L’impatto dei tumori infantili a livello mondiale: marcate differenze tra i paesi ad alto e basso reddito

Mentre il numero di nuovi casi di cancro nei bambini e negli adolescenti (di età compresa tra 0 e 19 anni) è relativamente basso, a circa 416.500 casi a livello globale, nel 2017, si stima che la malattia e la disabilità legate al trattamento e il cancro fatale causino circa 11,5 milioni di anni di vita in buona salute persi a livello globale ogni anno. Sono queste le stime del primo Global Burden of Disease Study (GBD) per valutare il carico di cancro infantile e adolescenziale in 195 paesi nel 2017, pubblicato sulla rivista The Lancet Oncology.

Il cancro dei bambini nei paesi più poveri

I bambini nei paesi più poveri affrontano un carico sproporzionatamente elevato per il cancro, contribuendo a oltre l’82% del carico globale per il cancro infantile, equivalente a quasi 9,5 milioni di anni di vita in buona salute persi nel 2017. La maggior parte (97%) di questo onere globale è legato alla morte prematura, con circa il 3% a causa della qualità della vita compromessa.

Per la prima volta, i ricercatori forniscono un quadro completo del carico globale e regionale del cancro infantile, oltre l’incidenza, la mortalità e la sopravvivenza.

Lo studio stima il numero di anni di vita in buona salute che bambini e adolescenti con cancro hanno perso a causa di malattia, disabilità e morte prematura, una misura nota come anni di vita adeguati alla disabilità (DALY). Un DALY equivale a un anno di vita sana persa. Tuttavia, la disabilità nei sopravvissuti al cancro infantile è stata limitata ai primi 10 anni dopo la diagnosi del cancro, piuttosto che per tutto il corso della vita, quindi il carico globale dei DALY associati al cancro infantile è probabilmente sottovalutato.

L’impatto del cancro sui bambini

“Valutando l’onere globale del cancro infantile attraverso l’obiettivo di anni di vita adeguati alla disabilità, possiamo comprendere in modo più completo l’impatto devastante del cancro sui bambini a livello globale”, afferma la Dr.ssa Lisa Force del St Jude Children’s Research Hospital negli Stati Uniti, che ha condotto la ricerca in collaborazione con l’Institute for Health Metrics and Evaluation. “I nostri risultati sono un primo passo importante per stabilire che il cancro infantile ha un ruolo in strutture che si rivolgono all’oncologia globale e alla salute globale dei bambini”.

I bambini con cancro che vivono in paesi ad alto reddito tendono ad avere una buona sopravvivenza, circa l’80% a 5 anni dalla diagnosi. Questi miglioramenti non si sono però estesi nella maggior parte dei paesi a basso e medio reddito (LMIC), dove la sopravvivenza è di circa il 35-40%, ma alcune stime suggeriscono che potrebbe essere del 20%. Circa il 90% dei bambini a rischio di sviluppare il cancro vive in LMIC.

Diagnosi e cura precoci

“Il miglioramento della sopravvivenza al carcinoma infantile richiederà una notevole pianificazione da parte dei responsabili politici per garantire sistemi sanitari ben funzionanti in grado di diagnosticare e curare precocemente”, afferma la Dr.ssa Force. “Stimare gli anni di vita in buona salute che i bambini hanno perso a causa del cancro, consente ai responsabili politici di confrontare le implicazioni per tutta la vita del cancro infantile con altre malattie, potenzialmente aiutandoli a determinare il modo più efficace di spendere risorse limitate e identificare decisioni di pianificazione di controllo del cancro ad alto impatto”.

Nello studio, le stime globali e regionali sono state analizzate utilizzando l’indice sociodemografico (SDI), una misura basata su tassi di istruzione, fertilità e reddito. I paesi con SDI elevati hanno livelli elevati di reddito e istruzione e bassa fertilità, mentre i paesi con SDI bassi hanno livelli bassi di reddito e istruzione e alta fertilità.

Le disuguaglianze tra paesi

Lo studio rivela notevoli disuguaglianze nell’onere del cancro infantile tra paesi SDI alti e bassi. I paesi con SDI di fascia alta e medio alta hanno rappresentato circa il 35% (147.300) dei nuovi casi di cancro infantile nel 2017, ma solo il 18% dei DALY (circa 2 milioni di anni di vita in buona salute persi), mentre i paesi con SDI medio-bassi e bassi con Il 38% dell’incidenza globale (159.600 nuovi casi) hanno rappresentato il 60% dei DALY (quasi 7 milioni di anni di vita in salute persa).

Inoltre, la ricerca ha scoperto che i tumori infantili sono una delle principali cause del carico globale di malattie rispetto ai tumori degli adulti e ad altre malattie infantili. Nel 2017, i tumori infantili sono stati la sesta causa principale di anni di vita in buona salute persi da tutti i tumori a livello globale (11,5 milioni), inferiori solo al carico dei tumori adulti del polmone (41 milioni), fegato (21 milioni), stomaco (19 milioni), colon (19 milioni) e seno (18 milioni). Nei paesi a bassa e media SDI, i tumori infantili erano la principale causa di DALY, superiore al carico attribuibile a qualsiasi singolo tipo di cancro adulto.

Una situazione allarmante

Lo studio pone il bilancio annuale del cancro infantile a oltre 11,5 milioni di anni di vita in buona salute persi nel 2017. Ciò si confronta con circa 37 milioni di anni di vita in buona salute persi a livello globale a causa della malaria e 7,6 milioni di tubercolosi. Nel 2017, il cancro infantile è stato tra i primi quattro maggiori contribuenti al carico delle malattie generali dell’infanzia nei paesi SDI medio-alti, con un posizionamento più elevato rispetto alla malaria e all’HIV / AIDS.

Mentre quattro dei cinque paesi con il più alto carico di cancro infantile erano in Asia e Oceania (India, Cina, Pakistan e Indonesia),  l’Africa sub-sahariana aveva il più grande carico DALY per più tipi di cancro rispetto a qualsiasi altra regione.

I tumori del sangue hanno contribuito maggiormente ai DALY globali, rappresentando il 34% del carico totale di cancro infantile in tutto il mondo, seguito dai tumori del cervello e del sistema nervoso (18%). Nel 2017, la percentuale di carico di leucemia e tumore al cervello differiva di quasi 3 volte tra le regioni. Il carico proporzionale delle leucemie era più alto nell’America Latina centrale e andina (49% di tutti i tumori infantili) e il più grande onere assoluto era nell’Asia meridionale (954.000 DALY).

Differenze tra adulti e bambini

Gli autori sottolineano che i meccanismi per affrontare il carico di cancro negli adulti, che si concentrano su strategie di riduzione del rischio e interventi di screening, non sono così rilevanti per i tumori infantili dato che i tumori infantili generalmente progrediscono rapidamente, non sono suscettibili di programmi di screening che mirano a identificare escrescenze precancerose e sono fatali senza diagnosi e trattamento rapidi. Ciò sottolinea il ruolo cruciale che la diagnosi precoce e il trattamento svolgeranno al fine di ridurre l’onere globale del cancro infantile.

 

GBD 2017 Childhood Cancer Collaborators. The global burden of childhood and adolescent cancer in 2017: an analysis of the Global Burden of Disease Study 2017. Lancet Oncol 2019, Published Online July 29, 2019.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − 9 =