Testosterone: effetti positivi e negativi sulla salute di uomini e donne

I livelli di testosterone possono influenzare il rischio di sviluppare malattie cardiometaboliche e il cancro, in modo diverso negli uomini e nelle donne. È quanto emerge da un nuovo studio, pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista Nature Medicine.

Il testosterone negli uomini e nelle donne

Il testosterone è un ormone prodotto naturalmente sia negli uomini che nelle donne. L’utilizzo di integratori di questo ormone è una pratica ampiamente utilizzata per migliorare la salute delle ossa, la funzione sessuale e la composizione corporea. Tuttavia, gli effetti della somministrazione di farmaci contenenti questo ormone sulla salute non erano mai stati valutati con precisione.

Testosterone: variabili genetiche, malattie metaboliche e cancro

John Perry, Timothy Frayling e colleghi hanno analizzato i livelli di testosterone e i dati genetici disponibili per 425.097 soggetti, disponibili nella biobanca britannica. Hanno esaminato ben 2.571 variabili genetiche che regolano i livelli di testosterone e le loro associazioni con malattie metaboliche, come il diabete di tipo 2, e la sindrome dell’ovaio policistico, nonché il cancro.

Testosterone: aumenta il rischio di sviluppare diabete e un ovaio policistico

Gli autori hanno evidenziato come le donne geneticamente predisposte ad alti livelli di testosterone avevano un rischio aumentato del 37% di sviluppare un diabete di tipo 2 e del 50% circa di sviluppare una sindrome dell’ovaio policistico.

Negli uomini, livelli più elevati di testosterone hanno generalmente prodotto un effetto protettivo e hanno ridotto il rischio di diabete di tipo 2 di quasi il 15%. È stato inoltre dimostrato che un testosterone più elevato si associa a un aumento del rischio di sviluppare un carcinoma mammario ed endometriale nelle donne e un carcinoma prostatico negli uomini.

Gli autori concludono che questi risultati dimostrano i diversi effetti del testosterone sulla salute di donne e uomini ed evidenziano la necessità di analisi genetiche specifiche per il genere nella futura ricerca clinica in questo campo.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 5 =