Dalla Danimarca: un vaccino per le donne contro la clamidia genitale

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Diseases, il primo vaccino contro la clamidia mai realizzato è risultato sicuro e in grado di provocare una risposta immunitaria in uno studio clinico di fase 1. La sperimentazione, randomizzata e controllata su 35 donne sane, dimostra promettenti risultati di quello che potrebbe essere un vaccino efficace.

Saranno però necessari ulteriori studi per determinare se la risposta immunitaria provocata protegge efficacemente contro l’infezione da clamidia.

La clamidia e la vaccinazione

La Chlamydia trachomatis, ha un forte impatto sulla salute in tutto il mondo, con 131 milioni di nuovi casi ogni anno. Tuttavia, poiché tre infezioni su quattro non presentano sintomi, è probabile che il numero di casi sia sottovalutato. Il maggior numero di nuovi casi si riscontra negli adolescenti e nei giovani adulti. (Leggi un precedente articolo che presenta un rapporto dell’OMS sulle infezioni sessualmente trasmissibili.)

La vaccinazione può essere il modo migliore per affrontare l’epidemia, poiché i programmi di trattamento nazionali non sono riusciti a frenarla, nonostante la disponibilità di test diagnostici e di un trattamento antibiotico efficace.

Precedenti studi hanno suggerito che le persone infette da clamidia sviluppano un’immunità naturale parziale o temporanea al patogeno, ma nessun precedente vaccino per la clamidia genitale è arrivato ad essere sperimentato in studi clinici.

“Dato l’impatto dell’epidemia di clamidia sulla salute delle donne, la salute riproduttiva, la salute dei bambini attraverso la trasmissione verticale e una maggiore suscettibilità ad altre malattie a trasmissione sessuale, esiste un bisogno medico insoddisfatto globale per un vaccino contro la clamidia genitale”, afferma l’autore dello studio, il professor Peter Andersen, dello Statens Serum Institut, in Danimarca.

La malattia infiammatoria pelvica

In una donna su sei infetta da clamidia, l’infezione sale dalla cervice e causa una malattia infiammatoria pelvica. Ciò può provocare dolore pelvico cronico e persino infertilità o gravidanza extrauterina, specialmente nei paesi in via di sviluppo, dove l’accesso al trattamento e allo screening è limitato.

Inoltre, la clamidia è fortemente associata alla suscettibilità ad altre infezioni a trasmissione sessuale, in particolare la gonorrea e l’HIV. L’infezione da clamidia durante la gravidanza può aumentare il rischio di esiti avversi come aborto spontaneo, parto di bimbo morto e parto pretermine.

Il vaccino contro la clamidia: lo studio

Nello studio, gli autori miravano a valutare la sicurezza e la capacità di provocare una risposta immunitaria, nell’uomo, di un nuovo vaccino contro la clamidia, il CTH522, basato sulla principale proteina della membrana esterna del batterio Chlamydia trachomatis. I ricercatori hanno confrontato due diverse formulazioni, una con l’aggiunta di liposomi CAF01, progettati per aiutare l’immunità cellulare, e una con idrossido di alluminio, noto per la sua capacità di aiutare a produrre anticorpi.

Le 35 donne non infette da clamidia incluse nello studio sono state assegnate in modo casuale a tre diversi gruppi: due con il nuovo vaccino, CTH522, e uno al placebo (cinque partecipanti hanno ricevuto soluzione salina). Di coloro che hanno ricevuto il vaccino, 15 partecipanti hanno ricevuto il vaccino combinato con liposomi CAF01 (CTH522: CAF01) e gli altri 15 hanno ricevuto il vaccino con idrossido di alluminio (CTH522: AH).

La vaccinazione è stata somministrata ai partecipanti con tre iniezioni intramuscolari nel braccio somministrate nei giorni 0, 28 e 112 e due somministrazioni intranasali nei giorni 126 e 140. Trentadue partecipanti hanno ricevuto tutte e cinque le vaccinazioni.

La risposta immunitaria evocata

Entrambe le formulazioni del vaccino hanno provocato una risposta immunitaria in 15 partecipanti su 15 (100%), mentre nessun partecipante nel gruppo placebo ha ottenuto una risposta immunitaria.

Entrambe le formulazioni dei vaccini hanno provocato una risposta immunitaria, ma CTH522: CAF01 ha funzionato costantemente meglio, producendo 5,6 volte più anticorpi. Gli autori suggeriscono quindi che questa formulazione dovrebbe essere preferita per un ulteriore sviluppo clinico. CTH522: CAF01 ha mostrato ulteriori prestazioni migliori rispetto a CTH522: AH, incluso un profilo anticorpale della mucosa potenziato, che funge da prima linea di difesa contro l’infezione, e un profilo di risposta immunitaria cellulo-mediato più coerente, associato a un’immunità di lunga durata.

Risposta immunitaria e immunità protettiva

Sebbene il vaccino provochi una risposta immunitaria, non è chiaro se questo si traduca in immunità protettiva. La prima autrice Helene B Juel, del Statens Serum Institut, in Danimarca, afferma: “Studi sugli anticorpi nei topi hanno scoperto che gli anticorpi nella vagina sono la prima linea di difesa contro l’infezione da clamidia, il che suggerisce che sono fondamentali per l’efficacia del nuovo vaccino.

Nel nostro studio, sono state trovate concentrazioni significativamente aumentate di questi anticorpi in entrambi i soggetti vaccinati con AH CTH522: CAF01 e CTH522. Sebbene siano necessari molti altri anni di ricerca prima che questo vaccino venga commercializzato, stiamo pianificando la prossima fase di ricerca – uno studio di fase 2a su CTH522: CAF01.”

Nessun effetto avverso grave

Il CTH522 con CAF01 o idrossido di alluminio sembra essere sicuro e ben tollerato. Non sono stati segnalati eventi avversi gravi correlati. Gli eventi avversi più frequenti sono state lievi reazioni locali nel sito di iniezione: tutti i 15 partecipanti nei due gruppi di trattamento con vaccino hanno avuto una reazione lieve, che sembrava verificarsi più frequentemente rispetto al gruppo placebo.

Le reazioni locali più comuni sono state dolore al sito di iniezione, dolorabilità e alterazione del movimento, con l’88-93% degli eventi segnalati come lievi in ciascuno dei gruppi, della durata media di 2-4 giorni in tutti i gruppi.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 + 4 =