitive possono comportare un aumento del rischio di demenza a lungo termine”, ha detto Wuxiang Xie, autore principale dello studio e ricercatore presso l’Imperial College School of Public Health di Londra. “Poiché non esiste attualmente una cura per la demenza, la diagnosi precoce e l’intervento sono essenziali per ritardare la progressione verso la demenza. I pazienti con attacco di cuore e angina necessitano di un attento monitoraggio negli anni successivi alla diagnosi.”

I ricercatori riferiscono che la cardiopatia coronarica potrebbe contribuire direttamente al declino cognitivo a causa della riduzione dell’ossigenazione cerebrale. Uno studio precedente ha determinato che la cardiopatia ischemica era associata a microinfarti cerebrali, suggerendo che poteva essere associata a malattia dei piccoli vasi cerebrali, una delle principali cause di demenza negli adulti più anziani.

Il commento editoriale

In un commento editoriale di accompagnamento, Suvi P. Rovio, professore a contratto presso il Centro di Ricerca dell’Università di Turku di Medicina Cardiovascolare Applicata e Preventiva in Finlandia, ha detto che i legami tra salute cardiovascolare e cerebrale suggeriscono che i livelli di fattori di rischio cardiovascolare compromessi fin dall’infanzia possono danneggiare entrambi i tessuti vascolari del cervello.

“Questo studio fornisce prove sul ruolo della cardiopatia coronarica incidente come un possibile fattore che flette il decorso della traiettoria del declino cognitivo in età avanzata”, ha detto. “Mentre la prevenzione primordiale e primaria sarebbe la prospettiva migliore per rimandare il deterioramento cognitivo clinico, è fondamentale identificare specifiche popolazioni a rischio per una prevenzione secondaria e terziaria mirata.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + quattro =