Bugatti Type 13 e Type 35: nasce nelle corse degli anni ’20 il DNA delle odierne auto sportive

Un radiatore a forma di ferro di cavallo e una finitura blu brillante. Erano questi gli elementi distintivi che rendevano le Bugatti facilmente riconoscibili nelle gare degli anni ’20. Le vetture della casa automobilistica fondata in Francia nel 1909 dall’emigrato italiano Ettore Bugatti.

La Type 13 e successivamente la Type 35 gettarono le fondamenta per i veicoli odierni, circa 100 anni fa, diventando leggende delle corse.

Per Bugatti, gli anni ’20 rappresentano un momento di vittoria in quasi tutte le competizioni che si svolgono in quel periodo. I veicoli leggeri e robusti di Molsheim sono difficili da battere, soprattutto su strade difficili e gare di montagna con curve strette, superficie sconnessa, buche, sabbia e pietre.

“Nella nostra storia di oltre 110 anni, abbiamo dimostrato più di una volta che i nostri veicoli hanno abbastanza successo sui circuiti, ma anche su strade e gare di montagna. Il nostro DNA include un perfetto coordinamento con ogni fondo stradale”, afferma Stephan Winkelmann, Presidente di Bugatti. “Il nostro obiettivo è sempre stato quello di costruire i veicoli migliori, più performanti, più veloci e lussuosi al mondo, anche lontano dalle piste. Questo è stato il nostro principio guida negli ultimi 110 anni. “

Bugatti: la Type 13

Già nel 1911 la Type 13 finì seconda al Grand Prix di Francia. La combinazione di un corpo leggero e agile con un motore forte e affidabile apriva una nuova epoca. Dopo la Prima guerra mondiale, Bugatti fu in grado di riprendere la produzione solo nel 1919. Inizialmente con la Type 13, ma più raffinata, frutto di una migliore tecnologia. Il precedente quattro cilindri da 1,3 litri era stato dotato di una testata a quattro valvole per un flusso di gas più rapido e migliore. Ciò rendeva la Type 13 una delle prime auto con tecnologia a quattro valvole.

Cento anni fa, il metallo bianco per cuscinetti e pistoni dell’albero motore era un elemento nuovo, così come una pompa di benzina e una pompa che spruzzava olio su componenti selezionati. A partire dal 1920, due candele per camera di combustione accendevano la miscela più rapidamente nella versione da corsa a quattro cilindri, ricevendo l’energia da due magneti.

La Type 13 ha conquistato il primo posto nella classe Voiturettes (auto da corsa leggera) al Gran Premio di Francia a Le Mans – con un vantaggio di 20 minuti sul secondo classificato. La piccola auto ad alte prestazioni divenne rapidamente popolare, sia tra i piloti che tra gli spettatori.

Un anno dopo, il volume del motore era di poco inferiore a 1,5 litri con una potenza fino a 50 CV. Oltre alla potenza, anche il peso ridotto a meno di 400 chilogrammi gioca un ruolo nelle gare.

La Type 13 ha vinto gare sul Lago di Garda, gare di montagna sul Mont Angel vicino a Monte Carlo, a South Harting,a Limonest vicino a Lione e a La Turbie vicino a Nizza.

Bugatti ha poi modificato la Type 13 producendo diverse lunghezze del corpo del veicolo, chiamando le variazioni risultanti Tipo 15, Tipo 17, Tipo 22 e Tipo 23. Nel 1921 la Type 13 si è piazzata ai primi quattro posti al Grand Prix delle Voiturette.

La Bugatti Type 35 in Spagna.

Un capolavoro di tecnologia: Type 35

Fu dal 1924 in poi che la Bugatti Type 35 fece scalpore in tutto il mondo. Con l’auto sportiva di nuova concezione, il potente motore a otto cilindri, il sofisticato assale anteriore e le ruote in alluminio leggero, Bugatti avrebbe dominato le piste da corsa in tutto il mondo nei successivi quattro anni.

Per la prima volta è stata utilizzata una doppia manovella e cuscinetti a tripla sfera, che hanno permesso al motore con gli otto pistoni di ruotare fino a 6000 giri/min. Grazie anche a due anziché a un carburatore, la potenza del motore inizialmente da 2,0 litri è aumentata fino a 95 CV e la potenza è stata trasmessa tramite una frizione a dischi multipli bagnata. La prima Type 35 superava i 190 km/h.

Nel modello successivo, la Type 35 B, con motore 2,3 litri a otto cilindri e compressore, la potenza è aumentata fino a 140 CV e la velocità massima a oltre 215 km/h. Nel 1924 Bugatti la utilizzò in gare di montagna come quella di Gometz-le-Châtel vicino a Parigi.

La Type 35 partecipò per la prima volta alla Targa Florio in Sicilia nel 1925 e ottenne immediatamente una vittoria. Altre quattro volte questi modelli emergeranno come vincitori in questa gara su lunghe distanze, su strade pubbliche di montagna. È stata la gara su strada più dura e famosa al mondo. Complessivamente, la Type 35 vinse circa 2.000 gare all’inizio degli anni ’30, rendendola l’auto da corsa di maggior successo di sempre. Ettore Bugatti ha quindi definito la sua creazione “l’antenato di una razza di cavalli da corsa purosangue di Molsheim – un vero purosangue”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + 17 =