In calo i casi della sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e scienziati dell’Università di Oxford, dell’Imperial College di Londra e dell’Institut Pasteur hanno stimato che, dal 2016, 1.465 casi di sindrome respiratoria del mediorientale da coronavirus (MERS-CoV), e tra 300 e 500 decessi, potrebbero essere stati evitati grazie agli sforzi globali per rilevare tempestivamente le infezioni da questa malattia e ridurne la trasmissione.

Un nuovo virus

Nel 2012, è stato identificato per la prima volta in un residente dell’Arabia Saudita un nuovo virus che non era mai stato visto negli esseri umani. Il virus, ora noto come MERS-CoV, ha infettato al 31 maggio 2019 oltre 2.442 persone in tutto il mondo.

MERS-CoV è un virus respiratorio che può causare gravi malattie ed è stato fatale fino ad oggi in circa il 35% dei pazienti. Il MERS è zoonotico e le persone si infettano dal contatto diretto o indiretto con cammelli e dromedari.

Mentre il virus ha dimostrato una limitata capacità di trasmissione tra persone al di fuori degli ospedali, ha ripetutamente causato epidemie su larga scala in strutture sanitarie, con gravi conseguenze sulla salute, la sicurezza e l’economia, in particolare in Arabia Saudita nel 2014-2016 e nella Repubblica di Corea nel 2015. L’epidemia nella Repubblica di Corea ha coinvolto 186 casi e 38 decessi e ha avuto un impatto economico stimato di 12 miliardi di dollari USA.

La sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus: i casi

In una lettera di ricerca pubblicata sulla rivista Emerging Infectious Diseases l’8 luglio 2019, i ricercatori analizzano i dati sulle infezioni MERS-CoV confermate in laboratorio e segnalate all’OMS dal 2012.

Il numero totale di casi evitati, tenendo conto della riduzione della trasmissione da cammello a uomo e da persona a persona, è stata valutata a 507 (189-967) nel 2016, 507 (189-967) nel 2017 e 451 (191-855) a settembre 2018.

Questo significa un totale di 1.465 (895-2,165) casi evitati e 293 (179-433) decessi evitati (sotto l’ipotesi di un CFR del 20%) dal 2016 a settembre 2018. Supponendo un CFR del 35,5%, questa stima corrisponde a 520 (318-769) decessi evitati.

Una minaccia globale

Nella lettera, gli autori scrivono: “Riteniamo che i paesi colpiti stiano riducendo la minaccia globale della MERS affrontando le lacune nelle conoscenze relative alla trasmissione, migliorando la sorveglianza e rafforzando la capacità di individuare i casi precocemente e contenere epidemie ospedaliere”.

Gli autori suggeriscono che la riduzione dei casi è stata raggiunta migliorando le misure di prevenzione e controllo delle infezioni che stanno riducendo la trasmissione da uomo a uomo. Inoltre, sono state rilevate restrizioni alla circolazione dei cammelli, indagini più approfondite e più complete su casi e cluster al momento in cui si sono manifestati focolai e una maggiore comunicazione a livello nazionale e internazionale.

Una sorveglianza più forte

Sebbene gli sforzi globali sembrano aver impedito centinaia di infezioni e morti, la vigilanza e il senso di urgenza per affrontare questa infezione opportunistica non devono essere compromessi. È necessario fare di più per comprendere la circolazione del MERS-CoV nei dromedari e limitare le infezioni da spillover all’uomo.

Ciò richiederà una sorveglianza più forte delle popolazioni di dromedari e delle persone a diretto contatto con allevamenti infetti, il coordinamento tra settori animale e umano a livello subnazionale e lo sviluppo accelerato di un vaccino per i dromedari. “La comunità internazionale e i paesi colpiti hanno una responsabilità collettiva e condivisa per ridurre una grave minaccia alla sicurezza sanitaria come la MERS in Medio Oriente e oltre”, concludono gli autori.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 1 =